Mercoledì , 18 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Il permesso – 48 ore fuori” di Claudio Amendola
11 Aprile 2017
 

Tra i modi possibili con cui il carcere può essere raccontato al cinema, c'è certo anche quello scelto da Claudio Amendola per il film che ha diretto e interpretato, dal titolo: Il permesso – 48 ore fuori: e cioè prendere in esame alcuni detenuti quando escono dal carcere, per la breve licenza evocata dal titolo. Considerando le loro vicende e le loro figure, viene da chiedersi se e come il carcere li abbia trasformati, se abbia esercitato su di loro quella funzione rieducativa che il carcere dovrebbe avere.

Ebbene: la risposta che si desume dal film è in sostanza sconsolata. Che un giovane, che pure in carcere ha proseguito gli studi, si riunisca con i suoi vecchi amici, e si lasci coinvolgere in una nuova rapina; che un uomo, alla ricerca della donna che ama e che si prostituisce, si lasci usare dal suo sfruttatore per carpirne la benevolenza salvo poi scontrarsi con lui fino all'ultimo sangue; che una ragazza di buona famiglia, psichicamente disturbata, progetti di fuggire all'estero pur di non rientrare in galera; che un padre di famiglia, un ex-spacciatore, cerchi di tirare fuori dal giro dello spaccio, suo figlio, e a questo scopo tenti di scendere a patti con un boss locale che il ragazzo ha incautamente sfidato; insomma: anche a buon fine, per amore, per affetto paterno, per amicizia, tutti i personaggi agiscono secondo la logica criminale che li ha condotti in carcere, e dalla quale evidentemente il carcere non li ha distolti.

Faranno eccezione, ma soltanto in extremis, due di loro, i più giovani, per un loro slancio di ottimismo, che li fa rientrare, ormai quasi insperatamente, nella legalità.

Il permesso è costruito, insomma, come un film a tesi, e rischia, come accade ai racconti in cui un intento dimostrativo prevale sul piacere disinteressato della narrazione, una certa semplificazione dei fatti e dei personaggi, una certa schematicità. Capiamo sempre, o quasi sempre, al primo colpo d'occhio di che pasta sono fatti quei personaggi, se sono buoni o cattivi, saggi o scellerati. Sappiamo subito con certezza quando agiscono giustamente e quando sbagliano. E se pure non lo comprendessimo, è il racconto che ci dimostra presto le conseguenze disastrose delle loro scelte sbagliate.

Insomma: le ambiguità, le contraddizioni, in fondo: il mistero della vita, sono qui risucchiati dal moralismo che presiede a tutto il racconto (basato su un soggetto di Giancarlo De Cataldo).

In questi limiti, va detto tuttavia che Amendola dimostra un notevole occhio da regista. Gli incontri, i dialoghi tra i più giovani criminali, ricordano, a momenti, per freschezza, per autenticità, l'alto cinema di Pasolini, quello che raccontava i sottoproletari delle borgate romane.

E l'innamorato alla ricerca della prostituta è (interpretato da un Luca Argentero quasi irriconoscibile) è una figura che impressiona: malgrado il suo abbrutimento, ha l'aura di un eroe romantico, che sembra votato all'autodistruzione (perché, come si dice, “ha la morte negli occhi”).

Ma anche gli altri personaggi, seppure un po' elementari, a una dimensione, sono disegnati tutti con grande precisione, anche grazie alla bravura degli attori che li interpretano.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 8 aprile 2017
»» QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy