Domenica , 22 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bernart de Ventadorn: "Ben vorrei trovarla...". Poesia per l'amore estivo di Ivana Cenci.
06 Luglio 2007
 

Cerca ospitalità in Discorso amoroso, per le temperature estive, questa poesia di Bernart de Ventadorn. Mi è tornata in mente, rispetto a una ricerca compiuta tempo fa, e pensando alla ...punteggiatura del discorso amoroso... per il quale, certo, non troverei affatto fuori luogo una rima d'altri tempi, anche se so che in molti ritengono impensabile scrivere di questi versi, oggi, ma, soprattutto, ritengono (erroneamente) che anche l'orecchio non sia più in grado di goderne.

 

Ivana Cenci

 

 

BERNART DE VENTADORN: “BEN VORREI TROVARLA…”

 

Ben vorrei trovarla sola, che dormisse o facesse finta

di dormire, per rubarle un dolce bacio, non avendo

l'animo di richiederglielo. Per Dio, signora, quanto

poco godiamo dell'amore! Vassene il tempo e noi

perdiamo il meglio. Dovremmo corrispondere con segni

d'intesa, e poiché non ci vale l'ardire, ci valga

almeno l'astuzia!

 

 

Bernart de Ventadorn (1130-1140 - 1190-1200) fu trovatore, compositore e poeta, probabilmente figlio di un fornaio, cresciuto presso il palazzo dei duchi di Ventadorn, nel dipartimento francese del Corrèze (Limousin), ed è considerato il più famoso dei poeti e trovatori provenzali. Nato in una famiglia modesta, fu istruito all’arte della poesia dal suo protettore e maestro, il signore Eble III, detto il “cantante” e compose i suoi primi versi per la viscontessa di Ventadour, riportandone la conseguenza di essere cacciato dal castello. Trovò rifugio e dimora successivamente presso altre corti signorili, infine presso quella di Eleonora d’Aquitania, che seguì forse oltre-Manica, dopo il suo matrimonio con Enrico Plantageneto e per la quale scrisse canzoni d'amore di grande bellezza, probabilmente per superare con il suo merito poetico la distanza sociale che lo separava da questa grande signora, di cui era innamorato. Se riprende motivi comuni alla poesia della maggior parte dei troubadours: la natura e soprattutto l'amore, se ne discosta con un tratto tutto originale, lasciando posto nei suoi versi alle sensazioni personali, il che conferisce alla sua poesia accenti di verità introvabili nei troubadours suoi contemporanei. La poesia è in effetti per lui più l'espressione di un sentimento reale che non un lavoro formale. Ha lasciato testi commoventi e ricchi di immagini, capaci di esprime in una lingua semplice sentimenti molto intensi. Poco apprezzata dai dilettanti di poesia cortese che ponevano la tecnica poetica al disopra dell’espressione dei sentimenti, la sua opera dovette attendere l'epoca romantica perché egli fosse riconosciuto uno dei più grandi.


Articoli correlati

  Ivana Cenci. Albert Camus, Né vittime Né carnefici - 0.
  Ivana Cenci. Camille e Paul Claudel: La Valse
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Marco Rampon. Ivana Cenci (5)
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Alessandro Bedin. A cura di Ivana Cenci (2).
  Donne romane, belle e d’appetito
  Ivana Cenci: Sul genio e la creatività femminili, ovvero riconsiderazioni sull’Amore a partire da Diotima
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Maria Paola Forlani. Metamorphosis
  Traduzioni e altre traduzioni. El tigre, La tigre di Pablo Neruda, Ivana Cenci (3)
  Traduzioni e altre traduzioni: Pablo Neruda - Ivana Cenci (1)
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Stefania Bortoli. Cura di Ivana Cenci (4).
  Ivana Cenci. Il “Concerto d’Aranjuez” di Joaquín Rodrigo
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: EloZ. A cura di Ivana Cenci (6)
  Traduzioni e altre traduzioni. "Bella" di Pablo Neruda, Ivana Cenci (2).
  Historica. Cronache di inizio millennio
  21 Marzo, Giornata Mondiale della Poesia/ II – Omaggio d/al Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis
  Spot/ Vicenza, Laboratorio di Artemis. “Il pensier si azzurra”
  Ivana Cenci: La reciprocità. Fedeltà a se stessi nell'incontro con l'altro.
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Giordano Montanaro. A cura di Ivana Cenci (3)
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Poesie di Gianluigi Cannella. A cura di Ivana Cenci (1)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy