Martedì , 25 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Habáname
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
I Rolling Stones allo Stadio Maracaná di Río de Janeiro, sabato 20 febbraio (Leo Correa, AP)
I Rolling Stones allo Stadio Maracaná di Río de Janeiro, sabato 20 febbraio (Leo Correa, AP) 
07 Marzo 2016
   

Il concerto dei Rolling Stones a L'Avana, la sfilata di Chanel e la visita del presidente Obama, tutti a marzo, aprono le porte all'informazione per i cubani

 

 

Il concerto cubano dei Rolling Stones di venerdì 25 marzo alla Città Sportiva è stato confermato ufficialmente.

Il presidente Obama e la first lady Michelle Obama saranno con noi i giorni 21 e 22 marzo per una visita storica, che segnerà una svolta nei rapporti tra Cuba e gli Stati Uniti.

Il 3 maggio ci sarà la già annunciata prima sfilata di Chanel in America Latina, che avrà come scenario il brioso Paseo del Prado. Lungo il mitico vialone e sui balconi che da Neptuno arrivano a San Lazaro la gente vedrà sfilare i pezzi più sofisticati dell’alta moda internazionale. I cubani e le cubane inizieranno ad avere un nuovo riferimento per tagli, generi e colori, creazioni uniche che vanno dallo stile classico a quello più d’avanguardia.

L’informazione visiva o gestuale fa parte della preparazione che abbiamo bisogno di ricevere in mezzo a questo isolamento e alla disinformazione.

Tutte queste visite e i loro contesti offrono un protocollo illustrativo che il cubano di oggi non conosce ma che ha bisogno di seguire.

La possibilità di scelta è molto importante per intraprendere qualsiasi cammino nel futuro, ma per vagliare, lodare, disdegnare o accettare è necessario viverlo, fare esperienza.

Vedremo le strade paralizzate di turisti, reporter, osservatori internazionali, accademici, politici o semplici curiosi che si recheranno sull’isola per vedere “questo” prima che “questo cambi”. Io credo che “questo” sia già parte del cambiamento, un colpo di timone che immagino ponga fine alla deplorevole ma quotidiana politica musicale imposta ai produttori e ai registi di programmi nelle emittenti e nelle televisioni di tutto il paese; tenendo conto dei centri televisivi e delle emittenti radio locali che qui rappresentano un mezzo ideologico potente.

Un altro evidente cambiamento è il lusso di vedere i Rolling Stones dal vivo, gratuitamente, in uno stadio finora associato ad attività sportive o culturali, sempre connesse alla politica di orientamento rivoluzionario sostenuta per quasi 60 anni.

Ogni giorno mi arrivano articoli di autori che scrivono approssimazioni riguardo al fenomeno che sta avvenendo a Cuba, non tutti i racconti sono coerenti o fedeli alla complessità degli avvenimenti

La presenza di un altro show, di altre voci e altri codici, la possibilità di ballare con un’altra colonna sonora e di sintonizzarsi su altri discorsi ideo-estetici segna anche l’accesso a un altro genere di informazione. Con ciò si affaccia la possibilità di comprendere anche la musica, l’arte, il rock e la sua leggenda come espressione personale, senza smettere di sentire la politica nella figura di questa partecipazione storica permessa oggi dalle stesse autorità che per decenni hanno dato forma alla rigida ideologia insulare.

Ricordiamo che, negli anni duri, per ascoltare questi rockettari britannici, superstiti di un fenomeno creativo e di vita heavy, molti cubani furono puniti. Per essere in possesso di un loro disco di contrabbando, alcuni vennero allontanati dal lavoro, dalle scuole o condannati per diversionismo ideologico.

Nei confronti di questa visita esistono diversi atteggiamenti:

- Alcuni si rifiutano di andare perché sarebbe come passare dal proibito all’obbligatorio.

- Altri sognano di andarci accompagnati dai loro genitori e dai loro figli per viverla in maniera diversa.

- Amici di tutto il paese, colleghi stranieri e perfino parte dell’esilio annunciano che verranno a condividere questa peculiare esperienza con noi.

Tutte le opinioni sono valide, ma quel che è certo è che vedremo migliaia di presenti ballare e delirare, gioire con ciò che prima sembrava condannarci.

Sarebbe giusto che chi sente il bisogno di scrivere a proposito di questo processo ne prendesse parte. Ogni giorno mi arrivano articoli di autori che scrivono approssimazioni riguardo al fenomeno che si sta verificando a Cuba, non tutti i racconti sono coerenti o fedeli alla complessità degli avvenimenti.

Tutti quanti hanno il diritto di giudicare il fenomeno Cuba, tra le altre cose perché siamo stati esposti come un modello che ha controllato l’ideologia, la moda, il pensiero e la vita quotidiana di molte persone nel XX secolo e in parte del XXI; ma la mancanza di internet e il modo in cui qui accadono le cose complica il nitido scorrere dell’informazione. Ci sono specialisti, blogger, giornalisti e accademici che non sono autorizzati a venire o non vogliono volare sull’isola, ma bisogna prendersi la briga di investigare.

In molti casi si scoprono quelli che non hanno mai, o per anni, messo piede in suolo cubano perché le loro argomentazioni sono scadute, e in altri, si avverte che non hanno fatto le ricerche necessarie e citano persone che addirittura sono morte. Alcuni di questi testi circolano in pubblicazioni internazionali.

I segreti del cambiamento, la finezza di questo complesso pas de deux tra censura e apertura, il modo in cui avvengono le cose, è tanto sottile quanto complicato, anche per noi che viviamo qui, che a volte siamo gli ultimi a venirlo a sapere.

Abbiamo bisogno di un altro sguardo.

Questa primavera all’Avana sarà un’ottima occasione per indagare e scrivere di ciò che accade. Una collaborazione seria che sia organizzata dall’interno e dall’esterno ci aiuterebbe nel processo di trasparenza. Io li aspetto qui.

 

Wendy Guerra

(da el Nuevo Herlad, 4 marzo 2016)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Come il vignettista Pong vede la nuova amicizia Cuba - USA
  Garrincha. Il perdono e la jama
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Zunilda Mata. L’arte della convivenza tra paesi
  Obama e Raúl Castro: incontri e disincontri
  Nuove relazioni Cuba-Usa. I commenti dei vignettisti
  Garrincha e Santana. Il dialogo Usa-Cuba al nodo dei Diritti Umani
  Wendy Guerra. E arrivarono gli americani a Cuba… senza colpi d’arma da fuoco né missili
  Jardim. Castro e la popolarità
  Pong. Cuba-Stati Uniti: Colloqui sui Diritti Umani
  Alberto Figliolia. Cinema e fotografia all'Oberdan
  Wendy Guerra. Rock and Revolution
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Il patriarcato gentile di Obama
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy