Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
28 Aprile 2010
 

Qualche mese fa, l'insegnante di mia figlia mi invitò a parlare alla classe di ciò che faccio per vivere. In che modo avrei detto, ad una stanza piena di pimpanti alunni di prima elementare, che sto lanciando una campagna globale per contrastare la violenza contro donne e bambine, usando l'hip-hop e il calcio? Che sono passato da reporter di guerra ad attivista per i diritti umani? La mia stessa figlia aveva solo una vaga idea del mio lavoro, ed il pensiero di affrontare la sua intera classe mi spaventava.

Mentre salivo le scale per arrivare all'aula di mia figlia, potevo udire il caos a stento controllato che filtrava dalla porta. L'ho aperta velocemente, e ho attraversato la stanza. Una volta che le risatine, le dita puntate, le gomitate sotto i banchi si sono acquietate sotto lo sguardo-laser dell'insegnante, mi sono schiarito la gola e mi sono messo davanti alla classe, appoggiando la schiena alla lavagna.

Mia figlia era all'incirca nel mezzo dei banchi, seria e tesa in avanti, incapace di controllare la tensione. Ho respirato profondamente. Tutto quel che dovevo fare era parlare ai bambini come avrei parlato a qualsiasi altro gruppo di persone, e sperare che capissero. Ho detto alla classe di mia figlia la verità: ho parlato loro dei viaggi intorno al mondo in cui ho incontrato bambini che gli assomigliano molto, ma che sono impegnati nel combattersi e ferirsi l'un l'altro, o che sono trattati molto male dagli adulti che li circondano, in special modo le bambine.

Ho detto loro che non mi piacevano le storie che venivo a conoscere mentre scrivevo articoli e libri, e che sto tentando di farmi aiutare da altre persone a dare a quelle storie un fine più lieto. Ho raccontato che dall'estate del 2008 vado avanti e indietro per il pianeta per costruire un nuovo sforzo teso a porre fine alla violenza contro donne e bambine, e che quello sforzo ha preso la forma di una campagna globale chiamata “Man Up”.

Mentre parlavo, vedevo mia figlia appoggiarsi all'indietro, sorridere. Ma non ho potuto dire alla sua classe di tutta la sofferenza che ho testimoniato in posti come l'Afghanistan, la Colombia e la Repubblica democratica del Congo. Ho tenuto fra le mie braccia persone che stavano morendo, sono stato seduto assieme a donne che gli stupri subiti hanno reso paralitiche.

Neppure sono riuscito a dire delle mie difficoltà personali, forse perché a stento le comprendo io stesso. Al di fuori della mia vita professionale, di proposito evito di parlare del lavoro che faccio, perché la gente si aspetta che io sia l'incarnazione del “bravo ragazzo”. Di solito sono svelto nel citare mia madre, la mia ex moglie e mia figlia, le quali sono d'accordo con me nel definirmi tutt'altro che “perfetto”. Inoltre, tentare di costruire una campagna o un movimento è qualcosa che ti consuma completamente. A volte mi sembra di essere un guastafeste perché se parlo di quel che sto facendo in un contesto sociale subito l'atmosfera precipita nel gelo.

Prendete la classica festicciola del sabato sera, con amici e conoscenti. Se premo il pulsante rappresentato da una qualsiasi di queste parole: “stupro”, “attivismo” o “cambiamento”, uno degli ospiti dirotterà immediatamente il discorso sul gusto del dessert o sulla bontà del pollo arrosto. Ormai scommetto con me stesso su quale sarà il cibo di cui finiremo per parlare.

Sul finire del mio discorso agli alunni della prima elementare ho posto loro una domanda retorica: “Perché mi preoccupo tanto di quel che succede alle donne e alle bimbe in tutto il mondo?”. Tutti i piccoli si sono girati a guardare mia figlia, che ha cominciato ad arrossire e a sorridere nervosamente. Hanno capito che è per lei.

Spero che un giorno il mio impegno ventennale a favore di donne e bambine significherà qualcosa per lei e per i suoi compagni di classe. Al momento, la mia figlioletta sa solo che suo padre sta lontano per giorni, a volte per settimane intere, e ritorna solo per poi partire di nuovo, giusto quando lei ed io avevamo ripreso a conoscerci davvero. Ma resto su questo sentiero perché c'è speranza: c'è speranza in un movimento di donne e uomini.

Lo vedo ogni giorno: gruppi di giovani uomini che si oppongono alla violenza contro le donne nei campus universitari; iniziative dal basso spuntano ovunque sul web; coalizioni si formano fra organizzazioni attraversando il globo. Nel mezzo di tutta l'oscurità di cui ho fatto esperienza come giornalista la luce resisteva sempre, nella creatività e nella fede di innumerevoli persone che sopravvivono nelle condizioni peggiori che possiate immaginare.

Il mio scopo, lo scopo finale della campagna “Man Up” è fare spazio per quella luce, ed ottenere che mia figlia, i suoi compagni e le sue compagne, possano vivere in essa.

 

Jimmie Briggs

 

 

Jimmie Briggs è insegnante, scrittore, attivista; vive a New York; il suo prossimo libro, Le guerre che le donne combattono: messaggi di un padre a sua figlia, sarà pubblicato nel 2011. Per saperne di più sul suo lavoro: www.manupcampaign.org

 

traduzione di Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 28 aprile 2010)


Articoli correlati

  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy