Giovedì , 26 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'irriverente. Sentenza appello Cucchi. È questa la nostra polizia?
01 Novembre 2014
 

Firenze – I sei medici, i tre infermieri e i tre agenti della penitenziaria condannati in prima istanza per la morte di Stefano Cucchi sono stati assolti in appello per insufficienza di prove. Bene, siccome -in linea di massima- l'insufficienza di prove è un motivo di una certa consistenza, non facciamo nessuna valutazione sulla sentenza in sé e, quando ci saranno, leggeremo le motivazioni partendo dal presupposto che, nel dubbio, “meglio un criminale libero che un innocente in carcere”.

Questo però non ci esime dal fare una chiosa. Nelle numerose prese di posizione che sono seguite a questa sentenza di appello, ce n'è una che spicca in modo particolare, è quella del Sap, sindacato di polizia. Questo sindacato ha sentito la necessità di intervenire in questo modo (agenzia stampa Adnkronos):

«Tutti assolti, come è giusto che sia. Esprimo piena soddisfazione per la sentenza. In questo paese bisogna finirla di scaricare sui servitori dello Stato le responsabilità dei singoli, di chi abusa di alcol e droghe, di chi vive al limite della legalità». È quanto afferma Gianni Tonelli, segretario del Sap, sindacato di polizia, sulla sentenza di appello del processo Cucchi, che ha visto assolti tutti gli imputati. «Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute», continua Tonelli, «se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze. Senza che siano altri, medici, infermieri o poliziotti in questo caso, ad essere puniti per colpe non proprie». «Mi auguro» prosegue «che questa sentenza venga rispettata e che presto la Cassazione metta la parola fine a tutta la vicenda...»

La logica che è alla base di questo pensiero (“Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute, se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze”), è la stessa di chi, per esempio, di fronte ad un ferito a seguito di un incidente stradale provocato per violazione del codice da parte della stessa vittima, sostiene che è bene quello che è accaduto e che, se non viene curato per essere salvato, se è morto “sono cazzi suoi”.

Ognuno può pensare e dire quello che vuole. Ovviamente. Ma a noi preoccupa che in questo caso sia l'esponente di un sindacato di polizia ad esprimere questo tipo di opinione. Cioè, l'appartenente ad un corpo dello Stato che, per definizione, prassi e metodologia, deve difendere e confortare tutti i cittadini, anche quelli che per loro sbagliano.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Cittadini o sudditi: una scelta attuale, per 'l Gazetin
  Chi è pazzo (di Vincenzo Jannuzzi)
  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Mario Staderini. L’Italia una Repubblica che uccide
  Ilaria Cucchi. “Signor Ministro della Giustizia, intervenga”
  Valter Vecellio. La vicenda di Giuseppe Uva, una brutta, orribile storia che non fa notizia
  Reato Tortura. Bene richiesta Finocchiaro per introduzione
  Caso Cucchi. Rimandare la chiusura dell'indagine è un tentativo della maggioranza per depistare
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Roberto Malini. Violenza da parte delle forze dell'ordine. Il caso Ilaria Cucchi
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Gianfranco Cercone. “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Caso Cucchi. Un voto per la trasparenza e la pubblicità degli atti
  Luigi Manconi. Le lacune nel discorso di Alfano per Cucchi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy