Domenica , 29 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Bernardini. Itinerari di pAssaggio 
Tra valorizzazione del territorio e turismo enogastronomico
23 Dicembre 2019
 

L'enogastronomia italiana, nel corso del 2018 e del 2019, ha attraversato complessivamente un periodo positivo caratterizzato dalla riscoperta della qualità del cibo e dall'importanza di un'alimentazione responsabile. Questo atteggiamento si deve sia alla popolazione che ai turisti, grazie al sempre maggior interesse verso il turismo enogastronomico, il cui fine è far conoscere i prodotti locali ed il territorio.

Il trend favorevole è confermato da quanto riportato nel Rapporto sul Turismo Enogastronomico 2019, a cura di Roberta Garibaldi (Università di Bergamo) e World Food Travel Association, dove si evidenzia come le esperienze enogastronomiche nel 2019 siano oramai parte della quasi totalità dei viaggi degli italiani, a prescindere dal fine o dalla destinazione.1

Il turista enogastronomico non è solamente interessato a ciò che può offrire il territorio, ma bensì anche alle modalità di produzione, ai processi ed alle vicende storiche e sociali all'origine di un determinato prodotto.2

Per questo, l'enogastronomia, diventa un contenitore che racchiude tutto quello che il turista contemporaneo desidera: rispetto della cultura, delle tradizioni, esperienza, benessere, sostenibilità ed autenticità. Da qualche tempo, infatti, esistono i foodies, persone che viaggiano intorno al mondo con il solo scopo di collezionare esperienze enogastronomiche (Garibaldi, 2017).

Il fenomeno inoltre fa parte del turismo sostenibile perché mira a valorizzare i colori, gli odori ed i sapori di un'area geografica portando possibilità di sviluppo alla comunità locale e, contemporaneamente, mette al primo posto la tutela dell'ambiente.

In Italia sono numerosi gli itinerari enogastronomici, concepiti con la finalità di promuovere i luoghi più importanti della tradizione culinaria italiana. Alcuni esempi sono le strade del vino, dei sapori e del gusto dove vi sono cantine aperte al pubblico, aziende agricole e vigneti raggiungibili grazie a percorsi segnalati e pubblicizzati.

In questo contesto s'inserisce a pieno titolo la collana Itinerari di pAssaggio, presentata durante la manifestazione Vinitaly 2019 (7-10 aprile) nello stand della Regione Veneto. L'opera, frutto della collaborazione tra Gruppo FS Italiane e Associazione Slow Food, comprende una ventina di itinerari enogastronomici, da Nord a Sud della Penisola, legati a collegamenti ferroviari regionali.

L'obiettivo del progetto è favorire la conoscenza della tradizione culinaria delle regioni italiane attraverso l'utilizzo del treno come mezzo di trasporto per raggiungere circa 500 ristoratori, botteghe e produttori indicati da Slow Food nei pressi delle stazioni ferroviarie.3

Le tratte considerate nel progetto sono le seguenti: Cagliari – Sassari, Lamezia – Rosarno, Parma – Bologna, Spotorno – Bordighera, Verona – Vicenza, Roma – Albano, Napoli – Salerno, Aosta – Ivrea, Terni –Terontola, Torino – Alba, Parma – Milano, Campobasso – Isernia, Pesaro – Ancona, Udine – Trieste, Ancona – Pescara, Trento – Bolzano, Potenza – Melfi, Firenze – Viareggio, Palermo – Messina e Bari-Brindisi.4

Grazie all'iniziativa, i turisti possono entrare in contatto con le eccellenze alimentari italiane rendendo il viaggio non soltanto un'occasione per ammirare le bellezze del patrimonio culturale nostrano, ma anche un'opportunità per scoprire cibi e peculiarità locali. In questo senso è stato fondamentale l'apporto di Slow Food, associazione no profit internazionale che da anni si occupa della valorizzazione dei prodotti locali in ottica sostenibile.5

L'esperienza enogastronomica proposta può essere inquadrata anche all'interno dello spazio del “turismo lento”, caratterizzato momenti di riflessività e sosta grazie all'utilizzo di mezzi trasporto capaci di favorire tali stimoli, come ciclovie e treni panoramici molto apprezzati dai turisti, ad esempio, in Svizzera.6

Infine, merito degli Itinerari di pAssaggio, è permettere a pendolari e viaggiatori di vivere l'Italia in treno, coniugando sostenibilità ambientale, valorizzazione del territorio e turismo enogastronomico.

 

Enrico Bernardini

 

 

Bibliografia

Garibaldi, R. (2017). In viaggio per cibo e vino. Opportunità di un nuovo turismo integrato. Roma: Aracne.

 

 

1 Fonte: Roberta Garibaldi, Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2019.

2 Fonte: formazioneturismo.com

3 Fonti: inItalia.virgilio.it e Blog iVinidelVentaglio.com

4 Fonte: FSNews.it

5 Fonti: ANSA.it e TempiModerniMagazine.it

6 Fonte: mySwitzerland.com


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy