Giovedì , 13 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ E.M. Cipollini. “Uguali e Diversi” di Antonio Seracini
29 Aprile 2013
 

Un libro poetico che lacera l’anima del lettore, dedicato dall’Autore al fratello deceduto a soli 44 anni e a Pier Paolo Pasolini, persone cosiddette “diverse” per le loro pratiche sessuali come una persona dovesse esser valutata non per ciò che vale ma per il suo stile di vita. Prima di entrare nel vivo del libro – un “diario” di vita del fratello – terrei a far subito una distinzione tra sesso e genere. Il primo racchiude le caratteriste fisiologiche ed anatomiche dell’individuo, il secondo riguarda la specificità culturale, psicologica e sociale, pertanto è suscettibile di giudizi “moralistici” quasi spesso in negativo in quanto pesano preconcetti di ogni tipo e si vede nell’omosessuale (non cercate tale termine in greco antico: non esiste pur essendo la parola composta da etimo dotto, come non compare eterosessuale. Lì ancora si giudicava non le tendenze sessuali ma l’individuo) che fu incluso nella categoria “psichiatrica” dell’invertito e in sociologia come “deviante” – il che fu sempre discutibile in quanto anche il genio propriamente devia “dalla norma” e bisognerebbe per l’appunto esaminare che cosa sia tale (ma ci condurrebbe oltre il ns. discorso).

L’Autore rivive, testimonia le ansie, lo smarrimento, la fragilità e la pulizia del fratello con pennellate stupende,

«Molto amasti le nuvole bianche che sciavano nel cielo,

e come loro ti sentivi, arruffato e puro».

E continua in tale affresco con dolcezza infinita e fiumi d’ambrosia poetici: «…il volto alla luna,/ alle stelle puntuali, col suono dell’onda sui tuoi/ piedi nudi pensavi e pensavi al calore che ti/ mancava, alla tua bufera, in attesa, e poi piangevi/ […] Allungasti un braccio al cielo», ma c’è anche rabbia contro una morale ipocrita che ti condanna, ti emargina, ti esclude. Quella stessa “morale” che ti punisce se uccidi in tempo di pace ma ti pungola a farlo in tempo di guerra. È un attacco a quei “benpensanti” che hanno dimenticato anche il senso di pietas, alla latina, che è raccoglimento, meditazione perché dove c’è pietas c'è anche il senso del sacro. Ma l’“ipocrita” è sempre pronto a lanciare anatemi: desacralizza, dimenticando che tutti siamo “figli di Dio” al di là del colore della pelle, del sesso, della salute. Il fratello avverte di sentirsi attratto dal suo stesso sesso, si sente in colpa, a chi rivolgersi?

Al prete? O a quei «padri che picchiavano i figli, e mai una carezza/ una parola che aiutassero […] era la madre, ma pure lei troppo spesso le prendeva,/ innocente vittima di tradimenti mai reali». E quanto dolore e sofferenza lo investono in una società chiusa, patriarcale dove al “padre padrone” ogni cosa è permessa (v. p. 12, «tuo padre sempre via, di qua di là, anche a puttane/ tua madre prigioniera […]».

Vite periferiche, vite che popolano regioni precarie dell’esistenza, vite bruciate da piogge acide della “paura” omofoba (ma forse tali non vedono nel “diverso” loro stessi, le loro pulsioni?), di quello pseudo-progresso mentale cui vanno tanto fieri: loro sono nella “norma”, nei “ranghi”, non destabilizzano, loro sono “gente per bene”. Sì, i sepolcri imbiancati riappaiono perché mai spariti così come il nicodemismo. Che vuole il fratello? Non sesso ma come ogni esser umano desidera affetto, amore, vivere il suo sentire; ma gli è negato perché “diverso”, non lo è invece per lavorare, per spezzarsi la schiena.

Tenerezza e rabbia, con influssi, riferimenti e ricordi di un Garcia Lorca, di un Penna, di un Pasolini, si dipanano in questo tessuto, facendo risaltare la mediocrità antropologica di una società fissata in schemi rigidi e non libera di pensare l’altro: il comprendere le è estraneo.

Vorrei chiudere con un pensiero di Lévinas, il filosofo che ha cercato di guardare con occhi diversi, nuovi l’Alterità (con il saliente discorso su Le Visage): «Il volto è inviolabile […] Vedere un volto è già intendere: non ucciderai...» (da E. Lèvinas, Ethique et esprit).

E si può uccidere in tanti modi, sarebbe bene rimarcarlo.

Enrico Marco Cipollini

 

 

Antonio Seracini, Uguali e Diversi

Bonaccorso Editore, Verona 2012, pp. 68, € 10,00


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy