Lunedì , 18 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morbegno. Giornata della Memoria 2008
29 Gennaio 2008
 

L'Istituto Sondriese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea con il

Comune di Morbegno – Assessorato alla Cultura e e con il patrocinio del Ministero dell’Interno e del Ministero della Pubblica Istruzione,

organizzano:

 

GIORNATA DELLA MEMORIA 2008

PORRAJMOS:
il genocidio dimenticato
di Rom e Sinti

 

Concerto della memoria con

Alexian Santino Spinelli e il suo gruppo

 

Morbegno, Auditorium S. Antonio

1° febbraio 2008

ore 9:00 per le classi delle scuole superiori che hanno aderito all’iniziativa

ore 21:00 per tutti i cittadini (biglietto di ingresso al concerto € 8.00)

 

L’iniziativa, promossa dall’Istituto Sondriese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea e dal Comune di Morbegno per celebrare la Giornata della Memoria, con il patrocinio del Ministero dell’Interno e del Ministero della Pubblica Istruzione, è rivolta innanzitutto ai giovani delle scuole superiori, con l’obiettivo di far luce sulla persecuzione e lo sterminio nazista del popolo rom e sinti, proponendo un momento di riflessione su questa vicenda spesso dimenticata. Se infatti sul genocidio del popolo ebraico grava il pericolo costante del revisionismo storico, sul genocidio degli zingari grava il pericolo dell’oblio, della dimenticanza più totale.

La persecuzione di Rom e Sinti d’Europa, come la Shoah per gli ebrei, ha un suo nome: “Porrajmos”, una parola che in italiano si traduce con annientamento, distruzione, divoramento.

Il popolo rom ha patito sofferenze atroci durante il nazismo e il fascismo: fino ad oggi le vittime accertate sono alcune centinaia di migliaia - si parla di 500 mila rom morti nei campi di sterminio - tuttavia la maggior parte degli storici concorda sull’impossibilità di fornire cifre definitive, anche perché agli zingari annientati nei campi di concentramento nazista devono essere aggiunti quelli uccisi o comunque perseguitati (ad esempio con la pratica della sterilizzazione coatta o con la prigionia) nei campi di detenzione dei territori occupati di tutta l’Europa.

Anche il regime fascista fu direttamente responsabile della persecuzione razziale contro i Rom e collaborò attivamente al Porrajmos, sia nei confronti degli zingari italiani e stranieri insediati sul territorio nazionale, sia ai danni dei gruppi rom dei paesi occupati dal nostro esercito.

L’assenza, nel nostro paese, di una esplicita legislazione razziale riconducibile agli zingari, utilizzata per negare le responsabilità del regime e la continuità con gli orrori che si andavano perpetrando in Europa, non deve trarre in inganno. L’ampia discrezionalità nell’applicazione estensiva di alcune norme anti-ebraiche e il ricorso a disposizioni prefettizie e delle questure in materia d’ordine pubblico, di fatto fornirono i presupposti per l’applicazione di una politica razziale nazionale che consentisse vessazioni, limitazioni della libertà di circolazione, rastrellamenti, internamenti nei campi di prigionia italiani, nonché il trasferimento nei lager nazisti di alcune migliaia di rom e sinti italiani e stranieri.

 

Fausta Messa, Direttrice dell’Istituto Sondriese

per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea

Gianfranco Peyronel,

Assessore alla Cultura Comune di Morbegno

 

 

Il “Giorno della Memoria” è stato istituito con la legge 20 luglio 2000, n. 211, al fine di ricordare la data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz (27 gennaio 1945) e commemorare la Shoah (in ebraico “catastrofe”, “distruzione”, “desolazione”), recuperando di anno in anno alla memoria storica le leggi razziali, la persecuzione, la deportazione, la prigionia e lo sterminio dei cittadini ebrei e di tutti coloro che pur in campi e schieramenti diversi si opposero a quel folle progetto di genocidio, non esitando a salvare altre vite e a proteggere in condizioni difficili i perseguitati, anche mettendo a rischio la propria vita.

 

Alexian Santino Spinelli è un artista di fama internazionale. Musicista e compositore tiene numerosi concerti in Italia e all'estero con il suo gruppo: l'Alexian Group.

Nato a Pietrasanta (Lu) il 21/07/1964, Alexian è musicista compositore, cantautore, insegnante, poeta, saggista. Oggi risiede a Lanciano, in Abruzzo: ha due lauree, una in Lingue e Letterature Straniere Moderne e l'altra in Musicologia, entrambe conseguite all'Università degli Studi di Bologna. Insegna lingua e Cultura Romaní all'Università di Trieste.


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy