Mercoledì , 17 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. Il Gran Principe Ferdinando De’ Medici (1663 – 1713) Collezionista e Mecenate 
Alla Galleria degli Uffizi fino al 3 novembre
03 Luglio 2013
 

Nel 2013 ricorre il terzo centenario della morte del Gran Principe de’ Medici, l’erede al trono toscano, figlio del granduca Cosimo III e di Margherita Luisa d’Orléans.

Figura di spicco allo scadere del Seicento. Ferdinando si distinse per l’amore per la cultura nel senso più pieno del termine: i suoi interessi collezionistici e mecenatizi si svilupparono in parallelo, e ben presto, a quelli per il teatro, per la musica, per la scienza, facendo del giovane delfino un vero e proprio faro nella Firenze del tempo.

La Galleria degli Uffizi gli dedica una mostra con il titolo “Il Gran Principe Ferdinando de’ Medici (1663 – 1713) Collezionista e Mercante”, fino al 3 novembre 2013 (catalogo Giunti) a cura di Riccardo Spinelli. L’evento vuole dare «una immersione nell’arte, nel gusto, nella curiosità e nel capriccio di un’intera epoca» (Cristina Acidini) – vuole rendere omaggio a questa straordinaria personalità, eclettica e articolata, presentandone le caratteristiche salienti in merito al collezionismo artistico ma anche alla passione per lo spettacolo. Nelle sale al piano nobile della Galleria, un tempo occupate dall’Archivio di stato e oggi, progressivamente, consegnate al nuovo, grande nascente museo, in altrettante sale tematiche in cui sono, ora, presentate opere e documenti significativi della vicenda biografica del delfino toscano che, premorendo al padre, appunto il 31 ottobre 1713, non ebbe pieni doveri di Stato, potendo così sviluppare quelle passioni che lo accompagnarono nella pur breve vita.

Le prime sezioni, una delle quali iconografica, dedicata all’immagine del principe, illustrano gli interessi giovanili per la musica e per il teatro e i luoghi di tale interesse, soprattutto la villa Pratolino, palcoscenico ideale per gli ozi e i divertimenti del principe. Accanto a lui si vedono i suoi musici, i suoi librettisti, gli uomini che si occuparono della sua educazione che fu selezionatissima, affidata ai ‘migliori ingegni’ della Firenze tardo secentesca. Una sezione è dedicata alle nozze del principe con Violante Beatrice di Baviera, alle cerimonie fiorentine del tempo, ai lavori di adattamento della reggia di Pitti che subì un massiccio restauro documentato in mostra con disegni e altre memorie.

Nelle sale successive, dedicate alla prima fase del collezionismo artistico di Ferdinando, in cui vengono presentati quei pittori graditi al giovane principe, soprattutto fiorentini o naturalizzati tali, verso i quali l’erede al trono mostrò una preferenza, come Anton Domenico Gabbiani.

Due settori nei quali il principe si distinse con particolare incisività, nel campo del collezionismo e del mecenatismo, furono la natura morta e la scultura.

Nel primo Ferdinando mostrò un gusto decisamente scelto, individuando in Bartolomeo Bimbi il grande artista locale, quello che meglio di altri poteva ben rappresentare la corrente più moderna, compiutamente barocca, di questo filone artistico. Al contempo, grazie a una fitta rete di consulenti, procacciatori, esperti, il principe tenne d’occhio il mercato ‘straniero’, peninsulare come europeo, facendo arrivare in collezione le opere dei più brillanti artefici che per lui produssero sensazionali capolavori, spesso eseguiti a Firenze: tra questi il napoletano Giuseppe Recco, Munari, Fardella, Crespi, Campidoglio, Tamm e tanti altri presenti in mostra. Nel campo della scultura Ferdinando protesse i maestri locali, quelli formatisi a Roma all’Accademia medicea, privilegiando Giuseppe Piamontini, Giovan Battista Foggini, Balthasar Permoser e Massimiliano Soldani Benzi, che produssero per il Delfino alcuni dei loro capolavori, visibili nel loro fulgore in mostra.

Un altro aspetto che l’esposizione degli Uffizi evidenzia è quello del collezionismo di opere antiche da parte del principe Ferdinando il quale non si limitò a raccogliere opere di artisti contemporanei ma, nella migliore tradizione medicea, si interessò costantemente della pittura cinque-seicentesca, italiana e non, facendo arrivare a Firenze una mole enorme di dipinti, molti dei quali capolavori che oggi fanno la ricchezza dei musei fiorentini quali: Uffizi, Galleria Palatina o Museo della Natura Morta a Caiano. In questo settore, l’intraprendenza collezionistica del principe raggiunse livelli mai visti in famiglia: Ferdinando, pur di assicurarsi i grandi capolavori sacri ancora conservati nelle chiese di Firenze, della Toscana ma anche in altre zone d’Italia, procedette con una frenetica ‘campagna-acquisti’ di prestigiose pale, fornendone copie, finanziando interi restauri delle strutture che contenevano gli originali, comprando e pagando salati alcuni capolavori sommi dell’arte occidentale. É grazie a Ferdinando, infatti, che oggi si possono ammirare nei musei fiorentini, agli Uffizi come a Pitti, opere quali la Madonna dal collo lungo del Parmigianino, la Madonna delle arpie di Andrea del Sarto, la Pala Farnese di Annibale Carracci, la Visione di Margherita da Cortona, la Pala Dei di Raffaello, il Martirio di Santa Caterina di Riminaldi, la Discesa di Cristo dalla croce di Cigoli e tante altre.

Accanto a queste opere spesso monumentali, fatte oggetto di spettacolari ‘restauri’ e ampliamenti, Ferdinando sviluppò anche altri filoni collezionistici. Ad esempio, nella Villa del Poggio a Caiano dette vita, sul finire del XVII secolo, a un gabinetto di opere piccole’ nel quale fece confluire dipinti di ridotte misure (non dovevano superare una certa misura) riempiendo le pareti dal pavimento al soffitto, esemplificando così, in maniera quanto mai originale, scuole, maestri e tecniche pittoriche varie e articolate: in mostra, il ‘gabinetto’ del Poggio è ricostruito e due pareti di questo vedono rialloggiati i dipinti nella sistemazione voluta dal principe.

Allo scadere del Seicento, tuttavia, le preferenze artistiche di Ferdinando variano sensibilmente e si indirizzano verso le grandi scuole che non siano la Toscana: sono gli anni della scoperta di maestri quali Sebastiano Ricci e il nipote Marco, Giuseppe Maria Crespi, Alessandro Magnasco, Anton Francesco Peruzzi, Niccolò Cassana, Rosa da Tivoli, Francesco Trevisan, molti dei quali presenti a Firenze perché invitati dal principe, attentissimo alle novità in campo figurativo, nonostante il declino psico-fisico che segna gli ultimi anni di vita, caratterizzati da un invecchiamento precoce ed inesorabile.

 

Maria Paola Forlani


Foto allegate

Articoli correlati

  Maria Paola Forlani. Louise Nevelson a “Roma Museo”
  Jacopo del Cosentino. E la pittura a Pratovecchio nel secolo di Giotto
  Liberty. Uno stile per l’Italia Moderna
  Maria Paola Forlani. Testimonianze di un Territorio
  Maria Paola Forlani: ANTONELLO DA MESSINA
  Maria Paola Forlani. L’Ossessione Nordica
  Maria Paola Forlani. Sangue di drago Squame di serpente
  Maria Paola Forlani. L’Ottocento a Bologna
  Maria Paola Forlani. Zurbarán (1598 – 1664)
  Maria Paola Forlani. Magie dell’India a Treviso
  Maria Paola Forlani. Dal Giglio al David
  Le donne nella Bibbia
  Maria Paola Forlani. Seduzione Etrusca
  Maria Paola Forlani. Borderline: Artisti tra normalità e follia
  Maria Paola Forlani. Il Museo del Duomo di Milano
  I Colori del Sacro. Il Viaggio.
  Maria Paola Forlani. Il Sogno nel Rinascimento
  Maria Paola Forlani. Giacomo Manzù e il Concilio Vaticano II
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  Maria Paola Forlani. Verso Monet
  Maria Paola Forlani. La Primavera del Rinascimento
  Maria Paola Forlani. Lo sguardo di Michelangelo Antonioni e le arti
  Maria Paola Forlani. Un Cinquecento inquieto
  Maria Paola Forlani. Wunderkammer. Arte, Natura, Meraviglia ieri e oggi
  La Ragazza con l’orecchino di perla
  L’Orlando Furioso a Migliarino
  Maria Paola Forlani. La Madonna del Latte
  Maria Paola Forlani. “Nuovi” capolavori per la Pinacoteca di Rovigo
  Maria Paola Forlani. Autoritratti. Iscrizioni del Femminile nell’arte italiana contemporanea
  Maria Paola Forlani. NUOVI MONDI
  Maria Paola Forlani. Le Stanze delle Muse
  Maria Paola Forlani. La Maison Goupil
  Maria Paola Forlani. TIZIANO
  Le avanguardie nella Parigi fin de siècle: Signac, Bonard e i loro contemporanei
  Franco Patruno. Il Dosso di Maria Paola Forlani
  Andrea Nascimbeni. Andar per giardini, d’inverno
  Ebraicità al femminile. Otto artiste del Novecento
  Maria Paola Forlani. Sacri Splendori
  Il Collezionista di Meraviglie. L’Ermitage di Basilewsky
  Maria Paola Forlani. Manet. Ritorno a Venezia
  Alla Biennale di Venezia: Il Palazzo Enciclopedico
  Maria Paola Forlani. Tiziano, Venezia e il papa Borgia
  Aldo Fallai. Da Giorgio Armani al Rinascimento
  Gian Luigi Zucchini. “L'imperatore, il re del mondo, il cavaliere” di Franco Cardini
  Franco Cardini. I Borgia e il loro tempo
  Maria Paola Forlani. Andata e Ricordo. Souvenir de Voyage
  Maria Paola Forlani. RAFFAELLO a Milano
  Maria Paola Forlani. Padova è le sue mura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy