Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. Rimirando con gli Occhi di zagara 
La trasposizione di Paolo Diodati al pianoforte de “la pioggia nel pineto” sottolinea l'intensità poetica di Paola Sarcià
10 Agosto 2010
 

«All’inizio fu la stanza dei bambini, con le finestre che davano sul giardino e oltre il giardino, il mare» (V. Woolf, “le onde”)

 

«Fai sempre in modo che l’uomo sia figlio dell’attimo in cui roccia e mare s’incontrano» (Heine)

 

 

Propongo, a distanza di oltre un anno, una seconda recensione del libro Occhi di zagara della poetessa Paola Sarcià (EIF, 2008, € 12,00) in quanto, oltre la valenza del testo, la presentazione è avvenuta accompagnata da “la pioggia nel pineto” nella trasposizione al pianoforte di Paolo Diodati.

 

Il mare, nella parola dell’autrice, assume una valenza fortemente musicale e come l’onda e il suo dissolversi, diventa paradigma dell’inarrestabile corso della vita e del tempo perso e ritrovato, nostalgico e inclemente, inaccessibile e segreto, nascita e morte, parola e silenzio.

Una “battigia” semantica di parole, cancellate e riscritte sulla riva del dolore, segnano la sabbia di sangue e di rinascite in un non allineamento sentimentale ed artistico che denota, in questa silloge d’esordio, l’onestà artistica dell’autrice.

La zagara è fiore forte, resiste al gelo pur nella fragilità del suo rugiadoso lacrimare ed ha occhi da poeta. Il fiore assunto a specularità di sé dalla poetessa viene a significare l’ossimoro dell’esistere nell’indissolubile connubio con gli abissi, il naufragio, la morte, la catarsi. Un libro di elaborazione del dolore nei confronti del quale l’autrice non si celebra né si offre vittima, con profumato-pianto diventa lei stessa la zagara che aspetta e nell’attesa si “ripensa” nel mondo dei sentimenti e del reale, suggerendo inconsapevolmente che il riscatto è proprio nello scriversi senza difese e rimozioni e il suo dare forma al dolore ne mantiene inalterati i solchi del tempo, le cicatrici e la loro rielaborazione emotiva. Paola Sarcià nell’accettazione di sé offre versi anche di un solo sintagma, imprigiona il tempo nell’urgenza dello scatto-immagine e, in modo icastico, ogni volta propone versi che incidono la pagina di una assoluta volontà di coscienza. Poesia quindi non immaginifica e sognata ma poesia dell’intelletto che ne contiene l’emozione. La silloge priva di memorialismo, di soggettivismo e personalizzazione costituisce un diario dell’anima; senza date di riferimento, titoli e senza pietismi persegue l’ipotesi di un “noi” come unici protagonisti del nostro attraversamento per mare.

Naufrago

nei tuoi occhi di mare

approdo sicuro

il tuo corpo

pone fine

al mio errare

 

Tutto

è

ombra e luce

un mare d’acciaio

riflette

la mia anima

 

Ostinata

perseveranza

fino al dolore dell’anima

fino a quando anche il dolore

si è arreso

all’essenza

di un’assenza

che spegne il fuoco

e prosciuga

il mare

Quest’ultima lirica, la cui incisività concettuale crea un forte impatto emotivo, segna un doloroso prosciugamento della sostanzialità dell’esistere nell’assenza.

L’intensivo iniziale “ostinata-perseveranza” si espande nel cielo che sembra scientemente raccogliere il dolore di una donna e smettere di risorgere luminoso.

Nella paronomasia (essenza – assenza), Paola Sarcià sfida la deriva dell’essenza nella sostanzialità dell’assenza, del vuoto, del baratro che tutto prosciuga anche il mare ma non la vita che continua ad essere fissata nel susseguirsi delle liriche con la “fede” di chi crede che il vivere vada scritto per non essere cancellato e per rinascere alla vestale-poetessa come fuoco da non spegnere.

Inseguendo un profumo

di salsedine

ho confuso

le onde

con le nuvole

e

atteso una notte

di stelle di mare

Una tavolozza d’infinito confonde in un continuum mare e cielo, lo profuma di salsedine e trasporta le stelle nel fondo del mare. Ho parlato dell’autrice come poetessa del mare per la varietà di etonimi che sono ad esso attribuibili e sempre così profondamente da sentirne sensibilmente la fisicità anche quella memoriale della nascita e del ritorno, del naufragio e dell’approdo. «Luna d’Asia/ dominatrice/ seducente/ di vascelli/ in cerca/ di rotte». Lo spaesamento e il dolore diventano viaggi per mare in cerca di ammaraggi e affidati alla luna, illuminata compagna di viaggio, cifra della solitudine poetica che in simbiosi con il creato rielabora in «fermo-immagine/ lo scorrere della follia» in un «fragore di onde/ di spuma/ di alghe» e «l’onda sovrana/ sfida la roccia/ violenta di cicale/ e di fronde nodose…» Nella ipallage sorprendente in cui la roccia diventa attesa dell’incontro con il mare trovano il loro definirsi i versi di Heine e il mare diventa il ritorno alle radici dell’autrice. Dopo aver definito la sua poesia «pensieri/ diafani/ indistinti/ si spandono/ sulla carta/ polvere di sabbia…». Il mare è ancora “terra” di una bambina che scrive e gioca sulla sabbia, di una donna che ha «scavalcato mura d’ansia…/ di labbra stuprate.../ di radici ferite» foriero di un’ancora probabile “gita al faro” con tutte le nostalgie che comporterà. Sarà la Sicilia ad accoglierla e lei a “ripensarsi” nel luogo dell’anima, nella assolata terra del padre, e l’andamento lento dei versi la riconcilia verso un approdo.

leggero il mio cammino

su questa terra

di ulivi gravidi

di fichi d’india

protesi in un abbraccio

al cielo

di agavi in fiore,

illuse

di distrarre la morte-

Di questo luogo

mi riconosco

figlia

e non più

errante

in un cielo opaco

fra vicoli

senza orizzonti

di una città antica.

Nello specchio

l’immagine riflessa

l’arcano richiamo

di terre assolate

levigate dal vento

bagnate dal mare

La Vestale non ha accettato il fuoco spento ed esso si riaccende epifanico dentro di lei.

Nella mia anima

in punta

di piedi

sono

  Patrizia Garofalo

 

 

Paola Sarcià (foto), nata il 18 ottobre 1962 a Bologna, dove ha vissuto fino a ventitré anni, risiede a Ferrara dal 1986; è docente di inglese presso il Liceo Classico Sperimentale “Ludovico Ariosto” di Ferrara. Scrive poesie dal 2003 e ha partecipato al Premio nazionale Valeria di Rieti 2004 con la poesia “Silenzi” giunta all’ottavo posto. Ha partecipato al Premio Letterario Città di Monza 2005 con la poesia “Di un silenzio…” che è stata pubblicata sull’Antologia del Premio letterario Città di Monza 2005. La stessa poesia “Di un silenzio…” è stata anche selezionata per l’Antologia del Premio Marguerite Yourcenar 2006 ed è stata premiata con il Premio d’Onore alla IV edizione del Premio Letterario Internazionale Archè “Anguillara Sabazia Città d’Arte” 2006. La poesia “S’infrange il viaggio” è stata selezionata per l’Antologia del Premio Marguerite Yourcenar 2007, e la poesia “Notte” è stata selezionata per l’Antologia del Premio Città di Monza 2007. L’autrice è voce recitante in presentazione di libri e spettacoli di teatro.


Articoli correlati

  Vetrina/ Fiori recisi... Paola Sarcià con Elisabetta Andreoli
  Vetrina/ Elisabetta Andreoli con Paola Sarcià. Estrovertere il soffio
  Vetrina/ Paola Sarcià. A Patrizia, nel cuore sempre
  Patrizia Garofalo intervista Paola Sarcià
  Vetrina/ Paola Sarcià. Nella mancanza...
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  In ricordo di Patrizia. 3
  Paola Sarcià. Echi dall'Onda
  Vetrina/ Paola Sarcià. Il sordo boato delle viscere...
  In libreria/ Paola Sarcià. Trema anche la Luna
  Vetrina/ Paola Sarcià. Non si donano grappoli d'uva...
  Vetrina/ Paola Sarcià. Assetata di vita...
  Vetrina/ Paola Sarcià. Non ci sono farfalle...
  In libreria/ Paola Sarcià. Echi dall'onda
  In libreria/ Paola Sarcià. Occhi di zagara
  La versione in musica de “La pioggia nel pineto” dannunziana di Paolo Diodati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy