Domenica , 26 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gaspare Serra. Aboliamo le province!
07 Dicembre 2008
 

Il tema dell’abolizione delle province non è nuovo e non può liquidarsi in poche righe (comunque la si pensi). Come ogni riforma istituzionale di rilievo che intacca posizioni di potere consolidate, questa è destinata in ogni caso a far discutere e a dividere tra sostenitori e denigratori.

Anche se ancora non in grado di assumere una posizione chiara e definitiva in merito (mancandomi sufficienti basi di giudizio), la mia idea è favorevole all’abolizione delle province. Perché? Innanzitutto perché la Politica in Italia costa troppo ed occorre iniziare a fare i tagli mirati e le razionalizzazioni dovute. Ovviamente l’abolizione delle province dovrebbe essere solo il primo ed il più clamoroso dei tagli che la Politica si dovrebbe dare (dubito, però, che ciò accada, in quanto le province sono una riserva di poltrone e potere che fa comodo sia alla Destra che alla Sinistra, in specie a quella Sinistra che -esiliata dal Parlamento- non vorrebbe perdere l’ennesima sede di rappresentanza politica!).

Perché eliminare proprio le province? Perché, dopo la costituzione delle regioni e la riforma del Titolo V della Costituzione, a livello locale le province sono l’ente con minori competenze (poche funzioni ed intermedie tra comuni e regioni) e più inefficiente nel rapporto costi-benefici. Del resto, deve far riflettere che l’Italia è l’unico Paese occidentale (ripeto, l’unico) in cui esistono ben tre livelli di governo territoriale sub-statale (comuni, province e regioni).

Perché è possibile eliminare le province? Perché, data la natura delle loro competenze, è ipotizzabile prevedere nuovi meccanismi istituzionali (in loro sostituzione) che garantiscano minori costi, maggiore efficienza decisionale e pari rappresentatività dei territori. Fra le tante proposte configurabili, mi permetto di proporne una: perché non abolire le province e sostituirle a livello regionale con un nuovo organismo, che potrebbe chiamarsi “Consiglio Regione-Comuni”. Mi spiego meglio: delle competenze attualmente spettanti alle province: - molte si potrebbero affidare ai Comuni o alle Regioni; - le restanti (quelle per l’esercizio delle quali sarebbe insopprimibile un coordinamento specifico con i territori) potrebbero affidarsi ad un Consiglio Regione-Comuni. Da chi dovrebbe essere composto tale organismo? Per non moltiplicare i costi istituendo nuove cariche, questo potrebbe essere: - composto da due rappresentanti per ogni provincia: i sindaci degli attuali capoluoghi di provincia più un ulteriore sindaco per comprensorio provinciale eletto da un’assemblea dei sindaci della rispettiva provincia; - e presieduto dall’assessore regionale agli enti locali (che vedrebbe aumentate le proprie funzioni, il proprio ruolo e -nel contempo- la propria responsabilità). Un organo unico, quindi, in sostituzione della molteplicità delle province esistenti, dalla composizione snella, con maggiore capacità decisionale e comunque rappresentativo di tutte le istanze provenienti dal territorio.

Questa, ovviamente, è solo una delle possibile proposte realizzabili: quel che conta è comprendere che “è immaginabile un’Italia senza province!”. Abolire le province è un progetto sensato, utile e che può migliore l’efficienza del governo territoriale.

Perché si ottenga questo risultato, naturalmente, occorre che la Politica abbia la forza, il coraggio e la competenza di realizzare un progetto chiaro, efficiente e razionale di riforma istituzionale, anche contro i suoi stessi interessi particolari. È proprio questo, però, l’obiettivo più difficile da realizzare...

 

Gaspare Serra

http://spaziolibero.blogattivo.com


Articoli correlati

  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Primo Mastrantoni. Riforme istituzionali. Diminuire i parlamentari e aumentare i consiglieri?
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Senato. La tenia partitocratrica. Quando una poltrona, anzi due, fanno l'unanimità
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  BIM. Sondrio Liberale ne propone la soppressione
  PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
  Mario Staderini. Stipendi parlamentari: la vera truffa è il finanziamento dei partiti
  Marco Beltrandi. “Approfittiamo della crisi anche per modernizzare l’Italia”
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Piero Cappelli: Soldi, potere e arroganza. Le nefandezze dei partiti italiani.
  Primo Mastrantoni. Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  Politica, quanto ci costi
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  Costi della politica. I conti non tornano
  Enea Sansi. I comuni hanno bisogno di avvocati?
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Costi della politica. «I conti di Formigoni non convincono, si faccia commissione di indagine»
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  Tremonti e le tasse. Come mettere le mani nelle tasche degli italiani
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Comunità montane e nuove province
  Primo Mastrantoni. Province. Non dovevano essere abolite?
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto. Diminuire lo stipendio ai parlamentari è il fumo, vediamo l'arrosto
  Carlo Forin. Aboliamo le province!
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Pd Sondrio. Domani in Consiglio Regionale la Riforma delle Autonomie
  Luca Vitali. Salviamo la Provincia... E dopo?
  Tre iniziative di Angelo Costanzo e del gruppo consiliare PD in Regione Lombardia
  Luca Vitali. Il tempo sta per scadere
  Periscopio valtellinese: “Vale la pena salvare questa Provincia?”
  Milano. Approvata la riforma del sistema delle autonomie in Lombardia
  “Province, preparatevi a far fagotto!” Intervista del Gazetin a Mauro Del Barba
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
  Luca Vitali. Abolizione province: l'appuntamento del 31 gennaio
  Guido Viale. Quanto sono utili le Province
  Giorgio Gemmi. Sondrio provincia autonoma, governata con logiche diverse
  Luca Vitali. Quale autonomia?
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
  Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy