Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Censura Luttazzi/La7. Tutti in cerca di pubblicità?
10 Dicembre 2007
 

La decisione del direttore della tv La7 di bloccare produzione ed emissione della trasmissione “Decameron” del comico Daniele Luttazzi, è enigmatica. Questa nostra osservazione nasce da una considerazione: nessuno si dà da solo un martello in testa. Nel nostro caso il nessuno sarebbe La7, emittente privata di proprietà Telecom che, senza magistrati che glielo imponevano, dopo le note vicende di Luttazzi con la televisione di Stato, aveva deciso di adire un contratto e, in un certo senso, erigersi come paladina della libertà di espressione. E il contratto lo aveva fatto con Daniele Luttazzi non con un prelato di ordine vaticano o un artista che applica costantemente nei suoi spettacoli i dettami linguistici dell'Accademia della Crusca e le espressioni di un politico moderato di scuola oxfordiana.

Sia che il motivo della rottura del rapporto siano le offese al giornalista Giuliano Ferrara (uomo di punta dell'informazione giornalistica de La7), sia che fossero le offese al Vaticano, stupisce la decisione della chiusura del rapporto e della –innegabile censura. La7 non è la Rai, per cui il problema non è una questione pubblica, ma la definizione di un rapporto fra due parti contrattuali private, ma proprio in virtù del “martello in testa” di cui sopra sembra che tutto quello che sta accadendo, coi relativi e scontati risvolti mediatici, sia frutto di una trovata pubblicitaria. Con vantaggi, per Luttazzi, relativamente all'essere un personaggio scomodo che anche quella che viene considerata l'emittente più libera italiana gli chiude le porte; per La7 relativamente a conquistarsi un posto più solido nel bacchettonismo mediatico imperante e per meglio rassicurare i vari inserzionisti pubblicitari che cercano questo tipo di pubblico.

Ovviamente non sapremo mai il lato vero della questione, ma il dubbio di essere strumentalizzati come utenti, ci assale: nel mondo dell'informazione a 360 gradi, c'è poco da fidarsi della bontà e dei nessi logici della azioni e reazioni.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy