Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Donatella Poretti. Una richiesta in vista dell’appuntamento congressuale
Donatella Poretti. Il primo giorno alla Camera dei deputati con la figlia
Donatella Poretti. Il primo giorno alla Camera dei deputati con la figlia 
29 Ottobre 2006
 

 

Dopo molti anni i radicali, grazie al progetto politico della Rosa nel Pugno, sono tornati nelle istituzioni. Siamo in Parlamento, siamo in maggioranza e siamo al Governo. Ciò comporta una responsabilità che personalmente vorrei condividere con tutti i radicali e su cui chiedo collaborazione. Ciascuno di noi ha, nella propria vita personale e lavorativa, tanti spunti di insoddisfazione per come il nostro Paese è governato. Le leggi ingiuste, assurde, inutili, dannose e da cambiare sono così tante che non deve sfuggirci il fatto che siamo esattamente nel luogo deputato a questo compito: fare e sfare leggi! È vincolante per tutti noi, non solo per quelli che fisicamente entrano nel Palazzo. Sono passati pochi mesi e sono tante le iniziative che abbiamo avviato, come piccole formichine stiamo imparando a muoverci in questi corridoi con le nostre bricioline di pane, ma il rischio di perderci è dietro ogni angolo. Esiste la possibilità di girare a vuoto, di fare chilometri per essere sempre al punto di partenza.

Per scongiurare questo pericolo c’è bisogno della collaborazione di tutti, e per questo è necessaria la presenza di un partito fatto di donne e di uomini che ci ricordino e ci segnalino i pericoli e le strade da seguire. Occorre che ciascuno diventi una sorta di assistente parlamentare... cominciamo a guardare le leggi con l’occhio del legislatore! Nella commistione di pubblico e privato, o meglio di privato che diventa pubblico, il solo fatto di avere avuto una figlia mi ha fatto toccare con mano come quella politica che parla di donne, famiglia e di pari opportunità sia lontana dalla realtà della vita di tutti i giorni.

Per fortuna non ho avuto bisogno di una fecondazione assistita, ma anche quando la gravidanza è raggiunta in maniera naturale, gli ostacoli che seguono non sono da poco in una società connotata da una impronta decisamente maschilista. Nell’Italia del 2006 è infatti ancora un miraggio partorire senza dolore, a Firenze c’è un solo ospedale che in teoria su richiesta della donna pratica l’anestesia epidurale, nella pratica è invece difficile averla perché non rientrando tra i livelli essenziali di assistenza sanitaria manca l’anestesista in sala parto. Se poi una donna decide, in accordo anche con l’altro genitore, di dare anche il proprio cognome al figlio, si trova costretta a ricorrere ad una serie di escamotage che permette la legge solo alle coppie non sposate. Il figlio poi che nasce fuori dal matrimonio, nonostante le continue segnalazioni della Corte Costituzionale, è ancora etichettato come naturale, diverso da quello legittimo, in particolare e guarda caso, per le questioni di eredità

Una donna poi che si ritrova con un figlio diventa una sorta di paria, muoversi e viaggiare diventa un percorso ad ostacoli, allattare sembra sia una sfida e in molti casi si preferisce lasciare il lavoro perché lo stipendio spesso non basta a coprire le rette di asili nido irraggiungibili e introvabili. Sono piccoli e pochi esempi di come le leggi ti si attaccano addosso e di come sia necessario liberare la nostra societa’ da quei vincoli e lacci che non intervengono solo nell’ambito del mercato del lavoro e dell’impresa, ma anche nell’ambito della vita privata.

È su questi temi che in particolare intendo per parte mia impegnarmi, perché uno Stato paternalista sia sempre di più un brutto ricordo invece che una realtà quotidiana. Ed è su questo che chiedo spunti e segnalazioni da un congresso che si preannuncia ricco.

Per parte mia darò conto di ciò che ho fatto e di quello che intendo fare, mentre chiederò al congresso e ai radicali di usarmi-usarci. Siamo in Parlamento per non lasciare niente di intentato, percorriamo tutte le strade per cambiare l’Italia.

Per liberare, legalizzare e riformare la politica e l’Italia proviamo insieme ad usare anche lo strumento del parlamentare!

 

Donatella Poretti

(da Notizie radicali, 27 ottobre 2006)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy