Domenica , 05 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo intervista Paola Sarcià 
In occasione della presentazione di “Echi dall'onda” all'Ariostea di Ferrara
16 Ottobre 2013
   

È la tua seconda silloge... quali i collegamenti con la prima, se ci sono?

Un collegamento direi di no, forse un proseguimento. Infatti la seconda poesia della raccolta rappresenta l’anello di congiunzione con Occhi di Zagara che voleva essere una forma di liberazione dal dolore attraverso la scrittura. Tale forma a me più congeniale è una modalità conoscitiva e di confronto molto forte, un campo in cui posso leggermi e mettermi in gioco e in più uno spazio nel quale incontrare dolore e gioia.

 

Don Franco Patruno siglò la tua prima raccolta con una dedica che indicava una rinascenza; in questa raccolta la rinascenza è un elemento conquistato o sempre in fieri?

Quando andai a parlare dei miei primi scritti con Don Franco ero in una situazione di estrema fragilità emotiva e fisica, mi regalò il suo disegno e la dedica di rinascenza cogliendo perfettamente quanta angoscia avevo dentro e nello stesso tempo la profonda determinazione di uscirne in qualche modo vincente, così mi suggerì che scrivere mi avrebbe aiutato. Credo che gli sarò sempre riconoscente di questo consiglio e del sostegno che mi diede nella mia crescita poetica.

Lo schizzo che fece davanti a me con la dedica “Rinasce d’incanto”, che io ho inserito sulla copertina di Occhi di Zagara, è il simbolo della mia vittoria in un percorso difficile, intercalato di cadute e risalite. Percorso vittorioso in quanto dal dolore sono riuscita a estrapolare qualcosa di creativo e vivo come la forma poetica sa essere.

Oggi la rinascenza la cerco ogni giorno, è un percorso ormai irreversibile. Colleziono attimi di felicità, affrontando il dolore con forza e cercando le cose che abbiano un senso e quindi la ricerca come la rinascita è continua come la conoscenza. Nonostante io scriva di getto, il rileggere e rielaborare i testi approfondendo le mie sensazioni, è per me un processo conoscitivo continuo.

 

Hai mantenuto la cifra stilistica dell'assenza di punteggiatura e soggetto quasi sospeso ad una prima lettura... Vuoi dirne qualcosa?

Quando scrivo non immagino contorni, neanche quelli della pagina e lo spazio nel quale lascio scorrere le mie parole lo avverto come infinitamente esteso. È una cifra stilistica spontanea, che corrisponde a quello che sento... il pensiero, le emozioni non hanno punteggiatura, scaturiscono e fluiscono senza costrizioni; è un po' come liberare i sentimenti e la parola dai loro stereotipi.

 

Hai scelto una copertina che riproduce un Hopper paesaggistico e senza presenza umana... ci spieghi l'importanza di questa scelta?

Il paesaggio mi attrae particolarmente non solo in quanto tale ma nel suo significato più profondo che è quello dell’“essenzialità” della vita. Inoltre quando uno scrive è solo, è sempre solo con se stesso. Il quadro che ho scelto per la copertina, secondo me, esprime appunto questa solitudine, non necessariamente percepita come elemento negativo, al contrario, come dato fondamentale per dare spazio al silenzio dentro e fuori da sé, altro fattore determinante per potersi leggere nel profondo e nello stesso tempo percepire la realtà in maniera più vera. Hopper è stato definito come il pittore che sapeva dipingere il silenzio, paesaggi solitari e silenziosi rappresentano appunto il mio stato d’animo quando scrivo. Stato d’animo che mi permette di entrare in sintonia con la realtà circostante, oltrepassarne i limiti in un’estensione della sensibilità.

Io non penso mai di pubblicare quello che scrivo, so che è innanzi tutto una mia necessità. È solo dopo molte letture e dopo molte poesie “nascoste nei cassetti” che cerco di trovare nel testo qualcosa che vorrei condividere con altri.

 

Un paesaggio senza personaggi costituisce anche il filo rosso della tua silloge...

Sì, sicuramente sì, il paesaggio mi protegge, mi conforta, mi allontana da diatribe e contraddizioni, mi accoglie. Mi appare familiare, lo vivo come “ritorno a casa” ritorno in una casa che amo, che spesso non so dove sia ma che immagino essere mare e cielo. È tra mare e cielo che vorrei “in silenzio” trovarmi o ri-trovarmi.

Ma non solo questo, da un lato mi sento in simbiosi con la natura, quasi una forma di “panteismo laico” in cui posso essere arbusto spoglio, terra rossa o onda; dall’altro il paesaggio diventa esso stesso un personaggio, il mare, in particolare, racconta storie, le trasporta con le sue onde, mi parla attraverso di esse e io le ascolto, nel silenzio che mi circonda, siano esse leggeri sciabordii o sferzate sugli scogli prodotte dal vento.

Così giungono storie ed emozioni anche di popoli lontani, in terre remote, che colpiscono la mia sensibilità e nella seconda parte della raccolta ho voluto dare voce al loro dolore, alla fatica di sopravvivere alla fame, alla sete, alle guerre, alla violenza di una vita che non fa sconti neppure ai bambini.

 

Il “tu” spesso ripetuto è un interlocutore ideale?

Spesso è l'uomo che amo, ma molto spesso sono io che dialogo cercando di mettermi d'accordo (se mi passate il termine ) con l'altra Paola. Due persone spesso in contraddizione, l’una a volte costretta all’interno di regole e convenzioni che la società e la vita quotidiana impongono, l’altra che vive con difficoltà una vita che scorre su binari definiti e anela a una libertà di pensiero e fisica che mal si accorda con la realtà. Lo sforzo consiste nell’incontro delle due personalità per creare un equilibrio costruttivo.

 

Patrizia Garofalo


Foto allegate

Articoli correlati

  Vetrina/ Paola Sarcià. Nella mancanza...
  Vetrina/ Paola Sarcià. Il sordo boato delle viscere...
  Patrizia Garofalo. Rimirando con gli Occhi di zagara
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  In ricordo di Patrizia. 3
  Vetrina/ Paola Sarcià. Non ci sono farfalle...
  Vetrina/ Fiori recisi... Paola Sarcià con Elisabetta Andreoli
  Vetrina/ Paola Sarcià. Non si donano grappoli d'uva...
  In libreria/ Paola Sarcià. Trema anche la Luna
  In libreria/ Paola Sarcià. Echi dall'onda
  Vetrina/ Paola Sarcià. A Patrizia, nel cuore sempre
  In libreria/ Paola Sarcià. Occhi di zagara
  Paola Sarcià. Echi dall'Onda
  Vetrina/ Elisabetta Andreoli con Paola Sarcià. Estrovertere il soffio
  Vetrina/ Paola Sarcià. Assetata di vita...
  Ferrara. Concerto per Franco di Miotto e Rosini
  “Purtroppo oggi ci compiaciamo di essere artisti più che uomini”
  Gianni Cestari. Antologia
  Maria Paola Forlani. NUOVI MONDI
  Maria Paola Forlani. I predatori dei ‘Beni artistici’, dei ‘Beni della comunità’
  Andrea Nascimbeni. “Vivere nello sguardo”
  Franco Patruno. Vangelo di Pasqua (2005)
  L’uomo Bartali nella riduzione tv di Alberto Negrin
  Gianni Cerioli. Altre promesse di segni
  Andrea Nascimbeni. Andar per giardini, d’inverno
  Lucio Dalla. Nell'intervista di Franco Patruno (2002)
  Carlo Bassi: Un grande architetto milanese, sempre, col cuore verso la sua Ferrara
  Natale Tf2014/ Don Franco Patruno: “L'arte riflette il destino dell'uomo” (1999)
  Il Padiglione della Santa Sede. Il Papa alla Biennale
  Franco Patruno. La povertà del Golgota è la regalità (Pasqua, 2004)
  Natale Tf2015/ La notte della redenzione (2005)
  Franco Patruno. "I Cavalieri che fecero l'impresa": il film di Pupi Avati ambientato nel Medioevo (2001)
  Le donne nella Bibbia
  Premiazione Biennale d'Arte “don Franco Patruno”
  Palazzo Cini, La Galleria. Capolavori toscani e ferraresi dalla collezione di Vittorio Cini
  Chagall, una retrospettiva 1908 – 1985
  Don Franco Patruno. La libertà di dire, la verità di fare
  Ferrara. Videoarte a Palazzo dei Diamanti 1973-1979. Reenactment
  Franco Patruno. Quel volto è la nostra storia (Speciale Pasqua, 2003)
  Ricordando Ezio Raimondi con Franco Patruno
  Carlo Mazzacurati. Quell'inalterata purezza sul volto dei “perdenti”
  Gian Luigi Zucchini. “Per una teologia dall’opera d’arte” di Franco Patruno
  Franco Patruno. Il corpo risorto, presenza reale e quotidiana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy