Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Marisa Cecchetti. “Andar per versi” di Patrizia Riscica
16 Ottobre 2018
 

Vita non è stasi, ma un percorso che si snoda; così come l’amore, qualsiasi tipo di amore, che non si deve cristallizzare ma ha bisogno di emozioni che lo alimentino: “Faccio esperimenti di sentimenti”, scrive Patrizia Riscica. Non possiamo scacciarlo, l’amore, perché tornerà sempre: “Era il tempo di cambiare/ e cacciare via l’amore/ era arrivata l’ora,/ ma lui, l’amore, non voleva/ proprio andare via”. Rimane “appiccicato”, carico di ricordi: “Ecco ora in un tempo/ non più giovane per noi/ ancora ti vedo così,/ mentre sali verso me”.

Andar per versi è tutto un cammino, esprime il bisogno inesauribile di ogni donna di andare oltre spazi limitati, certezze sperimentate; di non restare immobile col pensiero. I pensieri sono così tanti che “non c’è lana sufficiente” per coprirli.

La poesia scava nell’io profondo, le parole si srotolano ad abbracciare “il viaggio del pensiero” ed a svelare i desideri: “ho tanta voglia di correre accanto alla poesia”.

Sono versi che contengono l’ansia di fronte al tempo che scorre, quello limitato del nostro viaggio a termine: siamo viaggiatori che avremo la nostra fermata indiscutibile, anche se ci sforziamo di credere che il tempo sia “solo un malinteso”. Infatti “L’avviso è chiaro:/ Gentile viaggiatore, si richiede di utilizzare la vita/ solo per il tempo necessario alla consumazione”.

Nonostante questa consapevolezza, o proprio per questa, non si interrompe il cammino: “Il mio destino è andare,/ sono esule del mondo/ ho una mappa scritta nel cuore/ per camminare verso il regno dell’ignoto”, dice la Sciamana.

L’ignoto mantiene il suo fascino e la paura che ci impedisce di affrontarlo lascia la vita incompleta, con il rimpianto di occasioni perdute: “un amore sbagliato/ un desiderio inappagato/ un pensiero incompleto/ non li ritrovi più”.

Attraverso la poesia Patrizia Riscica realizza dunque una forma di viaggio, ma allo stesso tempo esprime, come in una contraddizione, il bisogno di silenzio: “lascio le parole riposare/ tranquille sulla lingua/ mentre inseguo solo/ pensieri effimeri”.

Le donne avanzano, si guardano intorno con uno sguardo largo che coglie i problemi: la voce allora diventa un’accusa davanti alle incoerenze, alle assurdità, alle violenze, ma anche davanti al folle inseguimento di una eterna giovinezza da parte di donne “belle e omologate/ …con lo specchio in mano/ per controllare velocemente/ se ancora regge/ l’imitazione di se stesse”.

È tanto forte il bisogno della parola poetica che questa diventa spazio vitale, tanto che la Riscica abbonda di anafore, di elenchi, come assaporando il piacere del fluire stesso del verso e del suo suono, senza decidere per la sintesi e per la essenzialità della parola.

 

Marisa Cecchetti

 

 

Patrizia Riscica, Andar per versi

Biblioteca dei Leoni, 2018, pp. 110, € 12,00


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy