Giovedì , 13 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Mitteleuropa
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il serto d’Avvento di Matthias Claudius
22 Dicembre 2008
 

Nei paesi di lingua tedesca ieri si è accesa la quarta e ultima candela del Serto d’Avvento (Adventskranz). Oggi di questo tipo di corona, uno degli highlight dei “mercatini di Natale” attualmente di gran moda, si trova in commercio ogni genere di variante più o meno kitsch. Il serto, infatti, svuotato di senso come tutto quello che ruota attorno al Natale, diventato ormai soltanto un momento di scintillio spendereccio caricato di falsi buonismi, si è trasformato in un semplice oggetto ornamentale, privato della sua valenza simbolica. Originariamente, tuttavia, a questa corona, formata con un intreccio di piccole frasche d’abete, veniva attribuito un profondo senso religioso. Le quattro candele disposte a distanza regolare sul cerchio – da sempre simbolo di perfezione e in questo caso forse anche immagine del mondo – segnavano il crescendo dell’attesa del Natale di una comunità devota. Le quattro candele, infatti, corrispondono alle quattro settimane che precedono la natività di Cristo, portatore, per i credenti, di una luce sempre maggiore. Per questo le candele vengono accese in successione, e per tradizione in senso antiorario, una in ogni domenica di dicembre precedente la Festa.

Quanto sia antica questa tradizione lo dimostra una poesia di uno dei poeti tedeschi dell’era di Goethe: Matthias Claudius. Nato a Reinfeld, nello Holstein, nel 1740, Claudius trascorse gran parte della propria vita ad Amburgo, felicemente unito in matrimonio con Rebekka Behn, da cui ebbe ben 12 figli. Giace accanto alla sua Rebekka nel cimitero di Wandsbeck ad Amburgo, dove si spense nel 1815. Non altrettanto prolifica quanto il matrimonio è la produzione letteraria di questo credentissimo protestante, fatta di articoli di varia umanità, di recensioni teatrali, di “bazzecole” (brevi brani di prosa apparentemente privi di senso, ma attraversati da una mordace ironia nei confronti della stupidità effimera delle umane ambizioni), e di composizioni liriche di estrema musicalità, spesso superficialmente sottovalutate per il loro carattere popolareggiante, che in realtà sono parti di un poeta coltissimo, dotato di uno straordinario talento dialettico, capace di tener testa, con la sua incondizionata fiducia in Dio, a tutti i riduttivi razionalismi del secolo dei lumi.

L’ottimismo del credente conclude anche i versi, solo in apparenza naif, che Claudius ha dedicato al serto d’Avvento, di cui propongo qui una mia traduzione:



Sempre una lucina in più


Sempre una lucina in più
nel serto che abbiam intrecciato,
perché brilli per noi sempre più
quando le tenebre avran tutto oscurato.

Due e poi tre e quattro lumi alla fine!
Il serto è ora tutto un lucore,
e così pure noi brilliamo,
e brilla la casa dove abitiamo.

E pure il mondo si mette a brillare
avviandosi il Natale a festeggiare.
E colui che fra le mani lo regge,
sa come elargir benedizioni!

 

Gabriella Rovagnati


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy