Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Brondi: Promozione umana e ambiente educativo
07 Gennaio 2009
 

L’ambiente educativo può essere considerato come un sistema aperto, finalizzato al perseguimento d’obiettivi strategici, mediante risorse razionali, socioaffettive e destinato a porsi come sistema premiante e non fonte di disagio, d’alienazione, d’ansia, solo se fondato sull’interazione e sull’interdipendenza fra tali risorse. La disarmonia fra razionalità e affettività, mentre invalida il funzionamento del sistema educativo, anche provoca effetti di vulnerabilità psichica nei suoi destinatari, avvertibile per diversi segni di sofferenza: nella gestualità manuale, facciale; nel comportamento, nelle relazioni con gli altri; negli apprendimenti. Il sistema scuola è in grado di porsi in questa dimensione che è quella della coniugazione, dell’armonia fra istruzione e educazione? In realtà la Scuola vive per intero i limiti della coscienza culturale contemporanea che inaridiscono l’educazione classica riducendo l’istruzione a comunicazione tecnicamente efficace. La razionalità tecnico -scientifico- pratica occupa il posto del concetto d’educazione come autopotenziamento e autosviluppo della libertà e dell’interiorità.

 

La scuola, come ogni altro ambiente socio-culturale, si è riappropriata dell’ansia tutta illuministica, nell’affrontare situazioni e problemi: si è riappropriata del tempo illuministico che è interamente identificabile con il progresso (cfr. bisogna progredire, bisogna andare avanti; bisogna risultare sempre meglio). La scarsa modulazione dei programmi; la perdurante pratica della scadenza fissa d’interrogazioni e compiti in classe; i voti scolastici; le varie schedature…spingono in questo senso, e il tempo, come tale, è tempo patologico. La patologia è rappresentata dall’inversione del rapporto fra spazio d’esperienza e orizzonte d’attesa, nel senso che la prospettiva inghiotte in sé l’esperienza: il futuro perde il suo significato simbolico di tempo dell’immaginazione, della speranza, dell’attesa e diventa coazione e interdizione dell’esperienza. Se è così, e in molte scuole lo è, allora ai giovani di questa Scuola, si fa vivere un tempo esaurito, mortificato: non solo si espropriano del passato, ridotto a nozioni, ad immagini museificate, al già fatto, al già vissuto, ma anche della stessa dimensione del futuro, contratto in un presente ossessivo, paradossale, in quanto scorrimento senza nulla di sé e tutto infuturato per l’urgenza degli obiettivi da rispettare.

 

In questa prospettiva, mortificata e impoverita l’esperienza in una quotidianità monotona e astratta, che sorte hanno i bisogni degli adolescenti, dei giovani? Che vale far rientrare dalla finestra, mediante i vari Progetti extracurricolari, il “fai- da- te” delle diverse “autonomie”, l’educazione alla salute, l’educazione sessuale…. quello che continuamente si butta fuori della porta? E se i vari bisogni non sono adeguatamente incanalati e risolti, se rimangono inascoltati e frustrati, allora c’è il pericolo che l’adolescente rimanga sempre più a lungo “adolescente”, con il peso dei problemi esistenziali irrisolti, con un ruolo sociale negato, oscillante fra l’esaltazione del senso di sé (che induce comportamenti contestatari, scioperi, occupazioni..) e l’ostinazione, la disperazione, significative della insoddisfazione intima, d’incapacità di accettarsi con i propri limiti, di mancanza di autoefficacia.

 

L’appropriarsi il mondo, che è naturale tendenza dei giovani, resta dunque sotto forma di desiderio che trasporta l’Io, lo enfatizza, lo rende ipertrofico, destinandolo, spesso, ad un’esaltazione fissata, all’autismo, al silenzio: il giovane si ferma allora su un unico piolo della scala esistenziale, assolutizzando le proprie scelte, nel tentativo di recuperare l’esistenza smarrita, di rimediare all’incuranza dei grandi. Ecco allora, le chiamate di soccorso, ecco gli appelli. Chi è più forte, o è più fortunato, riesce, alla fine, a trovare risposta ai propri appelli e s’immette con progressiva sicurezza sui sentieri della storia. Chi si porta dietro un fardello di negatività e finisce per ritrovarsi chiuso nella propria dimensione autocentrica, rivolge appelli senza referente e, spesso, va oltre i sentieri della storia.

 

Paolo Brondi


Articoli correlati

  Paolo Brondi: “La folla silente dei ricordi…”. 3ª Epistola.
  Paolo Brondi: La parabola della tigre
  Paolo Brondi: Per la storicità della scienza
  Paolo Brondi: Per una brevissima storia di infelicità.
  Paolo Brondi: La parabola delle pernici
  Paolo Brondi. L’inserimento del portatore di handicap nel mercato del lavoro
  Paolo Brondi: Tempo narrativo e poesia. Con stupore.
  Paolo Brondi: L’epressività giovanile negata
  Paolo Brondi: Equilibrio e dovere in Nietzsche
  Paolo Brondi: I “Valori Giovanili”. Breve messa a schema
  Paolo Brondi: "Giolì". Ovvero ridar voce alle favole belle...
  Paolo Brondi: Disagio giovanile e pedagogia dell’apprendimento.
  Paolo Brondi: Sull’inquieto esistere …
  Paolo Brondi: Sui troppo verbosi. Con l'aiuto di Giovanni della Casa
  Paolo Brondi: Emozioni e apprendimento
  Paolo Brondi: Elogio della “terza pagina”. Con esempio dal Corriere della sera
  Paolo Brondi: Nascere nella scrittura, attraverso la scrittura...
  L'AIES Toscana si presenta.
  Paolo Brondi: Dare le ali ai fanciulli….
  Paolo Brondi: Genitori e figli nel secondo millennio
  Paolo Brondi: Sulla "logica" del tempo presente
  Paolo Brondi: Per una rivisitazione del sapere critico e dell’istruire.
  Paolo Brondi: La follia dell’amore. Erasmo da Rotterdam attualizzato per la scuola.
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy