Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Primo Mastrantoni. Corruzione. Come si distrugge un Paese
26 Febbraio 2010
   

L'operazione è riuscita ma il paziente è morto. Parafrasando, si potrebbe così definire la sentenza delle sezioni riunite della Corte di Cassazione che, pur mantenendo l'accusa di corruzione, ne ha prescritto il reato per decorrenza dei termini. Ci riferiamo ai processi Fininvest-GdF e All Iberian che hanno visto coinvolti l'avvocato inglese David Mills e il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Prescrizione intervenuta grazie ad una legge voluta e votata dalla maggioranza di centrodestra del Parlamento, che ha ridotto i termini di prescrizione da 15 a 10 anni (legge n. 251/2005) e che ha visto stralciata la posizione del presidente Berlusconi con l'approvazione del cosiddetto “lodo Alfano” (legge n. 124/2008), poi dichiarata incostituzionale. C'è, inoltre, il caso del senatore Nicola Di Girolamo che, secondo l'accusa è stato eletto con il sostegno di una organizzazione malavitosa e che dichiarò una falsa residenza per poter concorrere alla elezione senatoriale. Anche in questo caso la maggioranza di centrodestra, in un primo momento, salvò il proprio senatore più di un anno fa bloccando la procedura che l'avrebbe fatto decadere dalla carica per falsa dichiarazione di residenza. Ci sono, ancora, le questioni che riguardano gli appalti dei grandi eventi che vedono coinvolti imprenditori privati e alti funzionari dello Stato, magistrati compresi.

Così si distrugge un Paese. Si distrugge la credibilità delle istituzioni che qualche cittadino ha, ancora; si distrugge la considerazione delle istituzioni europee e internazionali; si consolida un processo di degrado complessivo di un Paese che vive di furbizie, di furti, di malaffare, di raccomandazioni, di tangenti, di compari, di favori, e di quant'altro un Paese civile dovrebbe aborrire. Siamo messi male, insomma. Ci vorranno decenni per risollevarci.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy