Mercoledì , 22 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. A Bob Beamon
04 Settembre 2016
 

Spazzasti l'aria residua quel giorno,

Bob, a Mexico City col tuo salto,

infinito volo, curva celeste

per sottrarti al grave peso del mondo.

Il cielo era piombo fuso e tequila

nelle tue vene insonni, pugni chiusi

e debiti, e prima ancora la tisi

materna, i coltelli nelle vie oscure,

la sabbia del Texas e l'amore naufrago.

A cosa pensavi in quel balzo effimero,

nel lungo e fisso alare delle gambe,

alto e lungo fino all'inconcepibile,

come mai nessun altro essere umano?

Perfetto come una retta a congiungere

ogni prima e ogni dopo... High School e Cadillac

rosa, televisori e spettri aztechi,

scarpe di lusso, basket, povertà

e l'abbraccio di Ralph Boston... Pioveva

come in un'antica danza di lacrime,

rito ancestrale: batter di occhi e nubi

pari ai tamburi di New York, conati

e cesti di speranza, baci al dio

Quetzalcoatl, Vietnam e Angela Davis,

napalm, rock 'n' roll, blues, Martin Luther King...

E il vuoto... maledetto, interminabile,

lungo 8 metri e 90 centimetri

(o anche 29 piedi e 2 pollici)

nell'anima felice e devastata.

Ma ancora oggi, Bob, nel nostro pensiero

tu voli, plani e mai ti posi, mai...

 

Alberto Figliolia

 

 

Ha da poco compiuto 70 anni Robert “Bob” Beamon, nato a New York e divenuto campione olimpico nel salto in lungo a Città del Messico 1968 con un prodigioso, se non fantascientifico, balzo di 8,90 metri. Fu un volo lunghissimo e altissimo, epocale: una delle più grandi imprese sportive di tutti i tempi.

Bob dalla irrequieta e turbolenta infanzia: padre, diciamo così, “rivedibile”; madre morta giovanissima di tubercolosi; le strade violente del quartiere; i debiti e la povertà; il matrimonio a rotoli; la sospensione della borsa di studio dal College per via del rifiuto di partecipare a un meeting in cui eran presenti atleti di un'università considerata razzista; le paure, i tormenti e i dubbi esistenziali... Poi quel salto stellare, con la revisione, seppur per poco, del criterio della gravità. Bob Beamon si era consegnato alla storia dello sport e all'immaginario collettivo. Un saltatore inglese disse che semplicemente con tale record – fu migliorato di 55 cm il precedente primato (praticamente polverizzato) – Beamon aveva distrutto quella disciplina sportiva.

Con il successo e la gloria giunsero anche i soldi. Che vennero sperperati. E furono nuove difficoltà di vita... Bob Beamon non riuscì mai più a ripetere quella misura e neanche ad avvicinarvisi. Ma la fama è con lui, per sempre.

Uomo di un tempo duro e pur colmo di giuste ribellioni e speranze (vedi la protesta guantata di nero sul podio dei 200 m in quelle stesse Olimpiadi di Tommie Smith e John Carlos nel nome della gente afroamericana), cui partecipò pagando di persona, e atleta meraviglioso (provvisto di una straordinaria elevazione giocava benissimo anche a basket).


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy