Giovedì , 24 Agosto 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Eden” di Mia Hansen Løve: un racconto amorale
21 Agosto 2015
 

È uscito, quasi senza promozione pubblicitaria, il film di una regista francese molto brava, Mia Hansen-Løve, già autrice di Il padre dei miei figli e Un amore di gioventù.

Eden è produttivamente più impegnativo dei film precedenti, forse artisticamente meno riuscito, ma tutt’altro che privo di interesse e di qualità.

Si racconta dell’avvento sulla scena musicale parigina, negli anni Novanta, di una coppia di dj davvero esistita, The cheers, propugnatori di una variante di musica elettronica chiamata Garage: a Parigi, ma poi anche, in tournée, a New York. Il film racconta la loro vicenda ed è insieme un affresco della vita di bohème dei giovani musicisti, appassionati di musica, ma anche scrittori e disegnatori, della Parigi di quegli anni.

Il successo dei Cheers, legato a una moda musicale, tramonterà nel giro di poco più di un decennio, lasciando in particolare uno dei due, il protagonista del film, sommerso dai debiti e costretto a ripiegare, per sopravvivere, su un lavoro per lui più mediocre.

Tale percorso potrebbe suggerire una lettura moralistica della vicenda. Una libertà, o un’aspirazione alla libertà, che sconfina con la frenesia – una frenesia fatta di nottate in discoteca, ma anche di spese folli, di un uso smodato della cocaina, di relazioni amorose perennemente in crisi, precarie – finirebbe punita da un destino fallimentare.

Ma non è questo il punto di vista dell’autrice sui suoi personaggi, che si mantiene crudelmente oggettivo. Non li esalta, ma nemmeno li condanna. Il loro successo sembra fare tutt’uno con l’energia, l’esuberanza, della gioventù. E infatti viene meno all’inizio dell’invecchiamento. Altri talenti, più giovani, li soppianteranno proprio come, in un albero, nuovi frutti nascono dopo la caduta dei vecchi.

Come sempre avviene in quei racconti in cui la vita è considerata in primo luogo nei suoi termini biologici, il tono di fondo del film è pessimistico e disperato. Non è un caso che uno dei personaggi secondari – un disegnatore di fumetti – si suicida.

Il limite dell’impostazione deriva forse da un luogo comune: quello per cui, per raccontare la frenesia, occorre uno stile a sua volta frenetico. Un limite, perché la rapidità delle notazioni, pur precise, su ambienti e personaggi impedisce l’approfondimento.

Ma basta considerare la figura del protagonista – uno dei due disc jockey – fatuo, di un’euforia forse stolida, ma anche brillante e sognatore, colmo della luce – ingannevole, ma luce! – della gioventù, per ritrovare le notevoli qualità descrittive, l’esattezza dello sguardo, dell’autrice.

 

Gianfranco Cercone

(da Notzie Radicali, 18 agosto 2015)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy