Venerdì , 22 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paola Mara De Maestri. Le nuove generazioni oggi e domani
07 Aprile 2021
 

In questo lungo anno di pandemia, la nostra società seppur in apparenza “ferma” ha continuato a cambiare aspetto ed è tuttora in continuo divenire. L’estrema precarietà del nostro vivere quotidiano ha esacerbato relazioni in bilico, le preoccupazioni per la salute, le difficoltà lavorative, il disorientamento educativo, stanno mettendo a dura prova la resistenza del nostro tessuto sociale. La carenza di stimoli culturali, dovuta al “tutto chiuso” e la frammentazione educativa del nuovo modo di “fare scuola” sta impoverendo il nostro essere “umani” empatici, solidali, creativi.

L’impatto emotivo che il vivere in “ristrettezze”, in termini di spazi fisici e di relazione, è particolarmente sentito nelle nuove generazioni. Ritrovarsi dall’oggi al domani senza più punti fermi, non potendo più frequentare anche nel tempo libero luoghi di aggregazione, svago e apprendimento, che di fatto riempivano le giornate dei bambini e ragazzi, influisce in modo severo nel loro sviluppo sociale ed emotivo. Ritrovarsi a convivere forzatamente in ambienti spesso ristretti, dovendo necessariamente “ritagliarsi” spazi talvolta anche rumorosi per studiare e lavorare, rende lo stare insieme fonte di stress e talvolta agevola conflitti familiari. L’affrontare la giornata con degli impegni certi, il sottostare a delle regole di comportamento, il confrontarsi sono alla base dei valori della convivenza civile e se vengono a mancare, rischiano di minare l’assetto sociale futuro. Rinunciare al contatto fisico soprattutto nei piccoli genera irrequietezza e può sfociare in disturbi psicosomatici. Per gli adolescenti e preadolescenti, che si trovano nella fase di costruzione della la propria identità, dove l’appartenenza ad un gruppo di pari è di fondamentale importanza, la chiusura “imposta” può scatenare reazioni alienanti, accentuando il senso di solitudine e smarrimento che caratterizzano questa fase della loro sviluppo. Per molti non resta che rinchiudersi in se stessi, isolandosi dalla realtà e rifugiandosi nel mondo virtuale.

Le scuole, i genitori e le istituzioni sanitarie dovrebbero collaborare maggiormente per aiutare i bambini e i ragazzi ad affrontare in modo propositivo le loro difficoltà emotive e psicologiche. Questa condizione di vita, che si prolunga nel tempo, non mostra ancora un orizzonte certo e che la latenza delle altre agenzie educative ha amplificato, dovrebbe aver reso tutti più consapevoli del ruolo di spessore della scuola, in seno alla società. La scuola da un anno è in trincea e cerca di assolvere ai propri compiti di istruzione ed educazione cercando sempre nuove modalità d’intervento, reinventandosi quotidianamente, anche se l’autonomia e la costruzione consapevole del proprio sapere passa attraverso le esperienze concrete e condivise. Quello che si può fare per non spegnere la curiosità e la voglia di apprendere è stimolare i ragazzi alle relazioni positive, a dedicare tempo all’attività fisica e a coltivare il senso del bello. Anche se i luoghi di cultura e di svago non sono accessibili fisicamente è importante continuare a leggere, ascoltare musica, fare sport anche individuale. È altresì importante cogliere questa occasione di estrema difficoltà per mettere mano agli annosi problemi della scuola (classi troppo affollate, carenza di personale, edilizia scolastica…) e ridando dignità anche al ruolo dell’insegnante.

Gli insegnanti, infatti, si sono trovati per quasi due anni scolastici a gestire un’emergenza senza eguali mettendo in campo disponibilità alla sperimentazione, serietà e professionalità. Si sono recati al lavoro nell’incertezza, rischiando la propria salute e quella dei familiari per il bene comune. Anche durante il periodo della didattica a distanza molti docenti hanno svolto il proprio incarico dalla propria sede scolastica, in quanto dovevano seguire anche i bambini più fragili, che frequentavano in presenza. Questi insegnanti, più che mai, si sono ritrovati in un periodo di massima allerta a dover lavorare a contatto con colleghi e bambini, a prezzo di enormi sacrifici. In tantissimi rivestendo anche il ruolo di genitori hanno vissuto sulla propria pelle le difficoltà di conciliare lavoro e famiglia. La giornata lavorativa di un insegnante non si esaurisce con la lezione agli alunni, ma continua a casa con la programmazione delle attività da svolgere, la correzione degli elaborati, la compilazione del registro, la partecipazione alle riunioni, la continua reperibilità per far fronte alle emergenze e con la disponibilità verso i genitori, che spesso si fanno prendere da ansie e sono alla continua ricerca di risposte che purtroppo in questo contesto non si riescono a dare.

Per la ripresa in presenza da subito va posta l’attenzione alla questione sicurezza, per gli alunni e tutto il personale scolastico con un controllo sanitario a tappeto e un maggiore tracciamento dei contatti. Riqualificare il “sistema scuola” è sicuramente la strategia migliore per guardare con più fiducia al nostro futuro e in particolare a quello dei nostri figli.

 

Paola Mara De Maestri


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy