Domenica , 26 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Mandela: imparare a perdonare
07 Dicembre 2013
 

Tra tutte le cose che si sono dette e che si diranno su Nelson Mandela, sono le piccole storie a emozionare di più. Le sue lunghissime giornate nel carcere di Roben Island, dove il rancore cedette il passo alla lucidità. Una grata che scorreva, una piccolissima finestra da dove filtrava uno spiraglio di luce, alcuni uccellini che cantavano fuori. In quel luogo, Madiba vinse i suoi demoni e riuscì a rinunciare a quella violenza che aveva fatto parte della sua vita. Fu un lungo percorso dalla formazione del braccio armato “Umkhonto we Sizwe”, fino a diventare un paladino della lotta pacifica. Fu una conversione autentica, non dettata da convenienza e opportunismo, ma scaturì dal suo intimo, come avrebbe dimostrato la successiva attività politica.

Nato nel 1918, Mandela visse un secolo convulso, caratterizzato da guerra fredda e leader a caccia di protagonismo, anche a danno dei loro popoli. Visse un’era di grandi nomi e di piccoli cittadini, nella quale a volte fu più importante stabilire chi faceva una determinata cosa, piuttosto che il motivo per cui veniva compiuta. Fu classificato terrorista non solo dal regime razzista sudafricano di quel periodo, ma anche dalla stessa ONU. Una volta in prigione, il recluso 466 dedicò molto tempo a meditare su ciò che aveva fatto e su quale avrebbe potuto essere il percorso migliore per far uscire il suo paese dalla segregazione razziale e dall’odio. La sua trasformazione personale influì in modo determinante su come si riuscì a smantellare l’Apartheid.

Tanti statisti cercavano di restare ben saldi al potere per diversi mandati e parecchi decenni, invece Mandela fu Presidente del Sudafrica soltanto per un lustro. L’uomo nato nel villaggio di Mvezo fu talmente saggio da rendersi conto che il dialogo e la negoziazione erano la via giusta per cambiare una nazione così ferita. Tra tutte le istantanee della sua vita, i sorrisi accennati e gli abbracci dispensati, io preferisco l’immagine di un prigioniero che tra le sbarre incontrò se stesso. Il Premio Nobel della Pace consegnato nelle sue mani non è così commovente come immaginarlo affamato, addolorato, impaurito e, nonostante tutto, immerso nei suoi pensieri di perdono, pace e riconciliazione.

Alla tua memoria, Madiba!

 

Yoani Sánchez

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 13 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy