Lunedì , 08 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Guido Monti. Conflitto russo-ucraino: e ai profughi chi ci pensa?
27 Febbraio 2022
 

Se si esclude quella intestina esplosa nei Balcani trent’anni orsono, dopo oltre 70 anni di pace l’Europa conosce di nuovo il dramma di una guerra che riporta a un’epoca di nazionalismi e rivendicazioni territoriali ritenuta ormai sepolta dalla storia. Come temuto il conflitto russo-ucraino (in realtà una invasione dell’Ucraina da parte della Russia, come già accaduto in Ungheria nel 1956 e in Cecoslovacchia nel ’68) è deflagrato tragicamente con ripercussioni per il mondo intero.

L’attenzione generale si concentra ovviamente, a parte la sospensione degli approvvigionamenti energetici, sull’aspetto umano che coinvolge innumerevoli persone coinvolte direttamente nella epocale vicenda. Si teme che oltre un milione di ucraini, alla ricerca della salvezza, si spingeranno ad ovest raggiungendo dapprima le vicine Polonia e Ungheria, già pronte a ospitarli, per approdare poi fino a casa nostra. L’Ue è preparata ad accogliere tanti profughi, dopo che ha manifestato titubanze e prevenzioni verso i richiedenti asilo ammassati ai confini della Bosnie e della Bielorussia e in attesa di trovare rifugio in Europa?

I polacchi per primi, guarda caso, avevano opposto resistenza ai disperati provenienti da Paesi già in guerra o vessati da regimi autoritari. Ci sono dunque migranti di serie A e di Serie B? Se è così, andrebbe finalmente fatta un po’ di chiarezza nei confronti del cosiddetto gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Cechia e Slovacchia), troppo spesso spinto alla richiesta di diritti senza preoccuparsi dei doveri, il che è tanto più riprovevole se si considerano i precedenti vissuti sulla propria pelle.

Però non è il tempo dei distinguo e delle inutile polemiche e ognuno deve fare la propria parte, a cominciare dall’Europa che con la sua inazione ha permesso che la situazione degenerasse col tempo senza metterci una pezza. Il fuoco covava sotto la cenere dal 2014, quando Kiev incominciò a prendere le distanze dalla Russia di Putin, irresponsabilmente appoggiato anche da tanti politici italiani che adesso, facendo finta di nulla, gli voltano improvvisamente le spalle. L’esperienza della Finlandia (che ha garantito la sua indipendenza proprio dopo un conflitto coi russi nel corso del secondo conflitto mondiale) insegna che uno stato cuscinetto fra l’occidente e la Russia, come è l’Ucraina per la sua collocazione geografica, avrebbe risparmiato agli ucraini quello che stanno vivendo in questi giorni. Le colpe sono un po’ di tutti, non solo degli europei, e riguardano pure gli Usa, che spesso hanno abbandonato con la coda tra le gambe scenari per cui non erano preparati militarmente e tantomeno culturalmente (vedi Vietnam, Iraq e, di recente, Afghanistan). L’Ue dovrebbe farsi adulta e dotarsi finalmente di una politica di sicurezza e di difesa comune che le consentirebbe di affrancarsi dalla Nato, e occuparsi in prima persona delle politiche migratorie e di accoglienza dei profughi, altrimenti verrà colpevolmente meno ai suoi princìpi di convivenza e difesa dei diritti umani.

 

Guido Monti, responsabile del
Comitato provinciale per l’Europa di Sondrio


Articoli correlati

  Mellana. Trattativa
  Oggi a Milano e Roma: “Ucraina nell'Unione”
  Claudia Osmetti. Un referendum può salvare l’Ucraina (e l’Europa)
  Olivier Dupuis. L'Ucraina siamo noi!
  Asmae Dachan. Quando bombardano gli ospedali
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Carlo Forin. Memori di Chernobyl 26 aprile 1986
  Garrincha. Il sogno di Putin
  MFE Sondrio. La battaglia delle idee
  “Siamo Ucraina”, una poesia di Roberto Malini, un dipinto di Ivan Marchuk
  Giornata europea dei Giusti. 2022
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Brivio e Monti. Una riflessione sul pacifismo
  Omar Santana. Putin 1984
  EveryOne Group. Cinque viaggi per la vita
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  La libertà degli altri
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Laura Harth. Kiev 2014: Gli eroi non muoiono mai
  Omar Santana. Ucraina
  Asmae Dachan. #Siria #Ucraina: le nostre lacrime non cadono per terra
  Mellana. Zeta
  Mellana. Affari d’Ucraina
  Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Mellana. La settimana con l’elmetto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy