Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Il mio ultimo briciolo di fede  
La registrazione del fermo del 24 febbraio scorso
07 Aprile 2010
 

 

Dobbiamo riportarli al rispetto della legge

Julio, avvocato

 

Ho passato la settimana scorsa da un ufficio legale all’altro per sporgere una denuncia per detenzione illegale e maltrattamenti. Alla fine di febbraio una serie di arresti arbitrari hanno impedito a oltre un centinaio di persone di partecipare alle attività collegate al funerale di Orlando Zapata Tamayo. Sono stata rinchiusa anch’io in una cella, durante quel mercoledì grigio mentre mi dirigevo a firmare il libro di condoglianze autorizzato nella casa di una Dama in Bianco. Il grado di violenza impiegato contro di me e il mancato rispetto dei procedimenti legali per incarcerare un individuo, mi ha spinto a presentare un’istanza, anche se le speranze che venga accettata e discussa in tribunale sono poche.

L’esperienza sofferta il 6 novembre del 2009, quando io e diversi blogger siamo stati vittime di un sequestro illegale da parte dei membri della Sicurezza di Stato, ci ha fatto temere che certi atti possano ripetersi in qualunque momento. Per questo motivo porto sempre con me un registratore e una macchina fotografica, strumenti utili per realizzare una testimonianza dell’accaduto. Il 24 febbraio scorso la vita mi ha dato ragione e ha confermato le mie preoccupazioni. Fortunatamente il mio telefono mobile ha registrato l’audio di come si sono svolti di fatti e persino dopo che mi era stato sequestrato ha continuato a registrare le conversazioni tra gli agenti della Sicurezza di Stato e i poliziotti - senza distintivo - che ci avevano rinchiuso con la forza nella stazione situata tra Infanta e Amenidad. La testimonianza è molto completa, contiene i nomi dei responsabili, svela il sottofondo politico di un’operazione che aveva come obiettivo oppositori, giornalisti indipendenti e blogger, inoltre è avallata dalla dichiarazione dei testimoni presenti.

Ho inviato copie di questa documentazione di “sequestro” al Tribunale Militare della Repubblica e anche agli organismi internazionali dei Diritti Umani che proteggono i giornalisti e ai settori collegati con i maltrattamenti. Per portare a termine questa impresa mi sono fatta assistere da diversi avvocati. Anche se esistono poche possibilità che qualcuno venga giudicato, almeno i responsabili sapranno che le loro atrocità non saranno coperte dal silenzio della vittima e dal bavaglio imposto ai testimoni.

La tecnologia ha permesso di far venire tutto alla luce. Pubblico soltanto i minuti iniziali di una registrazione che ancora oggi mi fa male ascoltare. Il resto del materiale lo renderò pubblico dopo che saranno trascorsi i 60 giorni di cui dispone il Tribunale Militare per darmi una risposta.

 

Non avevo voluto rivelare prima questi fatti perché non volevo che l’attenzione dei media venisse distolta neppure per un istante dagli spiacevoli eventi che si stanno verificando nel mio paese. La voce femminile che mi accompagna durante la registrazione è di mia sorella, Yunia Sánchez. La trascrizione di questo frammento la potete leggere qui.

 

Trascrizione della registrazione di alcuni minuti, realizzata da un telefono mobile la sera dei fatti:

 

Si identifichi, per favore. Per favore, per favore.

Chi siete? L’autorità? No. Pretendo un poliziotto in uniforme.

Lasciatela – dice Yunia, mentre assiste ai primi tentativi per immobilizzare le mie braccia.

Non la far passare, non la far passare

– … lei è un’autorità? No.

Guarda qui – mi disse una delle donne mostrandomi rapidamente un documento del quale feci appena in tempo a vedere una lettera “E” azzurra.

Nooo. Nooo. State incorrendo nel reato di coercizione, impedendomi di fare qualcosa... lasciatemi... lasciatemi... lasciatemi... – due donne tentavano di immobilizzare le mie braccia.

Lei conosce il reato di coercizione? Lei mi sta impedendo di fare qualcosa che la legge non vieta.

Lei non si è identificata. Si identifichi – spiega uno dei civili a un altro che sta arrivando.

Chi è lei? Io mi identifico solo di fronte a un poliziotto in divisa. Mi chiami un poliziotto in divisa.

Aspetti che adesso arriva.

Io non riconosco nessuno in abiti civili. Perché lei può essere una sequestratrice, una violentatrice.

Adesso arriva.

Basta, non devi darle spiegazioni – dicono tra loro le due donne.

È chiaro, perché voi non siete l’autorità. Voi non potete fare queste cose.

No?

Voi non potete fare queste cose.

Perché non possiamo fare queste cose? Chi lo dice?

Perché siete in abiti civili, non avete l’ordine di un giudice, né un’autorizzazione di polizia. Non potete.

Ma lei non è in stato di arresto.

Proprio per questo motivo.

Le abbiamo solo chiesto di identificarsi.

Identificarsi? Mi hanno insegnato sin da bambina che può pretenderlo soltanto una persona che possiede un distintivo con un numero... una persona in divisa...

È un errore, soltanto un tuo errore.

No.

 

Arriva un’auto con le sbarre e cerco di fare una telefonata per rendere noto quel che sta accadendo.

 

Qualche problema?

Vediamo di spengere questo telefono.

Non spengo proprio niente. Le ho già detto che sta incorrendo in un reato di coercizione.

Spengi il cellulare.

Non spengo proprio niente.

Non mi tocchi.

Le ho già detto che è un reato di coercizione.

Attento, non mi tocchi. Non mi tocchi.

Eh?

Adesso sono arrivate le persone con il distintivo che vuol vedere.

Bene, perfetto, andiamo là.

Guarda le persone con il distintivo.

Bene, perfetto, andiamo là. Andiamo là. Perfetto, molto bene. Non ho paura della polizia. Attento, non mi tocchi. – Le donne vestite con abiti civili continuavano a cercare di immobilizzarmi e di togliermi il telefono mobile.

Ha capito che non può chiamare?

Non mi tocchi più!

Io sono, io... che cosa crede? – disse quella con la camicia rossa e gli occhi dal taglio cinese.

Allora, che cosa sta succedendo qui? – cominciarono i primi colpi forti.

Questo è un reato.

Sì, sì, sì – disse uno con ironia.

Siete proprio dei codardi!

Questo è l’unico sistema?

Lasciatemi!

Lasciatemi! – mia sorella era già stata fatta salire nell’auto con le sbarre.

Cosa le stanno facendo?

Vada dentro, dentro...

No, io non posso permettere che le facciano questo.

Vada dentro, dentro...

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Vada dentro...

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Lasciatela!

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Entra dentro…

Lasciatela!

Lasciatemi!

Lasciatemi!

Lasciatela.

Entra dentro, cazzo!

 

Chiusero la porta lasciandomi insieme a mia sorella in compagnia di un uomo e di una donna che indossavano abiti civili. L’auto con le sbarre si mosse.

 

Cosa state facendo? Violatori di diritti.

 

Yoani Sánchez

Traduzione di Gordiano Lupi


Foto allegate

Articoli correlati

  Democrazia cubana e modello statunitense
  Cuba. Chaviano, da 13 anni in carcere, si iscrive al Partito Radicale
  Legislatori USA nominano le Damas de Blanco e Biscet per il Nobel della Pace
  Cuba. I funerali di Orlando Zapata Tamayo
  A Cuba continua la repressione
  Gordiano Lupi. A Cuba segnali di fermento
  Esuli cubani si incontrano con deputati del Parlamento europeo a Bruxelles
  Cuba: Raydel Poey e Yasser Portuondo liberi
  Marianna Mascioletti. Cuba, atto terzo. La fabbrica degli eroi e il Nobel per la pace
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Fariñas
  Il mio vaso di Pandora contro l’intolleranza
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Liberiamo i prigionieri politici. Tuteliamo i diritti umani a Cuba
  Il venerdì nero dei diritti umani
  Yoani Sánchez. Intimidazioni per chi manifesta per la libertà di parola
  La fine del venerdì nero con parole di speranza. Nuovo premio per Yoani
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Preparativi per la visita del papa all'Avana
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Sesta marcia delle Dame in bianco
  Raúl rivolto a Fidel: "Cazzo, è un'infermiera! Non è un Dama in Bianco!"
  Un rosso scolorito
  Joel Rodriguez. Cuba: la Chiesa a 90 gradi
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Dissidenti cubani? Arrestati e condannati in base alla legge
  Gordiano Lupi. 'Peones' della dittatura
  Yoani Sánchez. Il buon pastore
  Pannella sulla manifestazione di radicali ieri a Cuba, e su altre iniziative di politica transnazionale
  Oswaldo Payá Sardiñas. Forte repressione contro le 'Damas de Blanco'
  Cuba: Il 2012 inizia sotto il segno delle Damas de Blanco
  Cuba. Repressione contro le Damas de Blanco
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Atto di ripudio organizzato contro le Damas de Blanco
  Raúl Castro «rammaricato» per la morte di Orlando Zapata Tamayo
  ULC. Lettera alla Unione Europea dei cubani in esilio in Europa
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Nuovo nome alle Dame in Bianco in memoria di Laura Pollán
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertà del popolo cubano
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Gordiano Lupi: “Sono stato minacciato”. Yoani Sánchez e gli stalinisti
  La verità su Cuba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy