Mercoledì , 08 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Ravelli. PD: fai qualcosa di democratico!
Gianfranco Pasquino
Gianfranco Pasquino 
30 Novembre 2008
 

«Mi sono candidato l’11 novembre. Dovevo raccogliere 386 firme entro la sera del 17. Ho chiesto l’elenco degli iscritti, mi hanno detto che non era disponibile: avrei potuto copiarli a mano, oppure dare 12.500 euro per spedire altrettanto lettere. Allora ho chiesto che inviassero le mail ai 4.500 iscritti con posta elettronica, ma hanno detto che c’erano problemi al server. L’alternativa alle firme era il sostegno di almeno 46 componenti dell’Assemblea cittadina. La sera del 14 vado all’Assemblea, chiedo il sostegno, ma mi trattano con sufficienza, dicendomi di cercare altrove».

È il professor Gianfranco Pasquino (prestigioso docente alle Università di Firenze, Harvard, Los Angeles, ora a Bologna) che parla, dopo la sua esclusione dalle Primarie PD per il sindaco di Bologna.

 

Sono impressionanti le somiglianze con la candidatura alle Primarie PD per il sindaco di Cremona di Ermanno de Rosa, segretario dell’Associazione radicale Piero Welby.

Stessi ostacoli per de Rosa, come per Pasquino: elenchi degli iscritti non disponibili, email non potute recapitare, nessun sostegno da parte degli esponenti dell’Assemblea cittadina, che decidono in massa di non firmare! Unica differenza i partiti di provenienza. «Io vengo dal PCI e dal PDS. Non mi sono iscritto al PD. Mi pareva un partito confuso, pasticciato, frettoloso», ha dichiarato a il Giornale Gianfranco Pasquino. «Sono un iscritto radicale, un compagno dei nove parlamentari impegnati nel PD nel difficile compito di dare vita ad una opposizione democratica in una situazione politica che tende sempre più all’antidemocrazia», ha scritto Ermanno de Rosa nel suo appello ai componenti dell’Assemblea cittadina del PD.

 

Conclude amaramente il professor Pasquino: «Volevo portare aria nuova ma mi hanno fatto fuori. Questo partito è nato male, cresce peggio, non è affatto aperto e non ha nessuna voglia di rinnovarsi. È anche disorganizzato. È organizzato per garantire i posti di potere sempre agli stessi».

 

È molto difficile dare torto all’illustre professore. Anche alla luce di quello che sta succedendo in questi giorni all’interno del PD: l’espulsione dal partito del neo presidente della Commissione Vigilanza Rai Riccardo Villari e la defenestrazione dalla stessa Commissione di Nicola Latorre.

Verrebbe voglia di lanciare al PD un accorato appello: fai qualcosa di democratico!

 

Sergio Ravelli

(da Notizie radicali, 28 novembre 2008)


Articoli correlati

  Gianfranco Pasquino. Un’entrata a gamba tesa
  Giornata radicale anticlericale. A Bologna venerdì 17 aprile. Interviene Maurizio Turco
  Valter Vecellio. PD: quali idee, quali progetti? E soprattutto, quali regole?
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sorprende la sorpresa di tanti...
  Valter Vecellio. Qualche considerazione sul Comitato dei Radicali appena concluso
  Valter Vecellio. Buongiorno a Veltroni, che si accorge del gioco di Di Pietro
  Valter Vecellio. Il miglior alleato di Berlusconi è Di Pietro, e il miglior alleato di Di Pietro è il PD, e…
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sul rosso emiliano che diventa verde padano e... qualche domanda per Chianciano
  Valter Vecellio. Un articolo del “Foglio”, le riflessioni di Andreatta, un saggio di Walzer
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’altra casta, il Sindacato
  “Assemblea dei Mille”. Dal 2 al 4 maggio a Chianciano, con Emma Bonino e Romano Prodi
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’emergenza giustizia in cinque punti
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. La “lezione” di Roma
  Valter Vecellio. Una proposta a Federico Orlando
  Valter Vecellio. Elezioni in Abruzzo: tre sonori “ceffoni” per il PD
  Valter Vecellio. Sinistra e dintorni. Non è la minigonna a fare e dare le idee…
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy