Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Appello di studenti ricercatori italiani all'estero 
Con i metalmeccanici della Fiom il 28 gennaio
26 Gennaio 2011
 

La vicenda di Mirafiori ci riguarda. Riguarda noi studenti e ricercatori italiani all’estero, come riguarda i cittadini di tutta Italia e tutta Europa. Non è solo un “problema dei metalmeccanici”, perché il lavoro è davvero un bene comune, come sta scritto nell’appello allo sciopero generale lanciato dal sindacato dei lavoratori metalmeccanici Fiom-Cgil per il 28 gennaio. E l’accordo di Mirafiori mina alla base proprio la dignità del lavoro.

La soluzione imposta da Marchionne comporta, infatti, non solo un deciso peggioramento delle condizioni di lavoro (straordinari obbligatori triplicati, turni di 10 ore consecutive, saturazione dei tempi), ma lede pesantemente le libertà e i diritti fondamentali dei lavoratori: nell'accordo sono previste gravi limitazioni al diritto di sciopero ed è di fatto impedita la libera elezione dei delegati di fabbrica, sostituita dalla nomina di rappresentanti indicati dai soli sindacati firmatari. Un'azienda che si regge da decenni sugli aiuti statali non può permettersi di ricattare un Paese intero, mascherandosi dietro a pratiche fintamente democratiche come il referendum in fabbrica, con l'unico obiettivo di smantellare le conquiste sindacali degli ultimi quarant'anni. Si tratta di una logica autoritaria che, agitando il vessillo della modernità, sancisce il prevalere delle ragioni del mercato su quelle della democrazia, anche all'interno della fabbrica.

Uno scenario di questo tipo, non estraneo al resto d’Europa, in cui le classi dirigenti e le élites economiche scaricano sulle fasce sociali più deboli i costi della crisi, e parallelamente si introducono modelli autoritari e populisti per cancellare il dissenso, ci spaventa e ci preoccupa.

L’Italia, in special modo, rischia di offrire un terreno particolarmente fecondo a questa evoluzione.

L'approvazione del ddl Gelmini e l'accordo di Mirafiori hanno determinato, nell'arco di una sola settimana, una violenta aggressione all'istruzione pubblica e al lavoro, i pilastri della nostra Costituzione. Sul lavoro è fondata l'idea stessa della Repubblica italiana, così come la legge Gelmini non riguarda solo il mondo universitario ma il futuro di tutto il Paese. E per chi alza la testa, dagli studenti agli operai fino ai terremotati, ci sono solo i manganelli.

Ci vogliono poveri, ignoranti e docili. Perfetti ingranaggi della produzione.

Ma noi non ci rassegniamo. Per questo ci schieriamo al fianco dei lavoratori metalmeccanici e degli studenti in mobilitazione, e crediamo che di fronte a un'offensiva di portata cosi generale e marcatamente antidemocratica, l'unica risposta adeguata sia la mobilitazione di tutti e tutte, a partire dallo sciopero generale indetto dalla Fiom per il 28 gennaio.

 

Studenti e ricercatori italiani a Parigi

Studenti e dottorandi italiani a Lisbona


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy