Mercoledì , 26 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Pianeta jazz e satelliti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Fabrizio Sferra Trio - Rooms (Universal ) 2009
31 Ottobre 2009
 

Dopo alcuni decenni di carriera in cui ha suonato praticamente con tutti i musicisti italiani più importanti, per non parlare degli americani di passaggio, Fabrizio Sferra firma il primo album da leader. Noto in particolare per la militanza nello Space Jazz Trio di Enrico Pieranunzi e co-fondatore del formidabile gruppo Doctor 3, Sferra ha maturato negli anni un drumming personale e raffinato che ne ha fatto patner preferito soprattutto dai pianisti che ne apprezzano il beat elastico e potente e l’uso formidabile dei piatti. Per l’album d’esordio ha scelto due giovani ma già affermati comprimari, entrambi “scoperti” da Enrico Rava: Giovanni Guidi al pianoforte e Francesco Ponticelli al contrabbasso. Diciassette brevi composizioni, nove del leader e otto di Guidi che sottolineano una affinità raggiunta ed un livello già molto alto di interplay, in cui i tre musicisti si scambiano i ruoli entro atmosfere di rarefatto ed elegante lirismo. La derivazione del trio è evidente, seguendo una linea antica tracciata dal trio di Bill Evans con Scott La Faro e Paul Motian per arrivare alle suggestioni contemporanee dello Standard Trio di Keith Jarrett, senza dimenticare i silenzi e gli spazi di Paul Bley. Terreno pericoloso e sdrucciolevole, dove tutto pare già scritto e sperimentato, e dove raccontare qualcosa di nuovo è impresa ardua e difficoltosa. I tre riescono ad evitare le secche più evidenti e le atmosfere più battute, senza peraltro riuscire ad aggiungere novità strutturali alla formula classica del trio. Prevalgono il gusto melodico, i tempi medio lenti, la perfetta intesa e lo scambio di idee. Guidi in particolare, dato il ruolo centrale del pianoforte e la giovane età, mette in mostra doti straordinarie pur pagando un evidente tributo ai maestri del suo strumento. Inappuntabile Ponticelli, straordinario come sempre Sferra, l’album si ascolta d’un fiato e lascia, entro i limiti descritti, fascinose suggestioni.


Roberto Dell'Ava


VALUTAZIONE: * * * 1/2


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy