Domenica , 09 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luciano Canova. Diario albanese – 1. La questione balcanica, bar, trasporti pubblici
07 Agosto 2007
 

Da luglio inoltrato, Luciano Canova, che poi dall'autunno potremo seguire dall'Oblò francese(?) si trova a Tirana per ragioni di studio e lavoro e/o forse... (giudicate voi) un po' di vacanze. Su un blog che si nasconde nella rete con nomi diversi ha iniziato una sorta di diario (balkanblog, in codice) che, per allietarvi l'estate, Tellusfolio è stato autorizzato a riproporvi qui. Lo facciamo per parti, sfogliando più pagine alla volta per recuperare in fretta il pregresso e giungere velocemente a seguire il viaggio in tempo reale. Buona lettura. (e.s.)

 

 

venerdì, 20 luglio 2007

La questione balcanica

 

Cari amici,

eccomi in un Internet café di Tirana. Devo dire che la tastiera è una perfetta metafora di come si sta qui: ogni cosa è al posto sbagliato o, quanto meno, dove non te l'aspetti.

Così l'accento è dove dovrebbe essere il punto di domanda e i due punti in corrispondenza della chiocciola.

Per trovare la chiocciola, poi, mi sono rivolto al tipo che gestisce il posto e lui, guardandomi come un mentecatto, mi ha detto, come se fosse ovvio, di schiacciare F9...

Va be', che dirvi? Fa un caldo terrificante, ci saranno 6-7000 gradi fuori.

Tirana è un guazzabuglio incredibile, venuta su come un brufolo nella notte.

Ma mi piace e le persone sono divertenti. Ieri in nave il barman sorrideva a vedere l'unico italiano che non capiva una cippa di quello che gli dicevano intorno: mi è parsa la giusta rivalsa per chi, solitamente, la discriminazione la subisce.

Oggi primo giorno di lavoro ma i ritmi balcanici mi piacciono: caffè, pausa di due ore perché va via la corrente, tabella excel senza troppa lena, pranzo, caffè, pausa di 3 ore perché va via la corrente, altra tabella excel, s'è fatta 'na certa e ci vediamo domani...

Ogni Paese si riflette nella sua lingua e infatti l'albanese dà la sensazione compiuta, riflettendosi, di essersi frantumato in mille pezzi come uno specchio.

Il guaio è che le singole tessere, in qualunque modo le giri, non si riposizionano nella cornice neanche a forzare.

Spero di tenere un piccolo diario di viaggio su questo blog, anche se Internet è davvero lentissimo: oggi ho provato la sensazione da madeleine nell'ascoltare il vecchio rumore del modem che si connette a 56K.

Ora vado a comperare da mangiare: c'è un formaggio che m'attizza ma potrebbe essere stato fatto letteralmente con latte comunista, nel senso di fine anni '80.

Comperarlo o non comperarlo? Questa stasera è per me la vera questione balcanica.

 

 

lunedì, 23 luglio 2007

Tutti nello stesso bar

 

Qual è la differenza tra povertà e ricchezza? Passeggiando per Tirana, il modo migliore di darsi una risposta, forse, è dare un'occhiata ai bar e ai ristoranti: in una città di 700.000 abitanti, ce ne sono una miriade. Alcuni kitsch, alcuni posh, ma ciò che conta, in termini di qualità, è che non sfigurerebbero neppure in corso Como.

Ai lati delle strade, invece, condomini decadenti di epoca comunista, piccole botteghe dove improbabili commercianti cercano di sbarcare il lunario, rifiuti e palazzi dismessi...

Il contrasto è impressionante: eppure, quando si entra nei locali, è come isolarsi all'interno di un acquario, staccare la spina e non pensarci più: chissenefrega se non c'è acqua per la popolazione.

Ciò che conta è avere un posto dove berci sopra.

La differenza tra povertà e ricchezza, specialmente in questa stagione, è palpabile attraverso i sensi: in particolare, olfatto e tatto.

Appena si entra in un bar, o in un ristorante, si è piacevolmente invasi dalla brezza del condizionatore, che fa bella mostra di sé davanti all'uscio: il chiacchiericcio e le risate facili proseguono col lento brontolio litanico dell'aria che viene costretta a modificarsi.

Forse è proprio una bella metafora: l'aria che conduciamo attraverso il condizionatore per farci sentire più liberi.

Di una libertà, appunto, condizionata.

Quando si esce, però, si è immediatamente travolti dall'inferno dei 40 gradi senz'ombra: l'aria ti si appiccica ai vestiti e, forse per la prima volta, pensi a quei poveretti che, ai bordi della strada, cercano di vendere banane nerissime o raccattano lattine nei cassonetti della spazzatura.

La tentazione è quella di tornare dentro, nell'isola della dimenticanza: siedi ad un tavolino, ricominci a chiacchierare e, improvvisamente...

POF.

Va via la corrente e, democraticamente, l'aria si fa irrespirabile anche dentro, costringendo i tuoi pensieri a galleggiare stancamente nell'afa insopportabile di questo spicchio di Balcani. Così, anche i proverbi si spezzano a metà, mentre ritrovi la consapevolezza di un'umanità da condividere: e finalmente ti accorgi che siamo tutti nello stesso bar...

 

 

martedì, 24 luglio 2007

Trasporti pubblici

 

Oggi sono salito sul bus per piazza Skaldelberg (centro centro): un biglietto costa 20 leks (circa dieci centesimi di euro).

Il prezzo è onestamente minimo, così come la probabilità di arrivare a destinazione.

A parte questo, però, mi sono seduto e ho guardato in giro: accanto a un prete ortodosso, infatti, sedeva spensierato un televisore. Tutti e due se ne stavano composti, ognuno nel suo scranno: il primo sembrava uscito da un'icona bizantina e il secondo da qualche discarica dell'Unieuro.

A un certo punto, il sacerdote è sceso sorridendomi cortese, mentre il televisore ha proseguito il suo viaggio nella massima indifferenza di tutti.

Arrivati a piazza Skaldelberg, anche io ho dovuto accomiatarmi da Telefunky (l'ho battezzato così), fermandomi ad osservare il bus che ripartiva in una nuvola di azoto e pensando a dove mai quel televisore potesse andare di bello.

Chissà... Certo è che, anche in caso di guasto, non sarà un problema per lui fare autostop.

Ha almeno quattordici pollici da alzare all'insù.

 

Luciano Canova


Articoli correlati

  Una serata da favola. “OSPITO” 7. Venerdì 6 a Morbegno
  L. Canova. Diario albanese – 8. Il ponte della discordia
  Luciano Canova. Inizia la Battaglia Navale
  NNI 19. Luciano Canova
  Congresso PD. Vittorio Angiolini a Morbegno, sabato 3 ottobre
  Sondrio Veg. “L'autore è reale” al Ri-Circolo di Morbegno
  L. Canova. Diario albanese – 7. In quella città
  L. Canova. Diario albanese – 9. Babele maliziosa...
  L. Canova. Diario albanese – 5. Interpretazione Simbolica del Capitale
  L. Canova. Diario albanese – 2. Democrazia (compiuta), relatività (assoluta). Nomi. Mirempershe
  L. Canova. Diario albanese – 11. Folliria, una ‘città invisibile’
  Cassani, Di Scalzo, Canova: Letterature d’oggidì. Sabato 13 a Morbegno
  L. Canova. Diario albanese – 3. Ballata, YinYang, armadiRom... 'Thka problema!'
  Roberto Bonzi. Uscire dalla gabbia della solitudine, per un’economia della felicità
  L. Canova. Diario albanese – 6. Parentesi dantesca. Prima di Globalizzazione e Strategie di sviluppo
  Luciano Canova
  Della Battaglia navale di Luciano Canova e Inge Padovani
  L. Canova. Diario albanese – 4. Porta Ludovica, Black out, Fran...
  L. Canova. Diario albanese – 10. Hole is a hole is a hole is a hole...
  Prende il largo... il Diario albanese di Luciano Canova
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Giovanni Maiolo. La lezione di Ismael
  E guardo il mondo da un oblò
  Mi sa che ridivento cattolico...
  Mario Lucchini. Guerra e terrorismo
  Reporterre. Nonviolenza
  Carlo Forin. Jihad arabo < gi-ad sumero
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  Il rimedio contro la violenza
  Giuseppina Rando. Finché c'è guerra c'è speranza
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Firenze. Il nuovo allestimento di gemme al Museo Archeologico
  Lidia Menapace. Considerazioni (d'autunno nel 2015)
  Lidia Menapace. Il sonno della ragione
  Alberto Tovaglieri: Cinema italiano e Sessantotto
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  Lidia Menapace. Che fare? (dopo Parigi)
  Francesco Lena. Sarà il contagio dell'amore a salvare il mondo
  Roberto Malini. Cori a favore di Isis a Istanbul, prima della partita Turchia-Grecia
  Vetrina/ Franco Portone. P A C E (1981)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy