Giovedì , 16 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Una mostra di René Bokoul a Le Dorat 
Simbolo di una Francia e di una civiltà che risorgono sempre dalle ceneri
16 Aprile 2019
 

Dal 27 maggio – che è anche il giorno del mio compleanno: una ragione in più per festeggiare – al 10 giugno 2019 si terrà a Le Dorat, comune francese della Haute Vienne, nella regione della Nuova Aquitania, la mostra di René Bokoul “Berceau de la sagesse” (“Culla della saggezza”). René Bokoul, conosciuto come “il Picasso d’Africa” è uno dei più importanti artisti del nostro tempo e per me è da oltre dieci anni un amico fraterno. Profugo dal Congo dilaniato dalla “Guerra mondiale africana”, ha ricostruito prima in Italia e poi in Francia – paese che ha riconosciuto il suo luminoso talento – una carriera spezzata dal terribile conflitto e dalla sua fuga nell’Unione europea, dove ha chiesto asilo. Ha vinto il Premio del Presidente della Repubblica Francese e il prestigioso Premio Picasso. Il segretario generale dell'Onu, il presidente della Banca Mondiale, il presidente della Repubblica francese, il re del Marocco e altri regnanti e capi di stato visitarono il suo atelier in Congo e acquistarono le sue opere.

La scuola in cui Réné crebbe come artista è la celebre scuola di Poto-Poto, che già nel XIX secolo aveva posto le basi del Cubismo, a cui si ispirarono Picasso e Braque. Réné è un testimone dell'Africa. Un testimone di pace e uguaglianza. Nei suoi dipinti ritroviamo gli splendori e le ferite di un continente la cui cultura è antica come l’umanità.

Le Dorat è una cittadina che nella sua lunga storia ha conosciuto distruzioni e rinascite. Nell’evento che presenta l’arte di René non è difficile identificare un simbolo della volontà che da sempre induce la civiltà a non accettare la distruzione, ma a recuperare sulle rovine il tesoro della nostra storia. Una volontà che adesso anima Parigi e tutta la Francia, dopo il terribile rogo che ha sfregiato per sempre la meravigliosa cattedrale di Notre-Dame, che però non è andata perduta e chiede alla civiltà di essere unita per riedificarla imponente e splendida come prima.

 

Roberto Malini


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy