Sabato , 20 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Caso Marrazzo. Ora basta, davvero
28 Ottobre 2009
 

Se prenderei Piero Marrazzo a cazzotti? Ma certo; gli romperei la faccia, lo prenderei a calci nel sedere. L’ho conosciuto quasi vent’anni fa, quando lavorava alla cronaca del TG2, prima che diventasse il personaggio che è diventato conducendo una fortunata trasmissione sulla terza rete, e poi si desse alla politica: ed era una bella redazione davvero. L’ho votato, convinto, quando si è candidato a Governatore della regione Lazio; non ha governato male, poteva fare senz’altro molto di più, e suppongo per convenienza e calcolo non lo ha fatto. Una “prudenza” politica che mal si concilia con gli aspetti spericolati di vita privata che emergono ora. O forse invece si conciliano benissimo.

 

Prenderei Piero a cazzotti e a calci nel sedere non per le sue “debolezze”; quelli sono affari suoi, della sua famiglia; nessun altro ha il diritto di metterci il naso, di sindacare e giudicare. Ci ha però ingannato, quando ha parlato di “bufala”, quando ha negato che un video esistesse e che fosse autentico. Lo abbia fatto per disperazione o per qualsivoglia altro motivo, conta che abbia mentito, che si sia comportato come un Berlusconi qualunque. Conta che si è comportato con una inqualificabile leggerezza. Conta che ha dell’incredibile quel suo colloquio telefonico con il presidente del Consiglio che gli dà rassicurazioni, e non compreso che quella conversazione – come ha giustamente osservato Europa – conteneva un doppio segnale: «quello in chiaro era che le testate di Berlusconi non l’avrebbero colpito; quello criptato era che la sua salvezza personale passava anche dal trarre tutte le conseguenze politiche dal fatto che quel video circolava per le redazioni di mezza Italia».

 

Ora però, basta. Piero si è dimesso: è un cittadino spogliato di qualsiasi potere, senza alcun ruolo e incarico pubblico. Ha fatto quello che doveva Piero, quello che la decenza, e tutti gli chiedevano di fare. Dopo avergli spaccato la faccia, dopo averlo preso a calci nel sedere, gli tenderei la mano: coraggio Piero. Ha fatto gravissimi errori, li paga e – quel che è peggio – li fa pagare a persone di nulla responsabili, che si sono viste crollare il mondo addosso; ma ora che ha sgomberato il campo ha il diritto di restarsene con i suoi rimorsi e i suoi tormenti, e recuperare, se può, se sa, sollievo e serenità. Ha il diritto di farsi dimenticare e di essere dimenticato. Ha dilapidato sciaguratamente se stesso, i suoi affetti, il suo credito politico e professionale, la fiducia che il suo nome ispirava. Ora, basta.


Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 28 ottobre 2009)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy