Lunedì , 26 Febbraio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Dicembre 1944: un mese terribile per i partigiani
14 Dicembre 2022
 

Nel mese di dicembre 1944, dopo esser stato ferito ad un polmone nel corso dell’assalto alla diga del Venina, Germano Bodo, comandante della 40ª Brigata Matteotti, decide d’inviare a Castione, in una casa isolata di proprietà dei Parravicini, il giovanissimo Riccardo Rinaldi, per consentirgli di riprendersi. Il giovane, tuttavia, non riesce a stare a lungo inoperoso. Perciò gira per il paese. Individuato dai fascisti, viene a lungo torturato. Vogliono conoscere il nome degli altri partigiani della zona e i loro nascondigli, ma Riccardo non parla. Viene ucciso. Luigi Negri, partigiano della stessa Brigata (nel dopoguerra, proprietario di un ristorante, infine dell’Albergo Europa) lo ricorda con queste parole: “…quando fu ferito da un colpo ai polmoni su alla diga del Venina, e dove il Germano (Bodo) ebbe una grave ferita al piede. Portammo il Riccardo giù in spalla, a turno. Il sangue continuava ad uscire dalla sua ferita e mi scendeva lungo la schiena. Non si era ancora ristabilito, qualche mese dopo, che volle andare a tutti i costi a Castione…”

Sempre a Castione, in località Gaggio, comandante della Brigata Sondrio, si trova Alberto Padrini per incontrarsi con altri partigiani. Scoperto disarmato viene anch’esso torturato, sfigurato ed infine ucciso. Nella Chiesa di S. Rocco, a Castione dove i due sono stati uccisi quasi contemporaneamente, si celebra l’orazione funebre per ricordare i due valorosi partigiani deceduti. Per evitare possibili attacchi fascisti nel corso della cerimonia, i partigiani piazzano due mitragliatrici, una sulla strada verso Sondrio, l’altra su quella rivolta verso la località Balzarro. Una lapide, al cimitero di Castione, ricorda oggi il sacrificio di Riccardo Rinaldi, accanto a quella di Soverna, partigiano della zona caduto in altra circostanza. Nel capoluogo, in centro, un piazzale è intitolato ad Alberto Pedrini, comandante della Brigata Sondrio.

Infine Leopoldo Scalcini “Mina” ed i suoi, nel corso delle operazioni di sganciamento dei partigiani della bassa valle dal massiccio rastrellamento posto in essere da ingenti forze nazifasciste con 4/5.000 uomini verso i primi di dicembre del 1944, non vuole ritirarsi e rimane, con i suoi uomini, in Val Gerola. Come unica misura prudenziale, decide di spostarsi più in alto sulla montagna. Purtroppo, le camicie nere, dietro una indegna segnalazione, riescono ad individuare il luogo e sorprendono nel sonno tutto il gruppo, impossibilitato a difendersi. Ben 36 partigiani sono catturati e poi passati quasi tutti per le armi, a piccoli gruppi e in diversi paesi dell’Alto Lario, per dimostrare al maggior numero di persone la fine che fanno i patrioti. “Mina” tenta di fuggire, ma viene falciato da una raffica di mitra. È il 31 dicembre 1944. Una lapide a Colico ricorda oggi il suo sacrificio.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.3%
NO
 27.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy