Venerdì , 20 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Etnia”, la parolaccia che avvelena il mondo
13 Agosto 2008
 

Il mese più crudele non è - come credeva Eliot - aprile, bensì agosto, almeno dal 1991, da quando cioè l'affermarsi di una gestione unipolare degli affari mondiali ha spezzato e spazzato via persino il falso e ambiguo equilibrio del terrore, espresso dal fatale acronimo MAD (mutua assicurazione di distruzione) con una parola che significa anche follia. E non c'è rutilante immagine delle Olimpiadi, ricerca e rappresentazione della bellezza di corpi atletici che gareggiano senza armi, che possa prendere il posto, cancellare l'orrore delle vite stroncate dalla guerra in Georgia. Nel corso delle Olimpiadi antiche ogni conflitto taceva, non più oggi quando siamo tanto “moderni” o addirittura “postmoderni”. Riappaiono guerre atrocissime: e forse le nostre giornate di vacanza non ne sono turbate?

Non su tutto si può mediare, né sottrarsi alle responsabilità: non si possono accusare gli astri o le streghe o una qualche maledizione celeste. Vi sono responsabilità politiche precise, che a partire dalla dissoluzione della ex-Jugoslavia in Europa e nel mantenere aperto il conflitto in Medio Oriente mantengono sotto ricatto il mondo. Da quando la ex Jugoslavia è stata fatta saltare con i primi riconoscimenti delle secessioni etniche (da parte della Germania e del Vaticano) si è aperta una valanga una cascata di disgrazie etniche, di guerre atrocissime, di vendette senza fine.

Non sono estranee a tutto ciò le indulgenze, i favoreggiamenti, che dall'attuale maggioranza vengono e non sono respinte, non denunciate con forza e ribrezzo dalle opposizioni parlamentari, verso atteggiamenti chiaramente razzisti, che provocano inquinamenti culturali et etici gravi, addirittura indizione di crociate da parte di Borghezio. L'odio e il disprezzo e la richiesta di pulizia etnica negano qualsiasi impianto universalistico internazionalistico umanistico della storia e cultura europea. E mondiale.

Che fare? non su tutto si può mediare, non su tutto si può passare. Il razzismo nasce dalla cultura delle “identità etniche” assolutizzazione delle appartenenze nazionali, che ben si collocano sotto il segno di quel falso universalismo che viene chiamato globalizzazione. Ma ora troppo è l'orrore, troppo il disgusto, troppo il dolore, per farci su analisi e discorsi.

Sono convinta che occorra trovare un momento, una parola, un foglio, una pausa umana per dichiarare solennemente che siamo uomini e donne che apparteniamo alla terra e al cielo stellato sotto cui viviamo e moriamo e non ad altro, che qualsiasi tentativo di arruolamento sotto bandiere avvelenate e traditrici deve essere rifiutato con serena fermezza e che la causa dell'umanità deve passare oltre ogni ostacolo per ridire parole che l'Europa ha conosciuto e poi negato e poi dimenticato e che ora non ritrova: le risorse sono misurabili e non si possono sprecare, la terra è di tutti e tutte, di chi vi nasce, fornito di diritti che non dipendono da doveri. E gli stati reprimono questi diritti usando la guerra per le politiche imperiali. Bisogna opporsi in nome delle vittime innocenti di conflitti che insanguinano il pianeta di un colore che nessuna pioggia può lavare. Bisogna far arrivare ovunque la voce di chi si riconosce in una comune umanità senza frontiere.

Lo possiamo fare noi sinistra, noi Rifondazione che paghiamo caro il prezzo di nostri errori riconosciuti e di generosità negate, e che ancora intendiamo agire, lottare, pensare perché vi sia un altro mondo possibile, che rifiuti con disgusto e vergogna di dividere le persone in nome di qualsiasi “etnia” (una vera parolaccia).

Facciamo dunque partire un messaggio che dica solo “Basta!”, nessuna causa merita che diventiamo nemici, nessuna causa può chiedere che altre persone siano uccise, assassinate, negate. Davvero si è alla disperazione, e non si può tacere, non si può assistere.

Anche se qualsiasi cosa ci venga in mente appare dolorosamente insufficiente, incredibile, non possiamo tacere, diciamo “basta”: che le organizzazioni politiche internazionali ritrovino una voce e ascoltino i popoli. Le N.U. ritrovino le parole della loro carta fondativa: senza di ciò perdono tempo in trattative che durano anni senza concludere nulla. La loro ragione fondativa fece dire che la guerra è sempre un crimine e dunque a ciò bisogna appellarsi e premere. Contra spem. Anche contro ogni speranza.

 

Lidia Menapace

(da Liberazione, 10 agosto 2008)


Articoli correlati

  Roma. I Radicali presentano oggi il dossier UNPO su possibili ulteriori focolai transcaucasici
  Giulio Manfredi, Igor Boni. Crisi Georgia: Mosca scherza con il fuoco
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Leonardo Mesa. Georgia: un contributo per una lettura disincantata
  Il reportage di Iacona sul Kosovo (Rai 3)
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Mao Valpiana. Contro la guerra, la nonviolenza
  Georgia e dintorni. Riflessioni
  Marco Perduca. «La Goergia non è dall'altra parte del mondo, ma nel cuore d'Europa e come tale va trattata»
  Georgia. Ma l'Italia con chi sta, con Putin o con l'Ue?
  Marco Cappato. Georgia: il PE approva Conferenza di pace transcaucasica aperta ai popoli non rappresentati
  Marco Perduca. Georgia. Frattini chieda a Kouchner un vertice UE a Tblisi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy