Sabato , 07 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “L'età giovane” di Jean-Pierre e Luc Dardenne
13 Novembre 2019
 

È forse a volte un partito preso, o un imperativo morale, che induce un autore a trattare un tema che gli è estraneo, ma che ritiene urgente, centrale nella società in cui vive.

Che il tema dell'integralismo islamico sia estraneo alla sensibilità di quei due grandi cineasti belgi che sono Jean-Pierre e Luc Dardenne, che hanno comunque voluto affrontarlo nel loro film che in Italia si intitola L'età giovane, ma il cui titolo originale è “Le jeune Ahmed” – una prova del loro senso di estraneità, è che il protagonista tredicenne del racconto – nato a Liegi da una madre belga e da un padre marocchino – convertito da un imam a una lettura integralista del Corano – questo personaggio almeno per la prima parte del racconto, è totalmente visto dall'esterno.

Gli autori, cioè, non sanno o non vogliono dirci come matura dentro di lui quel senso di rivolta contro la società belga, che pure, dal loro film, risulta liberale, più che tollerante accogliente, in cui altri cittadini di fede musulmana appaiono ben integrati; un senso di rivolta contro le donne, in primo luogo sua madre, che non portano il velo; contro tutti gli “infedeli”; contro un'insegnante che vorrebbe tenere un corso di arabo moderno utilizzando canzoni ispirate al Corano, e che il giovane Ahmed, ritenendo quelle canzoni blasfeme, vorrebbe uccidere.

Ciò che il film può riferirci della sua fede religiosa sono quasi soltanto i gesti rituali, o ossessivi, che egli compie, come sciacquarsi accuratamente le mani prima della preghiera, o comunque dopo un contatto da lui ritenuto impuro, o con le mani di una donna o con un cane; pulirsi l'interno della bocca; leggere versetti del Corano, i più estremisti, in compagnia del suo imam.

Forse, alle origine della sua scelta, pesa il fatto di essere stato abbandonato da suo padre; o la morte di un cugino ritenuto un martire dell'Islam.

Fatto sta che per effetto della sua fede religiosa, un ragazzo che pure appare sensibile, capace di buoni sentimenti, diventa sempre più cupo, impenetrabile, isolato rispetto ai suoi compagni di scuola e alla sua stessa famiglia. Fino a quando il fanatismo non lo indurrà a compiere un gesto estremo, un grave crimine.

È da allora – e dunque dalla seconda parte del film – che trapela qualcosa di più della sua interiorità.

Rinchiuso in un riformatorio, avviato alla rieducazione attraverso il lavoro in una fattoria, a contatto con una ragazza che gli insegna il mestiere dell'allevatore e che un giorno gli dà un bacio sulla bocca, intuiamo che quella capsula, quella prigionia interiore in cui si era rinchiuso, starebbe per cedere.

E tuttavia – ed è questa una giusta intuizione dei Dardenne – egli resiste alla sua propria liberazione, probabilmente per orgoglio, perché gli è penoso ammettere di essere stato accecato da un errore fino al crimine; e dunque, più in cuor suo percepisce la libertà, la salute, più ostinatamente si rintana nell'errore.

E soltanto un incidente, un improvviso dolore fisico, si rivelano capaci di rompere il suo guscio, di riportare alla luce un nuovo Ahmed.

Come si vede, L'età giovane costituisce il generoso ma difficile tentativo di autori di cultura laica, di sondare l'animo di un ragazzo di convinzioni religiose. Ma se inizialmente il racconto suscita un senso di freddezza, più uno spirito laico si impadronisce del protagonista, quasi contro la sua volontà, più, insieme agli autori, riusciamo a immedesimarci in lui. E la riuscita complessiva dell'operazione è dimostrata dal finale del film, che emoziona e può anche commuovere.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 9 novembre 2019
»»
QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy