Mercoledì , 17 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Scritture & Web
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: Da Lisbona ecco l’antifona contro le banche. Oblò Mondo 4
05 Giugno 2009
 

Accade che a Lisbona, nella stessa città dove è stato concupito il Trattato, la  sede centrale della banca portoghese Bpp (Banco privado portugues)   sia stata occupata ieri  da un gruppo di clienti che chiedono all’istituto, sull’orlo del fallimento, la restituzione dei loro risparmi. Da Da Da “La decisione della Banca del Portogallo (BDP) di prorogare per altri 90 giorni, fino al 1° settembre, il congelamento dei depositi della BPP, pone molti clienti in una situazione preoccupante. Inferociti per non poter accedere ai loro risparmi da sei mesi mentre gli amministratori percepiscono stipendi da 25 mila euro, non accettano a passare per speculatori; di sicuro questi non stanno per di morire di fame ed il loro problema non è avere un tetto dove vivere, ma è vedere scomparire la parte più significativa del loro reddito mensile, ossia si vedono decurtati dei loro interessi.
Una ventina di questi hanno occupato la sede centrale della banca portoghese BPP, minacciata di fallimento, e si dicono pronti a passare la notte presso la sede di Lisbona, i clienti si sono organizzati in gruppi di 20 persone e si alterneranno per tutta la notte presso la sede della banca.
L’amministrazione della banca ha affermato che non si sarebbe opposta a ciò che i clienti ritengono più opportuno per difendere i loro interessi. Nel pomeriggio, alcune decine di persone avevano protestato al di fuori della sede della BPP nel centro di Lisbona, ma si poi erano disperse. Durao Durval, portavoce dei clienti ha detto: “Ci rimarremo fino a quando si trova una soluzione” ed ha chiesto le dimissioni del presidente della banca, Adao da Fonseca”.
La notizia passa sotto silenzio.
Wall street: indici chiudono in rosso e a noi?

Calo record del Pil europeo e a noi?
Giornata in rosso per Piazza Affari e a noi?
“In una giornata in cui da Oltreoceano sono giunti alcuni dati peggiori delle attese, Wall Street ha anche reagito male alle parole del numero uno della Federal Reserve (Fed), Ben Bernanke, che ha messo un guardia contro il dilatarsi del deficit federale”.
E A NOI?
Noi si resta in attesa dei dati, quelle delle Elezioni, e vinca il migliore che è sceso in Campo Europeo. L’ Orso per ora è  stanco e i buoi pure. La Crisi  passa presto, come la febbre suina. Sentiamoci uno  Slumdog Millionaire

  
                                                         Doriana Goracci






Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy