Lunedì , 13 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luciano Curreri. “Alcune parole per Alice” di Michele Toniolo
17 Giugno 2012
 

Michele Toniolo

Alcune parole per Alice

Galaad Edizioni, Giulianova (Te), 2011,
pagg. 45, € 5,00

 

Da rileggere. Non perché si tratti di un racconto di poche decine di pagine ma perché poche decine di pagine sono il frutto di un lavorìo intenso.

Due spinte animano tale travaglio: la sottrazione e l'approssimazione, intesa (e intensa) come una modalità per avvicinarsi, un tentativo di avvicinamento a quanto di più retorico e prolisso la vita ci consegna dalla nascita: la morte.

Sembra che l'autore abbia gettato via faldoni, scatole piene di fogli (tipo quelle che si tira dietro Grady Tripp in Wonder Boys), prima di giungere a una scelta o, per meglio dire, a un peccato, a una caduta. In effetti, pare proprio che, come l'Alice del titolo, che riempie quattro quaderni azzurri con una memoria del figlio che non è finzione e sanguina di refusi, l'autore, che dedica il libro al padre, compia, dal suo punto di vista, un peccato, che è un delitto e che consiste nell'assecondare, alla fine, il suo destino: essere un autore, regalare alcune parole a un personaggio, anche quelle che questo personaggio non frequenta e lascia come vuoti, come lacune da colmare; lacune, omissioni che appartengono tanto ad Alice quanto all'autore.

Ma anche le parole sono lacune, fin dal titolo della storia, a proposito della quale si dice che non sarebbe scorretto se si intitolasse Autunno o Pioggia, ma - si intuisce - non Il delitto di Alice, anche se delitto è la parola più importante nei quaderni di Alice, è la parola necessaria per la sua scrittura dedicata alla morte, alla modalità della morte. E qui ci sono vette che fanno pensare a Iacopone (pp. 22-23 e 32-33, ma in tal senso i due capitoletti 3 e 4, tra pp. 22 e 35, vanno letti interamente e più volte), a partire da parole come croce, grazia, pudore, piangere, respirare, restare.

 

Luciano Curreri


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy