Domenica , 14 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mao Valpiana. Contro la guerra, la nonviolenza
13 Agosto 2008
 

Contro la guerra in Georgia non possiamo fare nulla. Ma quel nulla va fatto. Forse possiamo solo dire una parola, e dunque quella parola va detta. Sono molteplici e complesse le vicende che hanno creato le condizioni per questa nuova esplosione di violenza bellica (petrolio, oleodotto, sovranità nazionale, indipendenza etnica, imperialismo russo, eccetera) ma vi è una concausa che ritengo essere la più devastante e la principale responsabile del massacro in atto: gli eserciti e le armi presenti in quel teatro di guerra.

Vi è poi da aggiungere che chi sta violando il diritto internazionale lo può fare impunemente perché sa che non verrà sanzionato. L'Onu non ha strumenti propri per agire efficacemente e “salvare le generazioni future dal flagello della guerra” e non può né prevenire nè sanzionare chi la guerra attua calpestando la Carta della Nazioni Unite. Le potenze militari possono agire indisturbate: la Nato ha potuto bombardare il Kossovo, gli Stati Uniti hanno potuto attaccare l'Iraq, le truppe della Coalizione possono combattere in Afghanistan, la Cina ha potuto massacrare il Tibet, ed ora la Russia può bombardare Gori. Le superpotenze tacciono reciprocamente le violazioni altrui, per garantire l'impunità alle proprie.

Il mondo osserva attonito, l'Onu balbetta, l'Unione Europea è inerme. Lo strumento di prevenzione e pacificazione che servirebbe mettere in campo non esiste ancora. La polizia internazionale e i corpi civili di pace rimangono sogni nel cassetto. Non trovano finanziamenti perché gli stati, tutti gli stati, preferiscono convogliare ogni risorsa disponibile per armare gli eserciti nazionali. Poi, davanti all'ultimo genocidio, piangono lacrime di coccodrillo perché manca la forza per fermare il massacro in atto. Accade in Afghanistan, accade in Iraq, accade in Uganda, nel Ciad, in Somalia, nello Sri Lanka, in Israele-Palestina...

C'è una sola cosa da fare. Intanto non illudersi che con le nostre forze potremo fermare questa o quella guerra. Il compito nostro è quello di perseguire e proclamare la forza della verità: queste guerre e quelle future sono e saranno rese possibili dallo strumento militare. Per fermare il “flagello della guerra”, che produce sangue e distruzione e disumanizza l'intera umanità, è necessario abolire l'apparato bellico: le fabbriche d'armi, i bilanci militari, gli eserciti. La nonviolenza è il fine e il mezzo che questo renderà possibile.

Contro la guerra in Georgia e contro ogni altra guerra in atto non possiamo far nulla. Ma quel nulla dobbiamo fare, fosse solo accendere una candela, scendere in piazza, scrivere questo articolo. Forse possiamo solo dire una parola, e quella parola, contro la guerra e la sua preparazione, deve essere: nonviolenza. Il di più viene dal maligno.

 

Mao Valpiana

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 13 agosto 2008)


Articoli correlati

  Roma. I Radicali presentano oggi il dossier UNPO su possibili ulteriori focolai transcaucasici
  Marco Perduca. Georgia. Frattini chieda a Kouchner un vertice UE a Tblisi
  Leonardo Mesa. Georgia: un contributo per una lettura disincantata
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Marco Cappato. Georgia: il PE approva Conferenza di pace transcaucasica aperta ai popoli non rappresentati
  Georgia. Ma l'Italia con chi sta, con Putin o con l'Ue?
  Giulio Manfredi, Igor Boni. Crisi Georgia: Mosca scherza con il fuoco
  Il reportage di Iacona sul Kosovo (Rai 3)
  “Etnia”, la parolaccia che avvelena il mondo
  Georgia e dintorni. Riflessioni
  Marco Perduca. «La Goergia non è dall'altra parte del mondo, ma nel cuore d'Europa e come tale va trattata»
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy