Lunedì , 20 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini 
Radicali Italiani con sindaci, organizzazioni cattoliche e del terzo settore per mobilitazione nazionale “Puntare sul lavoro per vincere sfida”
(foto l
(foto l'Espresso) 
20 Gennaio 2017
 

(Roma, Valentina Ascione) – «Usciamo per strada con una legge di iniziativa popolare per cambiare racconto sull'immigrazione», così Emma Bonino che, in occasione dell'incontro “Come vincere la sfida dell'immigrazione?” che si è svolto oggi al Senato, ha lanciato con Radicali Italiani la proposta di una mobilitazione nazionale su una legge popolare di riforma della Bossi-Fini. La proposta ha subito trovato l'adesione del sindaco di Catania e vicepresidente del consiglio ANCI Enzo Bianco, promotore con Bonino dell'incontro, del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, del sindaco di Bergamo Gori e di altri sindaci intervenuti e che si sono detti pronti a raccogliere le firme. A condividere l'iniziativa anche don Virginio Colmegna, presidente della fondazione Casa della Carità di Milano, anche a nome delle principali realtà dell'associazionismo e del terzo settore.

Al centro della proposta, soluzioni normative per superare l'impianto della legge Bossi-Fini, eliminando tutti quegli elementi che in questi anni, da un lato, hanno penalizzato quanti hanno scelto di stabilirsi nel nostro Paese e, dall'altro, hanno permesso il perpetrarsi di situazioni di irregolarità e sfruttamento.

Lo stesso prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Viminale, intervenendo all'incontro al Senato ha riconosciuto che oggi non c'è un modo legale per venire a lavorare in Italia e ha quindi condiviso la necessità di rivedere la legge Bossi-Fini, «una legge ormai vecchia in un contesto completamente diverso rispetto a 15 anni fa».

La bozza del testo di legge proposto da Emma Bonino e Radicali Italiani prevede, tra gli interventi, l'ampliamento del sistema Sprar assegnando inoltre un ruolo centrale al lavoro: l'accoglienza deve interfacciarsi con i centri per l’impiego, che vanno rafforzati a beneficio di tutti i cittadini. E poi l'introduzione di forme di regolarizzazione su base individuale degli stranieri irregolari in grado di dimostrare di essere già integrati e radicati in Italia, grazie al lavoro e a legami familiari: una misura indispensabile anche per i tanti richiedenti asilo cui non viene concessa la protezione ma che comunque rimarranno in Italia da irregolari. Infine, l'introduzione di canali legali e diversificati di ingresso per lavoro, a partire dall'introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca di occupazione.

«Solo così il lavoro può diventare uno strumento di emersione dalla clandestinità, di inclusione e di governo efficace dei flussi migratori. Non bisogna contrastare gli irregolari, ma l'irregolarità. È quello che proponiamo con la riforma della Bossi-Fini che come Radicali Italiani, insieme ai sindaci e a tante importanti realtà del terzo settore, vogliamo portare all'attenzione del parlamento come legge di iniziativa popolare, per vincere le resistenze del legislatore davanti a una delle sfide cruciali del nostro tempo», ha dichiarato il segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi.

 

Nell'incontro di oggi in Senato è intervenuto anche il Sindaco di Tirano (So), Franco Spada (qui l'elenco completo dei partecipanti), ndr.


Articoli correlati

  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  Sandrine Bakayoko
  È arrivato un barcone carico di…
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Roberto Malini. Se­con­da assemblea pubblica del co­mi­ta­to Genova­solidale
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  Milano. “Insieme senza muri”
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza
  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Carlo Forin. Lodo Minniti
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
  Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Annagloria Del Piano. Immigrazione: La famiglia Karim – un anno dopo
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Bormio. Accoglienza migranti
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Giovanni Maiolo. La lezione di Ismael
  Gioiosa Jonica, progetto Sprar: Locali ristrutturati e inaugurazione sala informatica il 7 aprile
  Congratulazioni ai neopatentati del Progetto Sprar di Gioiosa Ionica
  Milano, migranti. Al via la sperimentazione per i centri di accoglienza dedicati ai minori non accompagnati
  Concluso a Gioiosa il Torneo dei popoli
  Gioiosa Jonica. Torneo dei popoli
  La Siria e la crisi dei rifugiati in Europa spiegate in un video
  Giuseppe Civati. «In un quadro di piena legalità repubblicana»: perché l’Italia si deve occupare di Gioiosa Ionica
  Tiziana Bruzzese. Gioiosa Jonica: Il progetto Sprar compie un anno
  Sondrio e Morbegno. Elezioni: Per il Pd doppio appuntamento sabato 17 febbraio
  Chiara Moscatelli. Il punto sull’accesso per gli stranieri alla sicurezza sociale ed analisi sulla parità di trattamento
  Governare le politiche migratorie tra lavoro e inclusione sociale
  Comunali: Discriminazione o dissidio politico, la “civica” Rinnova Tirano perde Tshimanga
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy