Lunedì , 18 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. La lampadina latitante
22 Giugno 2008
 

Dal blog Generación Y

20 giugno 2008

 

 

Obligada penumbra

Hace dos años tocaron a la puerta los trabajadores sociales. Venían para cambiar los bombillos incandescentes por otros ahorradores, en medio de una campaña rimbombante llamada Revolución Energética. A mí me gustaba la luz cálida y amarilla que daba la lámpara de la sala, pero en una rápida inspección los entrenados adolescentes detectaron el despilfarrador filamento y tuve que entregarlo. Me dieron otro que proyectaba una luminiscencia pálida y que me duró tres semanas. Mis ojos se alegraron de la corta vida del bombillo económico, pues en la noche no había forma de distinguir los detalles bajo su mortecina luz.

Para reponer el roto, tuve que recurrir a las tiendas en divisas, donde tampoco volvieron a vender los satanizados bombillos convencionales –aquellos que toda la vida habíamos tenido en la mesita al lado de la cama-. Me resigné a comprar las efímeras bujías ahorradoras o los otros -llamados de “luz fría”- que le dan a mi sala una apariencia de quirófano. Pero desde hace dos meses ni siquiera esos aparecen. No hay ningún tipo de bombillo en las tiendas de La Habana.

Como un chiste, los vendedores me dicen que el barco que los trae “no ha llegado de China” y me anuncian que en una pequeña tiendecita del Cerro sacaron algunos, en medio de una molotera. Un rápido examen a mi apartamento indica que las zonas en penumbras exceden ya a las iluminadas. De manera que si los caprichos de la distribución se mantienen, tendré que mejorar mi sentido táctil o tropezaré con cada mueble.

Lo que nadie sabe –y es de esos secretos que sólo escribo en un diario privado como éste- es que logré esconder, de los trabajadores sociales, un espécimen de los bombillos perseguidos. Uno redondo y malgastador, que me ha acompañado por más de cinco años con la amarillenta luz que dan sus 40 watts. No es que disfrute derrochar electricidad, pero necesito creer que al menos puedo decidir bajo qué tipo de luz leo, ceno o veo la tele.

Me aferro al prófugo bombillo, como si con él pudiera iluminar y esclarecer no sólo la sala de mi casa, sino la torpeza de los comerciantes y el voluntarismo de las campañas energéticas.

 

Yoani Sánchez

 

 

Penombra inevitabile

Due anni fa bussarono alla porta i lavoratori sociali. Venivano per cambiare le lampadine incandescenti con altri mezzi per risparmiare energia, durante una campagna roboante chiamata Rivoluzione Energetica. A me piaceva la luce calda e gialla che dava la lampada della sala, però durante una veloce ispezione i giovani incaricati scoprirono il filamento sperperatore e dovetti consegnarlo. Me ne dettero un altro che emanava una pallida luminescenza e che mi durò tre settimane. I miei occhi si rallegrarono per la breve vita della lampadina economica, perché di notte non riuscivo a distinguere i dettagli sotto la sua fioca luce.

Per sostituire il pezzo rotto, dovetti ricorrere ai negozi in divisa, ma neppure là vendevano più le diaboliche lampadine convenzionali, quelle che per tutta la vita abbiamo tenuto sul tavolino accanto al letto. Mi rassegnai a comprare le effimere lampade economiche o le altre - chiamate di luce fredda - che danno al mio salotto l’aspetto di una sala operatoria. Ma dopo due mesi non compaiono più nemmeno quelle. Non si trovano lampadine di nessun tipo nei negozi dell’Avana.

Con una battuta di spirito, i venditori mi dicono che la barca che le porta “non è arrivata dalla Cina” e mi annunciano che in un piccolo negozietto del Cerro ne tirarono fuori alcune, in mezzo a una ressa. Un rapido esame del mio appartamento mostra che le zone di penombra sono in maggior numero rispetto a quelle illuminate. In modo tale che se continuano i capricci della distribuzione, dovrò migliorare il mio senso del tatto o inciamperò in ogni mobile.

Quello che nessuno sa - e di tali segreti scrivo soltanto in un diario privato come questo - è che sono riuscita a nascondere ai lavoratori sociali, un esemplare delle lampadine perseguitate. Uno rotondo e scialacquatore, che mi ha accompagnato per più di cinque anni con la luce giallastra che danno i suoi 40 watts. Non è che mi piace sprecare elettricità, però devo credere che posso decidere almeno con quale tipo di luce leggo, ceno o guardo la tele. Mi aggrappo alla lampadina latitante, come se con essa potessi illuminare e rischiarare non solo la sala della mia casa, ma anche la lentezza dei commercianti e il volontarismo delle campagne energetiche.

 

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

Nota del traduttore: I negozi in divisa sono i vecchi negozi in dollari, adesso in pesos convertibili, riservati ai turisti stranieri o ai cubani che possiedono valuta pregiata.


 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 29 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy