Giovedì , 13 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Mitteleuropa
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Hans Raimund, il poeta che “si è fatto troppo spesso lo sgambetto da sé” 
di Gabriella Rovagnati
Hans Raimund / Friedrich Danielis, CHORAL VARIATIONEN
Hans Raimund / Friedrich Danielis, CHORAL VARIATIONEN 
13 Novembre 2011
 

Passa il tempo, ma il poeta austriaco Hans Raimund, che quest’anno ha festeggiato il sessantacinquesimo compleanno, non solo resta coerente alla sua poetica, rigorosa nel non rispondere - se non con un atteggiamento di dichiarata resistenza - alle richieste dell’industria culturale, ma si arrocca sempre più dichiaratamente su posizioni di una selettività ed eleganza davvero poco compiacenti alle diffuse abitudini di un consumo (anche del libro) rapido e superficiale. Le sue ultime cose sono, non a caso, uscite in due preziosi volumetti a tiratura limitatissima, dove alle parole si alternano le immagini, in una combinazione così raffinata di carta, carattere di stampa e testi da fare dei due libri due veri oggetti d’arte.

Le due pubblicazioni bibliofile (Immer noch Gedichte?, con immagini di Peter Trachsel - Ed. SchwarzHandPresse e Choral Variationen, con litografie a colori di Friedrich Danielis - Ed. Thurnhof) riprendono, in nuove variazioni appunto, i temi che Raimund tratta da sempre e che sono, in fondo, quelli della poesia tout court, ossia riflessioni sulla vita, la morte e il senso dell’umano agire. L’ambizione del poeta non è quella di “prodesse et delectare” di oraziana memoria e ancor meno quella di “edificare” o “migliorare l’umanità” secondo il programma proposto dalla cultura cristiano-illuministica e rivisitato a vario titolo da tanti lirici “impegnati” fino ai nostri giorni.

Come scrive nel brano finale del primo volumetto, un “pasticcio” in due sezioni in cui a brevi brani in prosa si alternano testi lirici, con indomita tenacia l’autore continua a scrivere poesie perché per lui esse costituiscono “un evento linguistico, formale e musicale”. Importante non è per lui in primo luogo di cosa esse trattino, anche se traggono sempre ispirazione dalla concretezza di un’osservazione, di un’esperienza, ritradotte in parole senza fronzoli sentimentali, con l’occhio vigile di chi aborre l’inutile divagazione e sa sempre stemprare la tragedia nell’ironia. Così, ad esempio nei versi seguenti, dove tuttavia, in traduzione, si perde la musicalità della rima finale:

 

L’OCCASIONE era buona

Lassù nel fienile

Dove due cappi

Che pendevan dalla trave

Stavano invitanti sull’assito:

 

Senza una goccia di sangue

Diranno

 

(cagna vecchia e malata)

 

I testi sono spesso estremamente personali e raccontano con dolorosa stringatezza e per schegge esperienze di vita che hanno invece lasciato segni indelebili nell’anima:

 

VIENNA 1973

 

Le rêve est une seconde vie

(Gèrard de Nerval)

 

L’uomo sta seduto in anticamera.

Aspetta.

Aspetta già da un pezzo.

Sente i rumori per le scale.

Silenzio. Passi che s’avvicinano, voci.

Passi che s’allontanano. Porte che sbattono, silenzio

…………………………

Frammenti di ricordi:

Lo schiarirsi la voce dei genitori sulle scale;

il padre in taxi, in viaggio verso l’obitorio, che di continuo alza le braccia

le lascia cadere:

il sì d’assenso presso la bara;

il sacco nero con i vestiti;

il breve annuncio sul giornale il giorno dopo:

ragazza investita dalla motrice del tram,

morta sul colpo,

traffico per più d’un ora interrotto …

………………………………

La ragazza che se n’è andata dalla vita.

Quella ragazza ritornerà in un’altra vita

rivisiterà ancora a lungo quell’uomo nei sogni,

in quelli diurni,

in quelli notturni,

con suo stupore sempre ugualmente giovane,

alla moda di qualche decennio fa truccata, vestita …

E sempre scontrosa,

E ogni volta quella ragazza dirà perché se n’è andata …

 

(La ragazza che se ne andò e ritornò)

 

Ancor più prezioso nella fattura è il secondo volumetto, dove a delicate litografie si alternano otto poesie in distici. Anche i titoli sono composti da due versi. Qui il riferimento alla musica è esplicito fin dal titolo che evoca le variazioni sul corale di Bach. Nella musica linguistica di Raimund non c’è tuttavia nulla della religiosità cui il corale deve la sua costituzione e la sua fortuna. Il poeta “che nella religione - qualsiasi essa sia - crede di riconoscere uno dei fatali errori di fondo della specie umana”, non conosce slanci metafisici, ma ricorre a questa forma della tradizione per dar voce a quel senso di estraneità che caratterizza la sua intera produzione e non lo fa sentire mai “a posto” in nessun luogo. All’amarezza di sentirsi inascoltato, Raimund non oppone però l’urlo della rabbia, ma una protesta “in tono basso”, che è insieme angoscia per il senso di non appartenenza che lo tormenta e anelito verso una partecipazione che gli viene puntualmente negata e lo costringe all’isolamento:

 

DA TROPPO TEMPO ORMAI NESSUNO SENTE

QUEL CHE DICE … E SE URLASSE! URLASSE!

 

Non urla. Parla piano a se stesso

Recita a se stesso   con voce

 

Per abitudine contratta   ciò che pensa ed ha

Scritto   con questa voce   che egli come

 

Uno strumento adopera   da sé del suo

Suono godendo come di musica

 

Che un tempo dalle sue dita si sprigionò   pose

Sull’avorio lisciato dall’uso di tasti lieve

 

Peso   nelle orecchie echeggiò

Dei molti   che un tempo gli stavano attorno …

 

Ormai da tanto tempo rifiuta la parola

Che agli altri si rivolge   si è da tempo

 

Abituato al fatto che ciò che dice risuona nella stanza

Contro pareti cozza   che egli si è murato all’intorno.


Foto allegate

Immer noch Gedichte?
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy