Mercoledì , 18 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Velia Ivaldi: Il "Novellino" di Tiziano Salari
Prova d
Prova d'Autore, 2008. Euro 12,00 
29 Gennaio 2008
 

  Personaggi che fuggono, personaggi che preferiscono vivere di notte, personaggi che si sentono addosso i tratti stereotipati dell’universalità. L’esiliato, il condannato, l’impiegato dalla carnagione spaventosamente bianca, il pittore filosofo, l’isolato: su tutti loro si accaniscono il volto oscuro della solitudine e un senso di opprimente estraneità che li costringono a cercare una possibile via di uscita nella morte, nella vendetta più spregevole, nell’evasione dalla realtà, nell’arte.

  Accanto a queste tipologie ve ne sono altre, altrettanto vittime dei propri sentimenti e delle proprie emozioni: ne sono un esempio la giovane attrice che viene tragicamente punita per il suo amore adultero, o l’impiegato violento che, felice di comunicare alla famiglia la sua promozione, non trova più nessuno ad aspettarlo a casa.

  E ancora, persone che si illudono di trovare l’amore spirituale in un rapporto esclusivamente carnale, persone che vivono felici nell’attesa di un piccolo gesto che li riscuota dal loro eterno torpore, persone che istaurano un legame viscerale con il luogo in cui sono confinate tale da renderlo a propria immagine e somiglianza, persone che reagiscono alla solitudine con la ricerca del calore umano, o con il rigido possesso, persone che scelgono la via dei sogni e dei ricordi piuttosto che la concreta quotidianità.

  I personaggi di questi brevi racconti sono tutti vinti, sconvolti e oltrepassati dalle loro stesse emozioni, siano esse dettate tanto da sentimenti positivi quanto da sentimenti negativi. La solitudine regna sovrana, diviene sia causa che effetto del loro essere e delle loro azioni, e genera un senso di estraneità totale dal quale è impossibile riemergere se non attraverso un gesto estremo quale il suicidio, la fuga, l’abbandono.

  Vicende profonde come quella della giovane che torna a casa dopo anni in occasione del funerale della madre e trova ad aspettarla solo l’ostilità e il mancato riconoscimento dei suoi parenti illustrano al meglio l’intento originario di Salari: quello di mostrare come spesso l’emozione nasca dal sentirsi estranei in un contesto che dovrebbe essere tra i più trasparenti e familiari.   

  Infatti, come l’autore stesso riporta, con Il Novellino «[…] siamo in presenza di un costante intreccio tra vita vissuta e non vissuta, familiarità ed estraneità. Ed è solo dal cortocircuito che si crea tra familiarità ed estraneità che nasce l’emozione».

 

Velia Ivaldi

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy