Sabato , 25 Ottobre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia 
Di fronte al silenzio del ministro Bondi e alla feroce censura della stampa, dopo 45 giorni di digiuno di Lucio Bertè
09 Novembre 2008
 

Con l’approvazione della Mozione particolare intitolata “Pincio-S.Ambrogio” da parte del VII Congresso di Radicali Italiani (in calce il testo, ndr), che si è concluso il 2 novembre scorso a Chianciano Terme, l’intero movimento radicale si mette di traverso allo stolto progetto dei parcheggi interrati nei centri storici, imposti da Sindaci di destra e di sinistra con strumenti “legalmente antidemocratici”, come i pieni poteri concepiti per la protezione civile contro le calamità, e conferiti invece per gli interventi di ordinaria amministrazione urbanistica, della mobilità e della disciplina del traffico e della sosta. Pieni poteri per fare i parcheggi interrati, ma giustificati con l’emergenza sanitaria (per la quale i Sindaci sono comunque già legittimati ad emettere ordinanze contingibili e urgenti), per scongiurare il rischio di grave danno alla salute dei cittadini risolvendo l’emergenza inquinamento, che invece viene aggravata concentrando nel sottosuolo dei Centri Storici migliaia di macchine che per risalire in superficie scaricano nell’atmosfera quantità di gas 4-5 volte superiori a quelle precedenti.

In particolare, il Congresso di Radicali Italiani chiede al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi, alla Moratti, a Penati, a Formigoni di collaborare per annullare le concessioni per i parcheggi interrati della Darsena e di S.Ambrogio e trovare soluzioni alternative, come ha già fatto per il Pincio di concerto con il Sindaco di Roma Gianni Alemanno.

Le chiavi legali per i radicali sono soprattutto la Convenzione Europea per la tutela del Paesaggio e la Convenzione UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Immateriale (entrambe recepite come leggi dello Stato italiano): la Darsena, in virtù della sua prestigiosa storia intrecciata con quella dell’opera di Leonardo da Vinci a Milano; il sito di S.Ambrogio perchè parte del cimitero paleocristiano ad martyres, supporto della memoria di coloro furono torturati e uccisi (come accade ancora oggi) per le loro convinzioni, ma che infine conquistarono, nel IV secolo e per alcuni decenni, il diritto di manifestare liberamente qualsiasi fede religiosa. Dunque memoria comune a tutti i cristiani, ma sinora difesa solo dai radicali per il loro contenuto civile, di azione nonviolenta, socratica, per affermare un fondamentale principio di libertà.

Il portavoce di Radicali per S.Ambrogio, Lucio Bertè, oggi al 46° giorno di digiuno “di dialogo” con il Ministro Bondi, che però sinora non gli ha risposto, e a fronte di un silenzio assoluto da parte della stampa, ha fatto una “proposta indecente”: ad ognuno dei Consiglieri Comunali di Milano ha chiesto di firmare un testo di OdG – già in loro possesso – con gli stessi contenuti proposti dal Congresso radicale, presentarlo e chiederne la votazione da parte del Consiglio, con spirito liberale, di destra o di sinistra, come atto tecnico di “servizio democratico”, al di là della personale opinione e semmai dichiarando che voterà contro quel testo.

 

Radicali per Sant’Ambrogio

 

 

MOZIONE PARTICOLARE

(Pincio – Sant’Ambrogio)

 

Il 7° Congresso di Radicali Italiani, riunito a Chianciano Terme dal 30 ottobre al 2 novembre 2008

 

PRESO ATTO CON SODDISFAZIONE

del felice esito della battaglia civile che ha salvato la città di Roma – con l’annullamento del progetto per la realizzazione di un parcheggio interrato per 700 posti auto – dallo scempio già avviato della collina del Pincio e dalla sicura lesione del sito e della monumentale architettura ideata dal Valadier e amata da tutti coloro che amano Roma

 

RINGRAZIA

il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Sen. Sandro Bondi e il Sindaco di Roma Gianni Alemanno per la giusta decisione assunta sul caso del Pincio e per gli impegni coerenti assunti per affrontare con lo stesso criterio le analoghe situazioni a livello, rispettivamente, nazionale e comunale, favorendo il massimo di informazione dell’opinione pubblica e di apporto partecipativo dei cittadini, dei loro Comitati e delle loro Associazioni culturali, oltre che dei Consigli comunali e circoscrizionali nelle loro funzioni ordinarie;

 

ESPRIME IL PROPRIO CALOROSO RINGRAZIAMENTO

al Consigliere radicale del I Municipio di Roma, Mario Staderini, e al membro della Direzione di Radicali Italiani Giovanni De Pascalis, per essere stati determinanti nel coinvolgimento, sulla vicenda del Pincio, dell’opinione pubblica, alla fine determinante a sua volta sia per la decisione finale, sia per l’alternativa indicata;

 

DICHIARA IL PROPRIO SOSTEGNO

all’iniziativa dei Radicali per Sant’Ambrogio per la salvaguardia del sito della Darsena e del sito ad martyres (S.Ambrogio) nella città di Milano, minacciati anch’essi dai parcheggi interrati;

 

INVITA

il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi:

 

- ad affrontare con lo stesso spirito con cui ha risolto il caso del Pincio, i casi analoghi di aggressione ai Centri Storici per la realizzazione di parcheggi interrati portati avanti – da destra e da sinistra – da Sindaci muniti di esorbitanti e impropri poteri commissariali, che inibiscono ogni partecipazione democratica a decisioni che portano a modifiche permanenti e irreversibili in tessuti urbani e in luoghi storicamente sedimentati e interiorizzati dai loro abitanti come tratti identitari collettivi, essenziali per la comunicazione con gli altri;

 

- a risolvere con gli stessi criteri utilizzati per il Pincio, i casi aperti a Milano, per la salvaguardia dei siti della Darsena e di S.Ambrogio, il primo legato alla storia dei Navigli, alla Fabbrica del Duomo, al ruolo di Leonardo da Vinci nella storia e nell’arte di Milano, il secondo alla storia dei primi secoli dell’era cristiana racchiusa nel cimitero ad martyres che sta per essere espiantato – come già accadde a Roma con la distruzione del cimitero paleocristiano del Gianicolo – per essere sostituito da un parcheggio interrato per cinque piani e seicento posti macchina, insultando così la memoria di quegli eroi civili nonviolenti – poi proclamati santi – che accettarono la tortura e la morte, come i membri della mitica Legione Tebea, per affermare l’obbedienza alla propria coscienza e il principio della libertà di espressione anche della propria fede religiosa, poi riconosciuta, per un breve periodo, grazie al loro martirio;

 

RIVOLGE UN PRESSANTE APPELLO

al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi, al Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, al Presidente della Provincia di Milano Filippo Penati, al Sindaco di Milano Letizia Moratti

 

- affinché operino, ciascuno per le proprie competenze, per arrivare a revocare le autorizzazioni e le concessioni in atto, intanto per quei siti, trovando soluzioni alternative più aderenti ad una impostazione metropolitana del problema della mobilità;

 

- affinché fondino i loro atti a tutela dei siti, oltre che sulla Convenzione europea sulla tutela del Paesaggio (Firenze 2000), sulla Convenzione UNESCO per la Salvaguardia dei beni immateriali (Parigi 2003), Legge dello Stato italiano dal gennaio 2008 (ripresa dalla Legge della Regione Lombardia n.27/08) e alla Dichiarazione di Yamato (Nara, JA, 2004) fatta dagli esperti dell’UNESCO, che indica ai Governi la necessità, e l’obbiettivo, di integrare e valorizzare assieme al patrimonio materiale, anche questo patrimonio immateriale “intangibile”, di avvenimenti, storie, leggende, patrimonio di carattere non solo identitario locale, ma anche di valore universale, e dunque la necessità di tutelare i siti urbani, rurali, naturali che ne sono stati teatro e costituiscono il supporto materiale di quelle memorie;

 

INVITA IL MINISTRO SANDRO BONDI

- a farsi promotore, per conto dell’Italia, come membro pro tempore del Comitato Intergovernativo per l’attuazione della Convenzione UNESCO del 2003 per la Salvaguardia del Patrimonio Immateriale, della proposta di aprire la procedura per trasformare le indicazioni della Dichiarazione di Yamato in Protocollo aggiuntivo alla stessa Convenzine UNESCO del 2003;

 

- a farsi promotore presso il Governo italiano della esigenza almeno di escludere i Centri Storici dalla possibilità di intervento dei Sindaci con i poteri commissariali concepiti per la protezione civile, per le grandi calamità e non per realizzare opere attinenti le normali scelte urbanistiche di competenza ordinaria delle Amministrazioni comunali.

 

INVITA INFINE GLI ORGANI STATUTARI DI RADICALI ITALIANI

 

ad inviare per conoscenza la presente Mozione al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio e alla Segreteria del Comitato Intergovernativo per l’applicazione della Convenzione UNESCO del 2003.

 

Lucio BERTÈ, Mario STADERINI, Ermanno DE ROSA, Guido FERRETTI, Achille CHIOMENTO, Francesco PULLIA, Sergio RAVELLI, Lorenzo LIPPARINI, Nathalie PISANO, Antonio DI BARTOLOMEO, Carlo LOI, Paolo RONCI, Oliviero NOVENTA, Francesco SPADACCIA, Giorgio PAGANO, Michele LEMBO, Maria Isabella PUGGIONI, Gianni BETTO, Diego MAZZOLA, Stelio LEONI, Yasmine RAVAGLIA, Monica MISCHIATTI, Antonella DENTAMARO, Guido RIZZI, Giuseppina TRUPIA, Lapo ORLANDI, Claudia GIROMBELLI, Maurizio LIPPARINI, Bruno DAGNINI, Giuseppe RIPPA, Stefano BILOTTI, Vittorio RIGOLI, Marco SERVENTI, Roberto CASONATO, Romano SCOZZAFAVA, Stefano MOSSINO, M. CIRAN, Jolanda CASIGLIANI, Mauro ZANELLA


Articoli correlati

  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria”
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.1%
No
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276