Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Inutile strage 
Domenica 24 maggio bandiere a mezz'asta a Bolzano (prendiamo esempio)
Lucca, 8 gennaio 2015. Bandiere a mezz
Lucca, 8 gennaio 2015. Bandiere a mezz'asta in segno di lutto per la strage di Pargi (Charlie Hebdo) 
23 Maggio 2015
 

La definizione più corretta della prima guerra mondiale (prima è meglio di Grande, molto retorico e inappropriato) è questa, pronunciata da Benedetto XIV, il papa allora regnante. Dunque la data che nella storia del nostro paese segna il suo inizio, il 24 maggio 1915, sarebbe da considerarsi una data infausta: molto bene ha fatto il Comune di Bolzano ad esporre la bandiera a mezz'asta in segno di lutto sugli edifici pubblici. Incerta la posizione del governo che oscilla fra citazioni ungarettiane ed esaltazioni nazionalistiche, segno di sue contraddizioni interne e dello squilibrio di potere tra società civile e ministero della difesa, un potere forte soprattutto economicamente, sia come spesa che come influenza.

In questa stupida confusione, tipica di un governo decisionista che spesso parla troppo e non decide nulla, ha gioco la destra estrema non controllata, ma anche iniziative di base che arrivano fino al Parlamento come la legge di iniziativa popolare per l'auspicata riabilitazione dei più di mille italiani che disertarono e -catturati dai carabinieri- furono condannati a morte ed "eseguiti", una vera vergogna: in tutti gli altri paesi nei quali si verificò un fenomeno analogo, è già avvenuta.

Molto opportuno è anche ricordare l'opinone che i militari arruolati ebbero ed espressero sulla guerra, non solo nelle canzoni espressamente antimilitariste come "Gorizia", "Monte Canino", ma anche in altre popolarissime, dalle quali traspira una assoluta indifferenza per gli aspetti militari o addirittura la denuncia di tragiche mancanze.

Citerò tra queste una che a me pare molto bella anche come frase musicale: «Era una notte che pioveva/ e tirava un forte forte vento,/ immaginatevi che grande tormento/ per un alpino che sta a vegliar./ A mezzanotte arriva il cambio/ accompagnato dal capoposto,/ o sentinella torna al tuo posto/ sotto la tenda a ri, a riposar./ Come fui stato sotto la tenda/ sentivo l'acqua giù per le spalle,/ sentivo i sassi giù nella valle,/ sentivo i sassi a ro, a rotolar» e l'altra. «Il comandante la compagnia è ferito e sta per morir e manda a dire ai suoi alpini che lo vengano a ri, a ritrovar. I suoi alpini gli mandan dire che non han scarpe per caminar. O con le scarpe o senza scarpe i miei alpini io li voglio qua. Cosa comandelo sior capitano, che i suoi alpini sono arivà; e io comando che il mio corpo in quatro pezi venga taglià. Il primo pezo alla mia mamma, che si ricordi del suo figlio alpin, secondo pezo alla morosa, che si ricordi del suo primo amor, il terzo pezo alla montagna che lo ricopra di rose e fior, il quarto pezo al regimento che si ricordi del suo capitan». Esiste anche una variante con un quinto pezo al re d'Italia, ma non mi ricordo più perché.

Resta la definizione di inutile strage, se si pensa che l'Italia ebbe 600.000 morti in battaglia e una serie di feriti e invalidi che a lungo pesarono sulla spesa pubblica, vere condizioni di ristrettezza e vera fame del popolo, nonché una altrettanto grave perdita di altre 600.000 persone, per lo più civili, tra i quali molti bambini e bambine, per l'epidemia di spagnola una forte e mortale influenza: e tutti questi morti per "conquistare" circa 300.000 vivi nemmeno entusiasti di essere conquistati.

Il ricordo della prima guerra mondiale non può essere lasciato passare secondo la retorica nazionalista: da gran tempo il Piave non mormora più e il confine del Brennero per conquistare il quale non morì nessun soldato perchè ci fu assegnato dopo la guerra per motivi economici (l'energia elettrica era allore ciò che è oggi il petrolio) è un confine d'Europa, un confine cioè per il quale è tecnicamente impossibile fare una guerra.

Sono tutte e solo piccole tracce di pace passiva, ma per il momento accontentiamoci di non fare nemmeno mezzo passo indietro da qui. E magari qualcuno dia il via alla canonizzazione di Benedetto XIV, che se lo meriterebbe.

 

Lidia Menapace

 

 

 

Domenica 24 maggio bandiere a mezz'asta

In occasione del 100° anniversario

dell'ingresso dell'Italia nella Grande Guerra

 

Il Sindaco di Bolzano, preso atto della circolare del Presidente del Consiglio e della successiva indicazione del Presidente della Regione, relativamente all'esposizione della bandiera tricolore il 24 maggio in occasione del 100° Anniversario dell'ingresso dell'Italia nella Grande Guerra, dispone che detta esposizione avvenga a mezz'asta, perché l'inizio di quella guerra, come pure di tutte le guerre, costituisce già di per sé una sconfitta per l'umanità e per chi crede come noi nell'ideale della convivenza pacifica. (Sito ufficiale Città di Bolzano)


Articoli correlati

  Ideale Cannella. Le ali dell'Angelo
  Patrizia Garofalo. Un volto umano nell’orrore disperato di una guerra
  Gianluca Moiser. Alla madre di un eroe
  Gianluigi Garbellini: Centenario della Grande Guerra (1914-1918)
  Poesiabambina/ Guerra e pace due cose distinte
  Morbegno. 100 anni fa: la guerra
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Grande Guerra 1914 – 2014. Tre serate a Sondrio
  Eravamo tutti contadini
  Poesiabambina/ Prima e dopo il 4 Novembre...
  Francesco Cecchini. Villa Pisani, Montebelluna
  Francesco Cecchini. Se cent'anni vi sembran pochi...
  Tirano. “Dietro le linee”
  La prima guerra mondiale nei diari del caporale Louis Barthas
  Marco Dalla Torre. Ottima l'operazione di rieditare Ideale Cannella
  Presentazione del libro di Ideale Cannella “Le ali dell'Angelo”
  “I fotografi della Grande Guerra”
  Poesiabambina/ La pace è una festa di mille canzoni. Come un foglio bianco...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Gino Songini. Il Piave mormorava…
  Ideale Cannella all'Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara
  Gino Songini. I ragazzi della mala morte
  Mauro Raimondi. La Prima Guerra Mondiale che non ci hanno raccontato…
  Poesiabambina/ Pace immensa. E altri sogni
  Memoriale Villa Pisa­ni: Intervista al sindaco di Monte­bel­luna, Marzio Favero
  Biblioteca Gino Bianchi: Da Caporetto ai trattati di pace
  Maria Paola Forlani. La Guerra che verrà non è la prima
  Morbegno. Carlo De Maria: Il lungo Ottocento e le origini della guerra mondiale
  Poesiabambina/ Ero rimasto solo io... La guerra è un tira e molla tra la vita e la morte
  Calolziocorte (Lc). Un racconto di 100 anni fa al Lavello
  “E’ Vatellina”. Tante iniziative per le scuole
  Fabiana Cruciani. Addio mia bella Addio
  Domenica/ Matteo Moca. 99 sogni
  Anna Lanzetta. Un ricordo della “Grande Guerra”
  Patrizia Garofalo. Il Gesù senza mani ha la voce negli occhi
  Maria Paola Forlani. Tempi della Storia, Tempi dell’Arte
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy