Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Italia Inside Out 
500 immagini d'autore per raccontare l'Italia
31 Maggio 2015
 

Un sogno che continua a ripresentarsi per il resto della vita, Anna Achmatova (in riferimento all'Italia)

 

 

Ardua la scelta. La scelta delle foto più belle, più emblematiche, più coinvolgenti dal punto di vista emozionale o da quello più prettamente intellettivo. Ammesso che vi sia uno scarto fra questi due elementi. Invero negli scatti posti in mostra a Palazzo Ragione dimorano e vivono bellezza, interpretazione del mondo e partecipazione alla multiforme essenza del nostro Paese, con la sua incredibile provvista di città, genti, monumenti e ambienti naturali.

Che siano i lunari Paesaggi marchigiani di Mario Giacomelli, quasi astratti, in un fascinoso e allucinato bianco e nero, linee e macchie d'ombra e luce, una sorta di ordinato caos, o le Bambine di Letizia Battaglia – bambine che sembran donne, creature cresciute troppo in fretta; sguardi intensi, troppo intensi, per ingenuità precocemente svanite, eppure vibra ancora il segreto dell'innocenza in quella bambina appoggiata al muro, braccia e mani incrociate sulle spalle. S'indovina la difficoltà del vivere, è palese la straziante bellezza. Un bianco e nero meraviglioso, una condizione esistenziale difficile e commovente.

Che siano la Milano anni Cinquanta di Paolo Monti, la Venise des saisons di Gianni Berengo Gardin (celeberrime opere), la Modena fra lumi e oscurità, il protettivo grembo dei portici, di Franco Fontana o la Terra senz'ombra. Delta del Po di Pietro Donzelli, con le strade che si perdono nel nulla, che poi è un altro, ancora più enigmatico, infinito.

Che siano i Bambini di Pioltello di Toni Thorimbert, un doloroso reportage, o la Roma di Gabriele Basilico – il Tevere e l'Isola Tiberina, l'autunno del fiume, la malinconia del tempo, che corre come l'acqua incessante; paesaggi urbani roridi, scevri di presenze umane, solo evocate.

Tutto in questa esposizione è meraviglia e, insieme, documento, storia e, nel contempo, società, spaccato antropologico, estetica, poesia, rappresentazione iconica e verità psicologica.

Un Paese-mosaico è l'Italia... «Italia Inside Out ripercorre la storia del nostro Paese attraverso l'occhio attento degli artisti che hanno seguito le trasformazioni dell'Italia dal dopoguerra fino a oggi. Un periodo lungo settant'anni, che la fotografia ha attraversato come testimone e interprete di realtà sociali, di mutazioni ambientali, di trasformazioni urbanistiche, di entusiasmi, di lotte, di disperazioni, di tragedie, fedele al proprio mandato di essere in sintonia con i tempi ma soprattutto di aiutare a vedere e a capire i mutamenti della società. […] Per la prima volta, Italia Inside Out propone il lavoro di grandi maestri che, in momenti diversi e con esperienze soggettive, hanno colto gli aspetti principali e le peculiarità che contraddistinguono l'Italia e i suoi abitanti. La loro ricerca si è concentrata sulla bellezza dei paesaggi, sullo sviluppo delle città, sugli stereotipi, sul modo di vivere, ma anche sulle speranze, sui sogni e sui drammi della nostra storia recente. Un viaggio nel tempo, nei luoghi, nelle vicende che, mescolandosi, costituiscono la trama per una riflessione su quello che l'Italia e gli italiani sono e sono stati».

Le Città in attesa... luoghi in abbandono, antiche chiese e storiche fabbriche dismesse, la natura che di nuovo prende possesso invadendo i diruti spazi, degrado ma anche palingenesi. O sopravvivenza, metafora? site_specific_ di Olivo Barbieri... un antico teatro sulle cui gradinate s'appoggia un povero quadrilatero di case: speculazione o bisogno? Il Porto di Genova di Lisetta Carmi... uno spalatore immobile, a torso nudo, di fronte alla propria fatica, statua di polvere o sale, manifesto del faticoso stare nel mondo. E ancora Nino Migliori e la sua Bologna (foto di superba perizia e suggestione), Giovanni Chiaramonte per il quale Dolce è la luce (l'infinità della luce nei templi e nelle fughe agli orizzonti marini), i Teatri di guerra di Luca Campigotto (la magnificenza della montagna che cela nei suoi fianchi e nel corpo scavato il dolore di una guerra crudele, sanguinosa, eterna nella percezione di un presente cancellato, rimosso, e trincee di roccia e ghiaccio, mute grida di fanti e alpini), Paolo Ventura e la sua Venezia fra realtà e fantasia, come solo Venezia sa essere, madre e figlia di contaminazioni, nebbie, presenze fantasmatiche, attese, vite in sospensione, acque grigie.

E l'immensità spoglia della Pianura Padana nella Via Emilia di Luigi Ghirri; Calabria, una serie di splendide immagini di Ugo Mulas; l'impressionante mole dei faldoni del Maxiprocesso di Palermo... Dal fiabesco al tragico talora il passo è breve...

«La cronologia è scandita dall'evoluzione del linguaggio fotografico, come il passaggio dal bianco e nero al colore, dalla narrazione umanista e “romantica” agli sguardi più indagatori che utilizzano la lezione del “linguaggio documentario”, dall'impegno giornalistico all'uso esplicito delle nuove tecniche che consentono di costruire paesaggi d'invenzione. Idealmente, il percorso inizia e si chiude a Milano, con le poetiche immagini di Paolo Monti e le vedute di Vincenzo Castella».

Da Ghirri a Cartier-Bresson, da Berengo Gardin a Parr, da Jodice a Koudelka. Sono oltre 500 le immagini già esposte o che verranno per raccontare l'Italia in due momenti successivi e collegati. Inside: i fotografi italiani, dal 21 marzo al 21 giugno 2015; Out: i fotografi del mondo, dall'1 luglio al 27 settembre 2015.

La mostra è promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e Gamm Giunti. Non visitarla, non vederla, sarebbe un vero peccato. Conforto, essa è, per la mente, gli occhi e il cuore. Sensibilizzante al bello, al giusto e all'utile.

 

Alberto Figliolia

 

 

Italia Inside Out, a cura di Giovanna Calvenzi. Palazzo della Ragione Fotografia, Piazza Mercanti 1, Milano. Catalogo Contrasto-GAmm Giunti.

Social network: facebook.com/Palazzodellaragionefotografia; twitter @palazzoragione; #ItaliaInsideOut.

Info mostra: Tel. +39 02 43353535; sito Internet www.palazzodellaragionefotografia.it.


Foto allegate

Mario Giacomelli,
Giovanni Chiaramonte,
Letizia Battaglia,
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy