Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Grave riduzione del Governo su insegnamento materie scientifiche 
I senatori Perduca e Poretti presentano un'interrogazione a partire dai rilievi dell'ANISN
10 Dicembre 2009
 

Il riordino della scuola secondaria, come previsto negli Atti del governo attualmente sottoposti (con urgenza) al parere del Parlamento, secondo gli allarmi dell'Associazione insegnanti di Scienze naturali (ANISN), configura una pesante ipoteca sul futuro dell'educazione scientifica nel nostro Paese, e di conseguenza anche su quello dello sviluppo e dell'innovazione.

Si rileva, infatti, come questi provvedimenti determinino una grave riduzione dell'orario didattico di queste materie (Biologia, Scienze della Terra, Fisica, Chimica), soprattutto tra quegli studenti che rientrano nella fascia dell'obbligo scolastico, mettendo in grave pregiudizio la possibilità per loro di avvalersi delle esperienze altamente formative di pratica nei laboratori di scienze scolastici.

Una tale impostazione rappresenta certamente un grosso ostacolo nell'affermazione della cultura scientifica tra le nuove generazioni, contrariamente a quanto specificamente raccomandato da organismi comunitari sull'educazione quali l'OCSE, che ha recentemente e duramente bocciato il sistema di istruzione nazionale.

Per capire come intenda muoversi il Governo su un campo così strategico, che determina importanti ricadute sulla ricerca e l'innovazione, con il senatore Marco Perduca abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro dell'istruzione e al Ministro dell'Economia e delle Finanze, in cui chiediamo di sapere:

- se i Ministri intendano riconsiderare il progetto di riordino dell'insegnamento secondario tenendo in considerazione le osservazioni sopra elencate;

- se i Ministri intendano accogliere le osservazioni e le indicazioni dell'OCSE e della Comunità europea al fine di promuovere efficacemente e adeguatamente l'istruzione e l'educazione scientifica tra gli alunni dei corsi dell'obbligo scolastico;

- quali provvedimenti i Ministri intendano assumere per promuovere, come indicato dall'OCSE e dalla Comunità europea, lo studio e l'approfondimento delle materie scientifiche, fattore di insostituibile importanza per l'implementazione dell'innovazione e della competitività nello sviluppo anche economico del Paese.

 

Sen. Donatella Poretti

Parlamentare Radicali - Partito Democratico



Qui il testo dell'interrogazione


 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy