Giovedì , 16 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Ciampino: Gli ultimi battiti del Sacro Cuore
18 Maggio 2018
 

La gente passa e va. Stanca di inveire invano contro il disfacimento che avanza. E lui sta lì. Lercio e squassato ma ancora possente e saldo sulle sue fondamenta. Per i ciampinesi – che quel colosso se lo sono visto sempre sotto gli occhi, che lo hanno frequentato da scolari, da sportivi e da scuola spirituale e di vita, che hanno sognato di vederlo un giorno recuperato per un utilizzo di pubblica utilità con tutto il suo spazio attorno da riportare a giardino – un pugno nello stomaco ogni volta che ci passano accanto e realizzano che il Sacro Cuore sta battendo i suoi ultimi colpi. Divenuto proprietà privata con un’asta da burletta, quel colosso che sembra osservare la città dalle sue occhiaie vuote con una tristezza che ti agguanta alla gola, rappresenta oggi il dispiacere di tutti quei ciampinesi che all’epoca qui non ci sono capitati per caso ma per scelta e ne avevano fatto il luogo d’elezione per concretizzare sogni e progetti. Ma il tempo fa il suo corso e pochissimi ne sono rimasti di questi pionieri di fegato che qui piantarono le tende prima ancora di tirare su le mura di casa, ma ci sono ancora figli e figliolanza che a questo luogo sono attaccati per evidenti motivi e non lo vivono solo di transito ma bene abbarbicati al suolo d’origine.

Divagazioni che regolarmente scattano costeggiando il Sacro Cuore in via Due Giugno, completamente sbarrato dai bandoni fatiscenti e dissestati. Di fronte al cancello arrugginito chiuso con catena e lucchetto, la solita sbirciata per l’ennesima conta dei danni, ma ci aspetta una sorpresa. L’arruffata rigogliosa vegetazione è stata grosso modo rasata liberando la facciata dell’edificio, ancora aggraziata con i balconcini e le inferriate in ferro battuto, e la vista oltre la proprietà.

«Chissà che ci faranno a ‘sto posto» dice una signora col carrello della spesa fermandosi anche lei a guardare. «Se ne dicono tante, va a capire… si sa solo che tutta ‘sta roba adesso è di Schiaffini». Poi rispondendo quasi al nostro tacito interrogativo aggiunge: «Abito al palazzo lì in fondo, questi vanno e vengono, fanno, prendono misure, mettono paletti, se ne rivanno, chissà che c’hanno in mente… speriamo bene».

Bene che vada, Ciampino, che poco di bello possiede, s’è perso il suo più grande patrimonio in termini di verde e di bene architettonico, ma anche di memoria storica e umana. Senza contare l’incognita di ciò che può sorgere al suo posto, ed è questa la paura più grande che serpeggia nell’animo dei cittadini responsabili. Da parte dell’Amministrazione prudente silenzio, tattica consolidata per tirare avanti come non fossero affari di tutti.

 

Maria Lanciotti

 

 

Lampi di Memoria - Storia della Città di Ciampino

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy