Sabato , 20 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Maria Pina Ciancio. “Porto franco” di Giuseppe Martella
23 Novembre 2022
 

La raccolta è stata pubblicata da Arcipelago Itaca con pstfazione di Rosa Pierno.

Avevo già avuto modo di leggere e di apprezzare alcune poesie di Giuseppe Martella sul web e così ho ricevuto con molto piacere la sua raccolta Porto franco che raccoglie anche alcuni dei testi già pubblicati in riviste cartacee e on-line. Ben curata, fine e assai sobria risulta l’edizione tipografica a cura di Arcipelago Itaca. Mi immergo nella lettura della silloge e già dalla lirica di apertura, sento il carattere dialogio-corale che la contraddistingue “se tutti noi/ fossimo presi per incantamento” (p. 7) che richiede predisposizione all’ascolto, alla condivisione.

Gran Canaria” apre la prima sezione, il beato angolo di mondo, dall’autore definito “pagano paradiso” in cui la coscienza si espande e si “cheta” in una condizione estatica di rapimento e appagamento che è sollievo per il corpo e per la mente. Queste prime poesie sono caratterizzate dai colori e dalla luce che trionfano su tutto “tutti i colori dell’iride raccolti/ mischiati in questo turbine/ di tempo” e da una natura potente, carica di vitalità, di fronte alla quale l’uomo non può che realizzare la sua finitezza. In tutta questa meravigliosa surreale turbolenza, si delinea e vive la precarietà umana e delle cose, così come del tempo e dello spazio, nel ciclo eterno della vita e della morte. E arrivano le domande “che fare”? Scartare o conservare? “Prendere la meraviglia della cosa/ -scartare il resto- scartare come un fagotto, o come/ un ostacolo che ti si para innanzi/ all’improvviso” (p. 23) oppure condividere e accogliere “ogni macchia lasciata sulla strada/ intrisa di semenze/ ogni cosa derisa, attende/ di essere ripresa, condivisa/ come un’ostia dissacrata” (p. 21). Sono versi carichi di energia, in cui si sente quest’oscillazione continua e accorata tra abbandono e resistenza, amplificata dall’uso del polisindeto, dalle frequenti ripetizioni, dei richiami anaforici, dalle assonanze e consonanze ripetute. Il tutto in un tensione “panica” che sale e diviene a tratti fusione totale tra l’elemento umano e naturale, grazie anche a un abile uso della climax.

La seconda sezione “L’ora bruna del presentimento” riprende il tema della solitudine, della fragilità umana e dell’incertezza della vita, dove sopraggiunge “l’ora bruna del presentimento-/ come nube leggera dagli orli illuminati/ arancio, rosso” (p. 29). C’è un esasperato ascoltarsi, interrogarsi, sentirsi talvolta senza pelle, sbattuto come un capodoglio spiaggiato, un cesellarsi, farsi a pezzi, a bocconi, digerirsi metaforicamente. Eppure, quel qualcosa che rode dentro, non smette di fare il suo lavorio, come onda che si infrange e non dà tregua allo scoglio. Allora ci si aggrappa con forza ai ricordi, alla figura di una donna ora presente, ora assente, ora nido, ora sfuggente. E per compagnia, persino alle voci di una radio. In questa sezione dove tutto sembra fluttuare tra certezze e incertezze, il linguaggio acquisisce maggiore consistenza, la parola si fa corpo, pensiero lucido e razionale, con tratti di intuizione filosofica, dove non mancano guizzi ironici ed espressioni colloquiali a smussare quell’ombra lunga che tutto/tutti coinvolge e nessuno risparmia, dentro la grande e primordiale domanda: “chi sono io?”

Andare e non andare: non capire
venire al dunque, poi perseverare
fuggire all’ultima ora
-ora è lo stesso
e mi capita spesso quest’ora incerta
dove non so chi sono,
e non so a chi chiedo se mai chiedo
per forza o per amore. Se
tu ci fossi, e se io non fossi io,
chiederei perdono a te - perdono a Dio”

(p. 35)

Queste ultime poesie della raccolta, hanno un andamento verticale, girano tutte intorno a un concetto, un nucleo esistenziale che chiede salvezza “uno spiracolo/ una breccia o fenditura fra la roccia/ e il mare indocile di spuma” (p. 51).

In questo “porto franco” come angolo di pace, di rifugio e di riparo si compie la parabola ciclica della poesia di Giuseppe Martella, della risalita e della caduta, in un fluttuare costante tra finito ed infinito, tra elevazione e turbamento. È proprio la natura più selvaggia infatti, che ci insegna che tutto è continuamente morte e vita e che tutto nasce e rinasce, eternamente, naturalmente.

 

Maria Pina Ciancio

 

 

Giuseppe Martella, Porto franco

Postfazione di Rosa Pierno

Arcipelago Itaca, 2022, pp. 68, € 14,50


Articoli correlati

  Premi e concorsi/ Renzo Montagnoli. Storie minime di Maria Pina Ciancio
  In libreria/ Maria Pina Ciancio. “Delle madri” di Marina Minet
  Rosa Pierno: “Distici Morali” di Daniele Pieroni, disegni Carla Accardi
  Rosa Pierno: Coppia Cromatica
  Roberto Bertoni: "Fili". Recensione di Rosa Pierno
  Rosa Pierno: “Il Bene Della Vista” Di Mauro Ferrari, Edizioni Joker.
  Rosa Pierno. “Breve apologia dell'esperienza estetica” di Hans Roert Jauss
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Tiziano Salari: Silvano Martini sul blog Trasversale
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Rosa Pierno: Coppie Improbabili
  George Sand: “La foresta di Fontainebleau”. Recensione di Rosa Pierno
  Rosa Pierno: Lignes-Itineraires. Disegni di Renée Lavaillante
  Rosa Pierno: Interni d'autore. "Cy Twombly"
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy