Mercoledì , 27 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lettera al mondo. Poeti che scrivono ai potenti della Terra
27 Gennaio 2020
 

I poeti scrivono un messaggio ai potenti della Terra: restituite un futuro al nostro pianeta e una speranza alle generazioni che verranno dopo di noi. Non si può accettare che l’indifferenza e l’ignavia da parte dei potenti, dei leader delle nazioni conducano la civiltà e l’ambiente al disastro. Non si può accettare che la loro ipocrisia e la loro paura siano causa di sofferenza e morte per un numero enorme di profughi. Non si può accettare che ai progressi della scienza e della tecnologia non corrisponda un’evoluzione morale e siamo ancora circondati da razzismo, antisemitismo, omofobia, xenofobia e altre forme di intolleranza. Non si può accettare che le future generazioni e le specie viventi diverse dall’uomo non abbiano diritti fondamentali. Con queste premesse alcuni poeti di diversi continenti, tutti impegnati a difesa dei diritti umani e dell’ambiente, hanno scritto la presente “Lettera al mondo” in cui chiedono con i loro versi ai governi, alle istituzioni internazionali, a coloro che gestiscono il destino del pianeta di abbandonare egoismo, avidità e indifferenza e di iniziare a lavorare, con responsabilità e dignità, per restituire un futuro al nostro pianeta e una speranza a coloro che verranno dopo di noi.

 

 

Lettera al mondo

 

Caro mondo, perdonaci

il sangue, il veleno e le lacrime

che abbiamo sparso su di te,

perdonaci il potere

che accordiamo ai tuoi carnefici.

 

Quando percorriamo le tue strade 

vediamo l'ingiustizia 

rivestire i muri delle nostre case.

 

La povertà è scritta

coraggiosamente sui libri;

siamo seduti, soli e desolati.

 

Potremo mai guarire le tue ferite,

le ferite della gente?

 

Dicci che non vivremo senza amore.

C’è gente che uccide e altra che muore,

una tendenza al riarmo nucleare


e ovunque rifugiati, come mai prima d’ora.

 

Ricorda e ricordaci che non sei nostro,

ma di altri che verranno.

 

E di altri ancora che verranno. 

 

Sei così pieno di povertà e disgrazia! 

 

E chi impoverisce e distrugge, 

si fermerà mai?

 

Perdonaci le pietre e i lacci,

i morsi e le piaghe,

il buio e il grido dell’anima.

 

Oltre il confine 
l’unica domanda,

Chi sei?”,


presume una sola risposta:

Sono un uomo,

sono una donna”.

 

Ma il bimbo nato sul confine

a quale mondo appartiene,


da quale tribù sarà cresciuto? 

 

I popoli hanno forme confuse,

le loro speranze hanno un respiro difficile.

 

Ai piedi del secolo rimangono

fiumi asciutti e spoglie macilente.

 

Un continuo dibattere e distillare

la pellicola della storia più conforme. 

 

Perdonaci l’amore che abbiamo sepolto

l’odio che abbiamo scavato dall'abisso,

la nostra fame avida di luce.

 

Non abbiamo ancora le risposte che cerchiamo,

ma siamo qui da tanto tempo

e possiamo ancora diventare persone migliori,

capaci di gentilezza e rispetto.

 

Perdonaci la bontà che abbiamo allontanato,

gli altari su cui abbiamo sacrificato la memoria,

le buone parole che abbiamo tradite.

 

Se perdessimo il pensiero dimenticheremmo

tutti gli errori del passato, perderemmo il suono

delle parole e il loro mistero.

 

Perdonaci i confini che abbiamo superato

e che erano al di là della giustizia,

i nostri occhi, la loro indifferenza

che anticipa l’orrore.

 

Perdonaci se il tempo ha paura di noi

e se della sua linfa, dei suoi fiori

non abbiamo mai avuto pietà.

 

Ci chiedi di conservarti

così che tu possa preservarci.

 

Raggi di sole penetrano tra le fronde,

ma l’angoscia raggiunge le radici

e frecce d’acqua ti trafiggono il cuore.

 

Se perdessimo l’amore per la vita

saremmo freddi come il ghiaccio

e aridi come il deserto.

 

Perdonaci se i nostri figli nascono buoni

come angeli e sempre troppo presto

li iniziamo all’odio.

 

Perdonaci se siamo parte del tuo cuore,

respiriamo il tuo respiro,

ci nutriamo della tua polpa viva

eppure ti siamo nemici.

 

Attendiamo un salvatore

che fermi l’ascia indifferente

al vero splendore della natura. 

 

Gli alberi scrivono 

a coscienze inflessibili.

 

Perdonaci le guerre,

le stragi di innocenti,

le mura che innalziamo

davanti al dolore,

perdonaci gli inceneriti,

gli sfiniti, gli smembrati,

i soffocati, i dissanguati,

gli annegati e gli abbandonati.

 

Saremo grati a chi cambierà le cose

e aprirà i nostri occhi.

 

Non ci manca niente,

tranne un Amore che ci unisca.

 

Perdonaci di essere morte e menzogna,

caro amico tradito;

ma perdonaci solo se ci fermiamo in tempo.

 

Se non lo facciamo, lasciaci

alla nostra agonia,

come una ferita infetta

che guarirà da sola.

 

Roberto Malini, Isoke Aikpitanyi, Dario Picciau, Glenys Robinson, Alatishe Kolawole, Antonella Rizzo, Steed Gamero, Skylar, Daniela Malini


Articoli correlati

  Roberto Malini. “Esopo nelle Valli del Tridentum”
  Roberto Malini. Perché le “Sardine” dovrebbero trasformarsi in un vero partito politico
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Coronavirus oltre i numeri
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  La Seconda Lettera al Mondo
  La “Lettera al mondo” arriva in Uganda
  Il gruppo italiano di artisti The Oxen Road alla Fiera Art Los Angeles Contemporary
  Spot/ Notte della Poesia con i Poeti per la Pace
  Esopo era ebreo?
  Finalmente il documentario “In viaggio con Anne Frank” è stato trasmesso in Austria
  Alba Montori. La memoria: Grüne Rose
  EveryOne Group: Pensatore cattolico critica evento di poesia contro l'omofobia
  Festival di Poesia di Genova: il Reading al Coronata Campus diventerà un film
  Addio, Pesaro. Una videopoesia, un invito a intraprendere un viaggio di civiltà
  “Ladri di fuoco, trafficanti di sogni”. Domenica 16 giugno al Suq di Genova
  Roberto Malini. Un grande reading di poesia civile sul “Sole 24Ore”
  Genova applaude i Ladri di Fuoco al Festival Internazionale di Poesia
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Andrea Mancaniello. L'uovo: pura poesia in un film sul valore della vita
  In libreria/ Roberto Malini. “Immergi i piedi in questo fiume di speranza” di Alatishe Kolawole
  Editoria/ Recensione della collana “Le isole del suono” (Lavinia Dickinson Edizioni) sul prestigioso Le Monde diplomatique
  In libreria/ Gualberto Alvino sulla raccolta di poesie “A quelli che non sanno che esiste il vortice” di Antonella Rizzo
  In libreria/ Roberto Malini. “A quelli che non sanno che esiste il vortice” di Antonella Rizzo
  Milano. La nuova poesia del Perù al primo Gran Desfile Civico Cultural Peruano 2013
  Eventi/ La poesia di Roberto Malini va nello spazio con la Nasa
  Roberto Malini. I Poeti per i Diritti Umani cantano perché la speranza non muoia
  Il popolo Rom in Italia attraverso l'obiettivo di Steed Gamero
  Premi e concorsi/ Steed Gamero riceve il prestigioso Premio Solaro
  Esce in libreria il libro di poesie di Steed Gamero dedicato ai ragazzi nelle case-famiglia
  Milano. Incontro con Steed Gamero, poeta dei diritti umani
  Il poeta Steed Gamero al Consolato generale del Perù a Milano con lo scrittore Lenin Solano
  Premi e concorsi/ Steed Gamero al Camaiore 2013
  Premi e concorsi/ Poesia: Steed Gamero premiato a “La Locanda del Doge”
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Roberto Malini. Una Milano accogliente e multietnica
  Steed Gamero. “Sono nato a Lima, nel distretto di Pueblo Libre”
  In libreria/ In edizione bilingue il libro pluripremiato di Steed Gamero
  In libreria/ Arriva Isoke!
  Premi e concorsi/ Roberto Malini. A Steed Gamero il “Camaiore – Proposta”
  Steed Gamero candidato al Premio Letterario Camaiore - Nuova Proposta
  Presentazione del libro di Steed Gamero in anteprima nazionale
  Giornata Mondiale della Poesia/ Ecco Skylar, poetessa transgender e nuova voce d'Africa
  Vetrina/ “Spietato e spensierato”, una poesia inedita di Skylar
  In libreria/ Roberto Malini. La poesia di Skylar arriva in Uganda
  In libreria/ Anteprima: “Bligal di pietra e luce”
  Genova, Parole su tela. Premio per la poesia ispirata ai capolavori di Palazzo Reale
  Premi e concorsi/ Tra Secchia e Panaro & Louise-Victorine Ackermann Award
  Premi e concorsi/ Daniela Malini finalista all'“Amalia Vilotta”
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Bligal di pietra e luce: riconoscere il tempo
  Premi e concorsi/ A Danie­la Malini il ri­co­no­sci­men­to speciale della giuria alla 1ª edizione del “Blesio 1860”
  Anteprima/ "Cenere sulle ciglia", il nuovo libro di poesia di Daniela Malini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy