Mercoledì , 24 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Il ciliegio che sopravvisse alla bomba 
Un libro di poesie per chiedere ai potenti della terra di eliminare le armi nucleari
30 Novembre 2017
 

Genova – Da molti anni EveryOne Group, organizzazione internazionale per i diritti umani, conduce una campagna mirata a sensibilizzare le istituzioni internazionali in merito al pericolo degli arsenali nucleari, che minaccia la nostra intera civiltà. Gli esperimenti e le intimidazioni da parte del dittatore della Corea del Nord Kim Jong-un e le risposte di Donald Trump hanno riportato all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale questo tema di enorme importanza per la sicurezza mondiale. Per sensibilizzare i governi e le istituzioni internazionali sulla necessità di avviare piani congiunti che conducano all’eliminazione e alla proibizione delle armi nucleari, EveryOne Group ha inviato loro, in formato e-book, il libro più recente di Roberto Malini, co-presidente dell’organizzazione umanitaria e poeta laureato. 

«Si intitola Il ciliegio che sopravvisse alla bomba ed è una raccolta di poesie che dà voce agli ‘hibakusha’, i testimoni delle tragedie di Hiroshima e Nagasaki», spiega l’autore. «Il libro però non è solo memoria di ciò che accadde il 6 e il 9 agosto 1945, ma prefigura l’avvenire, se non riusciamo a fermare la minaccia degli arsenali atomici. Oggi ci sono cinquantamila ordigni nucleari nel mondo, sempre più piccoli, sofisticati e distruttivi. Se pensiamo che nel 1961 venne sperimentata la Bomba Zar, cinquemila volte più potente di quella che colpì Hiroshima, non si può che rabbrividire al pensiero di cosa accadrebbe, oggi, in caso di guerra o incidente riguardante armi nucleari».

Il libro, introdotto dagli auspici del Museo Memoriale della Pace di Hiroshima, è allegato a una lettera che invita il destinatario a darsi da fare per l’obiettivo del disarmo: «Le inviamo questo libro perché siamo convinti che lei possa contribuire a salvare l’umanità, operando per il disarmo nucleare. Le poesie che leggerà ricordano cosa accadde alla gente innocente di Hiroshima e Nagasaki e sottolineano la contraddizione dell’umanità di oggi, che ritiene di essere in grado di controllare le bombe atomiche e non riflette sull’evidenza che nel corso della civiltà i popoli hanno finito, senza eccezioni, per fare uso di qualsiasi invenzione bellica, per uccidere il maggior numero di persone». 

 

EveryOne Group


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy