Giovedì , 09 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
21 marzo, primo giorno di primavera. Giornata mondiale della poesia e 'compleanno' della poetessa Alda Merini 
Si conclude oggi la “staffetta poetica” organizzata dalla Bottega letteraria di Tellusfolio per festeggiare la poesia e la donna
21 Marzo 2010
 

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

 

 

 

Il 21 marzo è da sempre un giorno speciale in quanto segna l’inizio della primavera e apre al “risveglio” della natura, anche quella umana, in quanto la bella stagione è sempre propizia di nuovi auspici e buoni propositi. Proprio per questo l’Unesco ha scelto questa giornata ricca di significati per istituire la Giornata Mondiale della Poesia, che si celebra ormai da dieci anni in tutti gli Stati membri. Anche noi del Gazetin e di Tellusfolio abbiamo cercato in questi anni di festeggiare con iniziative sempre diverse e questa volta abbiamo deciso di organizzare una “staffetta poetica” che si conclude oggi. A tale proposito vorrei ringraziare tutti i poeti che hanno voluto partecipare attivamente al nostro progetto inviandoci poesie aventi come tema la donna. È stato scelto questo soggetto in quanto la poesia è donna e abbiamo anche voluto unire la ricorrenza dell’8 marzo.

Vogliamo concludere questa rubrica ricordando una grande poetessa, scomparsa lo scorso anno, nata proprio il 21 marzo di 79 anni fa, con alcuni dei suoi illuminati componimenti.

 

Paola Mara De Maestri

 

 

A tutte le donne


Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso

sei un granello di colpa

anche agli occhi di Dio

malgrado le tue sante guerre

per l'emancipazione.

Spaccarono la tua bellezza

e rimane uno scheletro d'amore

che però grida ancora vendetta

e soltanto tu riesci

ancora a piangere,

poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

poi ti volti e non sai ancora dire

e taci meravigliata

e allora diventi grande come la terra

e innalzi il tuo canto d’amore.

 

 

Come polvere o vento

 

Se la mia poesia mi abbandonasse
come polvere o vento,
se io non potessi più cantare,
come polvere o vento,
io cadrei a terra sconfitta
trafitta forse come la farfalla
e in cerca della polvere d’oro
morirei sopra una lampadina accesa,
se la mia poesia non fosse come una gruccia
che tiene su uno scheletro tremante,
cadrei a terra come un cadavere
che l’amore ha sconfitto.

 

 

Inno alla donna

 

Stupenda

immacolata fortuna

per te tutte le creature del

regno

si sono aperte

e tu sei diventata la regina

delle nostre ombre

per te gli uomini

hanno preso

innumerevoli voli

creato l’alveare del

pensiero

per te donna è sorto

il mormorio dell’acqua

unica grazia

e tremi per i tuoi

incantesimi

che sono nelle tue mani

e tu hai un sogno

per ogni estate

un figlio per ogni pianto

un sospetto d’amore

per ogni capello

ora sei donna tutto un

perdono

e così come vi abita

il pensiero divino

fiorirà in segreto

attorniato

dalla tua grazia.

 

 

Ai giovani

 

Bella ridente e giovane
con il tuo ventre scoperto,
e una medaglia d'oro
sull'ombelico,
mi dici che fai l'amore ogni giorno
e sei felice e io penso che il tuo ventre
è vergine mentre il mio
è un groviglio di vipere
che voi chiamate poesia
ed è soltanto tutto l'amore
che non ho avuto
vedendoti io ho maledetto
la sorte di essere un poeta

 

 

 

Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931 – 1° novembre 2009) è stata una delle maggiori poetesse italiane contemporanee. La sua poetica, fatta di ardente visionarietà e profonda ma al tempo stesso sommessa inquietudine, la colloca tra le maggiori autrici del Novecento e dei primi anni 2000.

Nata in una famiglia di condizioni modeste (padre dipendente di una compagnia assicurativa e madre casalinga, minore di tre fratelli, una sorella e un fratello, che la scrittrice fa comparire sia pure con un certo distacco nella sua poesia), Merini frequenta da ragazza le scuole professionali all'Istituto “Laura Solera Mantegazza” e cerca, senza riuscirci (per non aver superato la prova di italiano), di essere ammessa al Liceo “Manzoni”. Nello stesso periodo, si dedica allo studio del pianoforte, strumento da lei particolarmente amato.

Esordisce come autrice giovanissima, a soli 15 anni, sotto la guida di Giacinto Spagnoletti che fu lo scopritore del suo talento artistico. Nel 1947, Merini incontra “le prime ombre della sua mente” e viene internata per un mese a Villa Turno. Quando ne esce alcuni amici le sono vicino e Giorgio Manganelli la indirizza in esame presso gli specialisti Fornari e Musatti.

Giacinto Spagnoletti sarà il primo a pubblicarla nel 1950, nell'Antologia della poesia italiana 1909-1949, con le poesie “Il gobbo” e “Luce”. Nel 1951, su suggerimento di Eugenio Montale

e della Spaziani, l'editore Scheiwiller stampa due poesie inedite dell'autrice in Poetesse del Novecento. Nel periodo che va dal 1950 al 1953 la Merini frequenta per lavoro e per amicizia Salvatore Quasimodo. Nel 1953 sposa Ettore Carniti proprietario di alcune panetterie di Milano. Nello stesso anno esce il primo volume di versi intitolato La presenza di Orfeo e nel 1955 Nozze Romane e Paura di Dio. Nello stesso anno nasce la prima figlia, Emanuela, e al medico curante della bambina la Merini dedica la raccolta di versi Tu sei Pietro che viene pubblicata nel 1961.

Dopo vent’anni di silenzio, dovuto alla malattia, sono apparse: La Terra Santa (Scheiwiller 1984), Testamento (Crocetti 1988), per Einaudi Vuoto d’amore (1991), Ballate non pagate (1995), Fiore di poesia (1951-1997) (1998), Superba è la notte (2000), Più bella della poesia è stata la mia vita (2003 con videocassetta), Clinica dell'abbandono (2004), per Frassinelli L’anima innamorata (2000), Corpo d’amore, Un incontro con Gesù (2001), Magnificat. Un incontro con Maria (2002), La carne degli Angeli (2003). Nel 1996 Scheiwiller ha raccolto alcune plaquette ne La Terra Santa: Destinati a morire (1980), La Terra Santa (1983), Le satire della Ripa (1983), Le rime impetuose (1983), Fogli bianchi (1987).

Con L’altra verità. Diario di una diversa (prima edizione Scheiwiller 1986, nuova edizione Rizzoli 1997) inizia la sua produzione in prosa, a cui sono seguiti Delirio amoroso (il Melangolo 1989 e 1993), Il tormento delle figure (il Melangolo 1990), Le parole di Alda Merini (Stampa alternativa 1991), La pazza della porta accanto (Bompiani 1995, Premio Latina 1995, finalista Premio Rapallo 1996), La vita facile (Bompiani 1996), Lettere a un racconto. Prose lunghe e brevi (Rizzoli 1998) e Il ladro Giuseppe. Racconti degli anni Sessanta (Scheiwiller 1999). Vi si aggiungono Aforismi e magie (Rizzoli 1999, BUR 2003), raccolta di aforismi, e l’antologia di poesie Folle, folle, folle d’amore per te. Poesie per giovani innamorati (Salani 2002).

Nel 1993 ha ricevuto il Premio Librex-Guggenheim “Eugenio Montale" per la Poesia, nel 1996 il Premio Viareggio, nel 1997 il Premio Procida-Elsa Morante e nel 1999 il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Settore Poesia. (Per la presente 'provvisoria' nota biobiblio si è attinto dal sito ufficiale Alda Merini - dove potete trovare anche una biografia curata dalle quattro figlie di Alda, che ringraziamo per la collaborazione - e da altre fonti disponibili in rete, ndr)


Articoli correlati

  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  Nina Nasilli, Savina Martinucci, Stefania Ioli, Maribruna Toni, Rita Montanari...
  Spot/ Silvia Monti. Così uguale e verso diverso...
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Annagloria Del Piano, Giuseppina Angrisani, Adele Desideri, Rosa Berti Sabbieti...
  Giuliano Grittini. 15 Agosto un anno fa...
  Vincenzo Mastropirro: In ricordo di Alda Merini
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Ad Alda Merini
  Pillole di Alda Merini in blister di Giuliano Grittini
  Tutta la forza della poesia 2007
  Paola Mara De Maestri. Alda Merini ha lasciato questo mondo
  Patrizia Garofalo incontra Giuliano Grittini: Alda Merini, Marilyn Monroe e le altre...
  Morbegno. In Biblioteca con Giacomo Romano Davare, Alda Merini interpretata da Manuela Tadini, i ragazzi della “Damiani”, Janù...
  Alberto Figliolia. Nuovi incontri/ Sui Navigli con Alda Merini
  La poesia che non muore. Ricordando Alda Merini
  Alda Merini, Marilyn Monroe, Mimmo Rotella e Giuliano Grittini. Ultimo atto d'amore
  Poesia d’autore/ Alda Merini. La semplicità
  “Le madri non cercano il paradiso”, poesie postume di Alda Merini edite da Albatros
  Milano. Premiazione del 6° Concorso Nazionale Poetico dedicato ad Alda Merini
  La passione per... un poetico risveglio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy