Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Brondi: La mia immagine… che tengo in soffitta. 7ª Epistola
18 Dicembre 2009
 

Credo che il mio affetto sia assai poco affidante anche perché non riesco a vivere nel presente e naufragare nell’attimo contentandomi. Sono un tipo molto complicato.  Oscillo tra amore della regolarità, delle radici, delle abitudini che mi danno certezza e sicurezza e slanci e scelte che tendo immediatamente a smorzare, smarrita nell’immaginazione degli effetti. Vivo e mi guardo vivere: mi guardo con gli occhi degli altri e mi faccio schifo per queste romanticherie post nietzschiane che suscitano la mia più corrosiva ironia ma che mi appartengono. Sono molto possessiva ed esclusivista e mi irrita fino a mandarmi in crisi derogare per prima a questa condizione, riservandomi spazi per fantasie sentimentali ideologiche quando non tollero nelle persone che amo evasioni anche solo immaginarie. Vivo giorni di isolamento in montagna e ti scrivo di getto cose comunque pensate e ripensate , dopo solitarie passeggiate mattutine,attese, ripensamenti e ancora attese. Adesso passeranno alcuni giorni prima che ci si possa sentire. Per questo, anche se con fatica, mi sono decisa a scriverti per dirti quello che per cellulare, appena sento la tua voce, non riesco a comunicarti. Credo che il cellulare non sia il mezzo a me più congeniale, troppo tortuoso il percorso dei miei pensieri e sentimenti per scandirlo con i tasti di tale strumento. Non presumere comunque che la tortuosità denunciata sia sintomatica di profondità. Credo anzi che sia la spia più fastidiosa della superficialità del mio modo di essere e pensare. E non si tratta di un bilancio volutamente in nero per suscitare la reazione opposta su chi lo legge. Si tratta proprio della mia immagine, quella che tengo in soffitta, ma che sono costretta a guardare e riconoscere ogniqualvolta voglio essere sincera con me stessa. Spero di non averti fatto troppo male e di non essermi fatta e continuare a farmi male. Certamente ci rivedremo e ti penso.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy